Apex Legends EIC 2022: è tutto pronto per la finalissima al Milan Games Week

Si è conclusa la stagione regolare del torneo EIC 2022 di Apex Legends e adesso sappiamo hi si sfiderà nell'attesa finalissima al Milan Games Week.

Apex Legends EIC 2022: è tutto pronto per la finalissima al Milan Games Week
NOTIZIA di Luca Forte   —   16/11/2022
0

Nel corso della regular season di EIC 2022 dedicata ad Apex Legends (la quale si è giocata nelle giornate del 16 settembre, 6 e 21 ottobre) è successo davvero di tutto. Uno spettacolo animato da ben ventisei team partecipanti. Volti conosciuti della scena esport e molti talenti emergenti hanno animato il campionato che, nel corso delle giornate ha visto prima di tutto la scissione del team SMS (mox se ne è infatti andato, lasciando i compagni in balia degli eventi). Gli SMS, pur non essendo le macchine da kill di un tempo, sono riusciti lo stesso a trovare la quadra, alla fine. La formazione bergamasca si è posizionata seconda in classifica generale, optando per una scelta di meta differente rispetto al recente passato.

L'inserimento di Vantage nella selezione delle leggende ha effettivamente dato i propri frutti, così come la rivoluzione del roster. I campioni della scorsa edizione si pongono come delle vere e proprie nemesi degli aNc OutPlayed, assoluti dominatori della regular season. Pensate che hanno collezionato, in sole tre giornate, ben 202 punti segnando addirittura 124 kill nel ruolino di marcia. Travolgenti, se consideriamo che i secondi - gli SMS, si sono fermati a quota 129 con "appena" 74 kill.

Gli OP quindi hanno dimostrato un'incredibile (e inossidabile) solidità ed efficienza, grazie alla loro costanza e l'affiatamento dei componenti. Di gran lunga considerato da tutti - community e caster - il team favorito, per alzare il trofeo sul palco della MGW.

Riguardo al già citato Mox, fuoriuscito dal gruppo SMS, egli ha formato un proprio team, gli Easy Win, i quali in poche partite hanno performato talmente bene da classificarsi addirittura quarti nella classifica generale. Una vera e propria sorpresa, visto che nessuno - ma proprio nessuno - aveva puntato sugli Easy Win, tanto che gli stessi giocatori (dopo aver peraltro dominato la lobby più volte) ci hanno tenuto a farlo sapere anche ai caster, scherzandoci un po' su e ricordando a tutti che non devono essere sottovalutati. Di sicuro gli Easy Win sono uno dei team da osservare con maggior attenzione. Pericolosi in una finale secca al meglio dei 6 game.

Infine, i Dose Esports (un tempo chiamati ZBM) si posizionano terzi. Forti nel complesso, ma hanno ogni tanto testato anche composition un po' più eclettiche rispetto al meta prevalente, sperimentando tanto e prendendo molto più alla leggera il loro percorso, probabilmente per cercare di conservare le strategie in vista della finale e sorprendere tutti gli avversari. Ricordiamo che i Dose Esports sono stati i campionissimi - lo scorso febbraio - della Open Fiber Cup. Individualmente i tre giocatori del roster sono assolutamente temibili.

Menzione d'onore alla squadra Nome Del Team, forte del player Shrp - in forza a Reply Totem e decisamente talentuoso - la quale è riuscita a scalare i ranghi della classifica generale giungendo addirittura settima. Ovviamente ciò non basta per vederli a Milano, ma sono comunque riusciti a costruire qualcosa di bello. Chissà se li rivedremo, in futuro.

Nota a margine, invece, riguardo al meta di gioco. Rispetto ai qualifier c'è stato un grande cambiamento. Gli addetti ai lavori lo chiamerebbero "meta shifting". Vediamolo più nel dettaglio. Nel corso dei qualifier le squadre giocavano con una coppia di leggende fisse virate verso la mobility (Valkyrie) e una dedicata alla difesa (Gibraltar) oppure "flex" (ovvero variabile) in base alla composizione che i team volevano strutturare.

Nel corso della regular season i team hanno puntato fortemente sul nuovo personaggio difensivo (Newcastle), entrato subito in meta. Questo permette di tenere in piedi ed efficiente la squadra per molto tempo, anche in situazioni pericolose e scomode. Un approccio più dinamico rispetto alla fortezza mobile Gibraltar.

In seguito all'uscita di Gibraltar dal meta i giocatori hanno preferito puntare su una composizione molto più aggressiva. Hanno utilizzato più spesso Horizon, da tempo fuori meta e invece recuperata senza troppi complimenti. Insieme a Horizon è entrato anche Seer in meta. In questo modo è molto più semplice raccogliere info, bloccare le ricariche degli scudi avversari e far fruttare al meglio una strategia super aggressiva. Il cambio del meta difensivo ha permesso di creare nuove composizioni, più volte definite "esotiche", perché dettate dalle situazioni o anche semplicemente basate sui gusti e sulla comfort zone dei singoli player. Questi ultimi, non a caso, si sono potuti divertire con approcci più eclettici.

Ora non ci resta che attendere con trepidazione l'inizio della finalissima che, ricordiamo, verrà disputata live sul palco della Milan Games Week e vedrà gli aNc Outplayed, i Samsung Morning Stars, i Dose Esports e gli Easy Win combattere per il dominio della scena nazionale!