Artista di Naughty Dog ha spiegato i vantaggi dei 30fps sui 60fps in termini di sviluppo

Un'artista di Naughty Dog ha spiegato i vantaggi che si hanno puntando ai 30fps invece che ai 60fps in termini di sviluppo con parole molto chiare.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   12/08/2020
339

Boon Cotter, artista impegnato con Naughty Dog, ha spiegato su Twitter con parole molto semplici come mai spesso gli studi di sviluppo preferiscano i 30fps ai 60fps, ossia ha illustrato i vantaggi che comporta avere un framerate più basso in termini di resa grafica. Sentiamo dalle sue vive parole come funziona la cosa:

"Una nota su 30fps vs 60 fps: non è semplice come pensate."

"Quando si fa il rendering a 60fps si hanno circa 16ms (millisecondi ndr) per frame. La gran parte di quel budget si spende sulle risorse di base, poligoni e materiali. Mettiamo, ad esempio, di avere un costo per frame per gli elementi di base di 10ms in una scena particolarmente densa."

"Ci rimangono 6ms per cose come l'ambient occlusion, le screen space reflection, il subsurface scattering, gli effetti particellari, il bloom e altri effetti di post processing che rendono bella la merda."

"Non è un budget elevatissimo. Ma che succede quando scendiamo a 30fps? Ora abbiamo circa 33ms per frame per il rendering. Abbiamo lo stesso costo per gli elementi di base di 10ms, ma ce ne rimangono 23 per il resto. Si tratta di un budget di circa QUATTRO VOLTE superiore per le caratteristiche avanzate di rendering."

"I giochi che vanno a 60fps fanno dei sacrifici importanti sulla qualità del rendering per avere quel frame rate elevato. Non c'è un pulsante magico che possiamo premere per raddoppiare gli FPS. Se il gameplay funziona a 30fps, spesso ha più senso mirare a quel framerate con un rendering migliore."

Con Uncharted 4 il multiplayer girava a 60fps, ma per riuscirci abbiamo dovuto spegnere molte funzioni avanzate di rendering, con quindi meno effetti particellari, nessuna (o scarsissime) fonte di luce dinamica e il post processing al minimo."

"Ha senso far andare il multiplayer a 60fps perché il gameplay migliora. Ma in single player i 30fps sono ottimi e la grafica risulta molto migliore. Se avessimo lanciato un gioco single player a 60fps l'impatto grafico ne avrebbe sofferto moltissimo."

Come artista che si occupa dell'illuminazione, da me dipende molto di quel budget dei frame e dell'ottimizzazione. Devo fare sacrifici in tutte le scene per avere i 30fps stabili. Dell'hardware migliore significa solo che posso mirare a un rendering migliore e non vedo come questo possa cambiare nel breve periodo."

Serviranno le sue parole a far capire che non è una semplice questione di volontà puntare ai 60fps invece che ai 30fps? Naturalmente no, visto che spesso non ci arriva nemmeno la stampa specializzata a comprendere che problematiche può comportare il raddoppio del framerate, ma apprezziamo il tentativo.