Atari: Soulja Boy afferma di averla comprata, ma è tutto falso

Non si sa bene perché il rapper Soulja Boy abbia affermato di aver acquistato Atari, per essere però subito smentito dalla compagnia.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   20/08/2021
19

Il rapper Soulja Boy, al secolo DeAndre Cortez, ha pubblicato un video in cui afferma di essere il nuovo proprietario di Atari, lo storico marchio che ha fondato l'industria dei videogiochi insieme a Magnavox. Naturalmente è un falso, come confermato da Atari stessa, ma non è chiaro perché il rapper abbia fatto certe affermazioni, a parte per farsi un po' di pubblicità.

Nel video Soulja Boy afferma che Atari è rimasta impressionata dalla sua linea di console SouljaGame (se non lo conoscete state tranquilli, perché è semplicemente il rebranding di prodotti cinesi a basso costo) e l'ha contattato per vendergli la compagnia per 140 milioni di dollari, firmando ben due accordi separati. Questo farebbe di lui il primo rapper a possedere una compagnia videoludica.

Tutto splendido, se non fosse completamente falso, come confermato da Atari stessa tramite Twitter: "Sappiamo che fare il CEO di Atari è il lavoro dei sogni di molti, ma attualmente questo onore spetta a Wade Rosen."

Ora, la storia in sé era già abbastanza improbabile, perché nessuno potrebbe farsi impressionare in positivo da SouljaGame e al massimo a chiamarlo potrebbe essere stata la Guardia di Finanza USA, viste le conclamate violazioni di copyright dei suoi prodotti, ma a questo punto non è chiaro come mai il rapper abbia voluto coprirsi di ridicolo in questo modo, raccontando una balla facilmente verificabile.