Bloodborne 2, From Software commenta l'inserimento dell'easter egg in Deracine

Il presidente di From Software, Hidetaka Miyazaki, ha parlato della scelta di inserire riferimenti a Bloodborne in Deracine. Dobbiamo davvero aspettarci l'annuncio di Bloodborne 2?

NOTIZIA di Davide Spotti   —   05/12/2018
24

Disponibile dallo scorso mese in esclusiva per PlayStation VR, Deracine è stato il primo progetto di From Software appositamente realizzato per la realtà virtuale.

Nonostante la distanza espressiva e contenutistica rispetto ai precedenti lavori della casa giapponese, l'avventura ha stimolato l'interesse dei fan di Bloodborne attraverso un easter egg di cui si era parlato pochi giorni dopo l'arrivo dell'opera nei negozi. Indicazioni che, prevedibilmente, hanno ridestato l'attesa del pubblico in vista di un eventuale annuncio di Bloodborne 2.

Interpellato sulla faccenda dal sito spagnolo Xataka, il game director Hidetaka Miyazaki ha dichiarato: "Ok, sì. In realtà questo è esattamente il tipo di conversazione che io e il mio team abbiamo avuto. Siamo abituati a confrontarci su questi aspetti durante lo sviluppo, proprio perché ci sono gli Easter Egg. Tuttavia, ciò non è indicativo del fatto che lanceremo Bloodborne 2. Non sono in grado di parlare di una possibile pubblicazione di Bloodborne 2".

"Amiamo Bloodborne, ecco perché questa Easter Egg ha suscitato così tanta curiosità. Ma lo ripeto, non è un riferimento a Bloodborne 2. È semplicemente qualcosa che abbiamo esplorato, dato che amiamo Bloodborne".

Nella nostra recensione di Deracine per PSVR, Rosario Salatiello ha scritto: "Arrivati a questo punto, dovrebbe esservi abbastanza chiaro se Déraciné sia un gioco che fa per voi oppure no. Chi è alla ricerca di un'esperienza un po' diversa da altre vissute in realtà virtuale, accompagnata da una buona atmosfera e una storia tutto sommato interessante troverà senza dubbio allettante l'idea di mettere in testa PlayStation VR. Al contrario, chi cerca un'avventura dove gli enigmi ricoprono un ruolo primario farà bene a guardare altrove."