CS:GO: patch del 7 gennaio rimuove i Bot, i giocatori sono stupiti

Valve ha rilasciato la patch del 7 gennaio che rimuove i Bot da CS:GO all'interno delle partite competitive, stupendo i giocatori.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   08/01/2021
16

La patch del 7 gennaio 2021 di CS:GO ha rimosso i bot dalle modalità competitive dello sparatutto online, stupendo non poco i giocatori. Valve ha illustrato in modo preciso il nuovo funzionamento dei bot all'interno del gioco tramite la patch note rilasciata sul blog di Counter-Strike Global Offensive.

Semplicemente, da questo momento, quando un giocatore di CS:GO si disconnette o viene cacciato dalle partite competitive o wingman, non viene più sostituito da un bot. Questo significa che il team sarà in inferiorità numerica. Nel caso nel quale l'intero team si disconnetta, allora apparirà un singolo bot che non farà altro se non stare fermo in un punto per consegnare la vittoria agli avversari.

Ad oggi, i bot venivano usati come sostituto di un giocatore umano, nel caso nel quale quest'ultimo venisse estromesso (per un errore di rete o volontariamente da altri giocatori) dalla partita. Ovviamente l'IA dei bot non è esattamente perfetta e, pur ricevendo ordini dai giocatori umani, non sempre si comportava come ci si sarebbe aspettato. Il vantaggio era legato al fatto che se un giocatore umano fosse morto mentre era presente un bot, l'umano avrebbe preso il controllo del bot, in pratica ottenendo una seconda vita per il round in corso.

Per quale motivo Valve ha deciso di cambiare le cose con questa patch di CS:GO? Secondo i fan, potrebbe essere causato dalla volontà di impedire l'utilizzo di questa "seconda vita". Infatti, in alcuni casi i giocatori meno abili venivano cacciati dagli altri, i quali sapevano di ottenere così un vantaggio.

Recentemente abbiamo visto che nella classifica Steam, Cyberpunk 2077 era comodamente primo davanti all'espansione di CS:GO.