Digimon Survive classificato dall'ESRB, data di uscita in arrivo?

Digimon Survive è stato classificato dall'ESRB, con alcuni dettagli emersi dalla descrizione e soprattutto la possibilità di una data di uscita in arrivo.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   01/12/2021
12

Digimon Survive è stato classificato dall'ESRB, cosa che fa pensare a una possibile data di uscita in arrivo per il gioco Bandai Namco, ormai atteso da anni visti i continui posticipi che ha subito nel corso del suo sviluppo.

Proprio alla fine di ottobre è giunta la conferma del fatto che Digimon Survive era stato rinviato al 2022, ma ancora non c'è una data di uscita precisa per il gioco, dunque un annuncio al riguardo dovrebbe arrivare nel prossimo periodo e questa potrebbe essere vicina, considerando che il gioco è stato annunciato oltre tre anni fa.

Dalla classificazione di per sé non arrivano tante informazioni: Digimon Survive è stato catalogato nella fascia "T", ovvero per ragazzi, ed è segnato in arrivo per PC, PS4, Nintendo Switch, Xbox One e Xbox Series X|S.

A questo proposito, risulta piuttosto strana la menzione specifica alle console next gen di Microsoft, visto che difficilmente il gioco avrà una versione nativa su queste, ma staremo a vedere.

Per il resto, la descrizione ci dice che si tratta di una visual novel con elementi da RPG strategico, nel quale i giocatori seguono dei ragazzi giapponesi persi in un mondo pieno di mostri. Seguendo la storia, ci si trova periodicamente a combattere con scontri a turni utilizzando i Digimon, ovvero mostri con poteri e abilità speciali.

In stile strategico, personaggi e Digimon si muovono su campi di battaglia a scacchiera, selezionando le mosse da effettuare. Al di là di una scena con un cadavere insanguinato e di qualche parolaccia non molto spinta, la descrizione fa notare con precisione come ci sia una mossa chiamata "Poop Toss", ovvero lancio di cacca, che è mostrata come una sorta di escremento in stile cartoonesco che viene lanciato contro i nemici. Cosa particolarmente interessante, dobbiamo dire.