Fallout: single player o multiplayer? La scelta potrebbe spettare a Xbox

Un nuovo capitolo di Fallout arriverà, prima o poi: sarà multiplayer o single player? La scelta potrebbe in realtà spettare a Xbox e non a Bethesda.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   17/05/2021
92

Negli ultimi giorni si parla sempre più spesso di Fallout, la saga RPG di Bethesda. Prima abbiamo scoperto che il team di sviluppo è in cerca di un nuovo Server Engineer, poi l'head of game services di Xbox ha con tranquillità affermato che la compagnia è al lavoro sulla serie. Esiste sempre la possibilità che tutto sia legato a Fallout 76, ma i fan non possono non sperare nell'arrivo di un nuovo capitolo.

La domanda più naturale quindi è: Bethesda ha intenzione di proseguire con l'online, oppure vorrà tornare a una più classica struttura a giocatore singolo? Per rispondere a questa domanda, però, dobbiamo prima di tutto notare che ora vi è un altro gallo nel pollaio che potrebbe condizionare la decisione: Microsoft.

Sì, la compagnia di Redmond ha detto che Bethesda e gli altri studio Zenimax godranno di una certa indipendenza, ma questa è più un'affermazione per il pubblico, per rassicurarli sul fatto che i vari team continueranno a creare i giochi che li hanno resi celebri. Bethesda è però parte di un più grande tutto, ora, e dovrà trovare un proprio spazio. Non sembra difficile, visto che parliamo di Bethesda, non di un piccolo team, ma nondimeno dovranno fare i conti con obbiettivi diversi rispetto al passato.

Fallout 76 Wasterlanders
Fallout 76 Wasterlanders

Di cosa stiamo parlando? Di Game Pass. Microsoft, attualmente, sta "semplicemente" aggiungendo valore al servizio, con continui accordi con le terze parti e con gli sviluppatori indie, accumulando grandi giochi uno dopo l'altro. Ovviamente tutto questo ha un costo, ma non è paragonabile allo sviluppo di un intero gioco. Anche se una parte dei videogame di terze parti aggiunti al servizio venissero ignorati dal pubblico, Microsoft avrebbe perso una piccola fetta dell'investimento, ma non sarebbe un grande problema nel mezzo dell'enorme quantità di denaro che sta investendo.

Fra alcuni anni, però, il Game Pass non sarà "solo" un insieme di terze parti e "vecchi" giochi first-party. Su base regolare vedremo arrivare giochi prodotti internamente dagli Xbox Game Studios sin dal D1. È già successo (con Gears 5 e Microsoft Flight Simulator, ad esempio), ma in futuro sarà molto più frequente.

Sarà veramente una sorta di Netflix (non con la stessa quantità di esclusive, chiaramente, parliamo di medium molto diversi). Qual è però la grande potenza di Netlix? La varietà. Un servizio come Game Pass dovrà fare in modo di attirare più giocatori possibili, dando a tutti qualcosa di interessante. Qui potrebbe entrare in gioco Fallout che, accanto al fratello maggiore The Elder Scrolls e al neonato Starfield (che sarà un puro single player, sulla base di quanto detto da Todd Howard), potrebbe raddoppiare sul multigiocatore, per fare in modo di creare un pacchetto di contenuti diversificato.

Fallout si è già mosso in quella direzione e, storicamente, è un'IP molto più fluida (Fallout 3, ora ritenuto insieme a New Vegas il "vero Fallout", fece scalpore in quanto rivoluzionò lo stile dei capitoli precedenti).

Non dimentichiamoci, inoltre, che un gioco online - con magari una struttura da game as a service (chi ha detto Sea of Thieves?) - è perfetto per servizi in abbonamento come Game Pass, in quanto spinge il giocatore a continuare a usare il servizio (in versione Ultimate, tra l'altro, visto che su console serve anche Gold per giocare online). Bethesda potrebbe quindi avere molta meno voce in capitolo rispetto a quanto pensiamo, almeno su questo specifico argomento.

The Elder Scrolls Online
The Elder Scrolls Online

Non vediamola inoltre come una possibilità di cui essere tristi. The Elder Scrolls Online è un gioco di altissima qualità e un'opera simile ma costruita sull'IP di Fallout potrebbe veramente essere un piacere da giocare. La sicurezza economica garantita da Microsoft è inoltre un altro punto di forza, che potrebbe garantire il rilascio di un gioco completo e non di un Accesso Anticipato sotto falso nome.

Oppure no. Forse Microsoft preferirà rilasciare un gioco classico, per attirare i giocatori storici e farsi tanta pubblicità positiva. In ogni caso, Microsoft e il Game Pass saranno centrali nel decidere in che modo saranno sviluppati i futuri giochi di Bethesda e non solo. Voi cosa ne pensate? Qual tipo di gioco vorreste?