Final Fantasy 14: video analisi svela che PS5 è spesso peggiore di PS4 Pro, per Digital Foundry

Final Fantasy 14 è passato da PS3 a PS4 e ora a PS5: quali sono le migliorie? La video analisi svela che PS5 è spesso peggiore di PS4 Pro, per Digital Foundry.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   27/06/2021
22

Final Fantasy 14, in qualità di MMORPG, ha avuto (e avrà) una lunga vita. L'opera è nata su PS3, è passata su PS4 ed è ora arrivata anche su PS5, in un successo in continua crescita. Quali sono però i miglioramenti del passaggio da una versione all'altra? Digital Foundry ha condiviso una video analisi realizzata da Marc 'Try4ce' Duddleson, occasionale ospite della testata e grande esperto di Final Fantasy XIV. Secondo quanto indicato, la versione PS5 è alle volte peggiore di quella PS4 Pro!

Prima di tutto, viene sottolineato che Final Fantasy 14 è sempre un titolo del 2013 e il motore grafico non è stato modificato da allora. Su PS5, il gioco propone ancora effetti anti-aliasing datati, risoluzione delle ombre non particolarmente alta ed effetti a schermo limitati. La densità della vegetazione e la distanza di caricamento sono identici tra PS4 e PS5.

Final Fantasy 14
Final Fantasy 14

La versione PS5 di Final Fantasy 14 esegue in pratica la versione PS4 Pro a impostazioni massime, con alcuni effetti aggiuntivi. Su PS4 Pro possiamo optare per i 1080p e 1440p, mentre su PS5 si aggiungono i 2160p. Purtroppo, il 4K impatta sulle prestazioni in modo non positivo. Su PS5, è quindi comunque meglio optare per i 1440p, per avere sia una buona risoluzione che una buona qualità immagine. Inoltre, su PS5 non vengono nemmeno garantiti i 60 FPS fissi. In alcuni casi, eseguendo su PS5 la versione PS4 Pro del gioco si ottengono prestazioni uguali se non migliori rispetto alla versione nativa per PS5. I caricamenti sono superiori su PS5, ma tra la versione PS4 giocata in retrocompatibilità e la versione nativa PS5 non ci sono particolari differenze.

Final Fantasy 14, in ogni caso, propone alcuni miglioramenti rilevanti, come la qualità di molte icone ed elementi dell'interfaccia grafica. Le modifiche, ha svelato Square Enix, sono state fatte con un'upscaling IA: sarà interessante capire se qualcosa di simile possa essere fatto su PS5 anche con le texture.

La versione PS5 supporta anche il DualSense. I grilletti adattivi vengono usati di tanto in tanto per certe sezioni di trama, mentre il feedback aptico viene utilizzato per simulare gli effetti di volo con le creature utilizzabili dal giocatore. La vibrazione, però, si attiva anche per ogni passo del personaggio: una sensazione piacevole in giochi come Astro's Playroom ma, per titoli che richiedono ore e ore di gioco, potrebbe risultare fastidioso per molti.

Nel complesso, la versione PS5 non propone molti passi in avanti tecnici e in alcuni casi si potrebbe anche preferire la versione PS4 Pro. Parlando invece di Final Fantasy 7 Remake: i seguiti "saranno molto diversi dall'originale", svela Square Enix.