Final Fantasy 8, Kitase parla di un possibile Remake e del ventesimo anniversario 67

In occasione del ventesimo anniversario di Final Fantasy 8, il director Yoshinori Kitase ha svelato alcuni retroscena sul gioco e ha risposto alla domanda sulla possibilità di un Final Fantasy 8 Remake.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   15/10/2019

Il nuovo numero della rivista nipponica Famitsu contiene un'interessante intervista a Yoshinori Kitase di Square Enix, incentrata sul ventesimo anniversario di Final Fantasy 8 e sull'eventualità di un Remake per il gioco.

Kitase, director di Final Fantasy VIII, ha ricordato il gioco anche per il suo essere collegato a un modo di sviluppare i titoli che non è più possibile in Square Enix. Secondo quanto riferito, all'epoca c'era più libertà di scelta e azione in fase di sviluppo rispetto ad ora, in cui si deve seguire in maniera abbastanza fedele quanto stabilito in fase di planning. In Final Fantasy 8, ad esempio, gli sviluppatori avevano cercato anche di variare un po' le cose con l'introduzione del Salary System e del Draw System.

Final Fantasy 8 è stato inoltre il primo gioco sviluppato con l'uso del motion capture in Square Enix. A questo proposito Kitase ha ricordato che, nelle fasi di registrazione dedicate a Squall, invece di costruire una riproduzione della Gunblade stilizzata e in materiale leggero ne fecero una che sembrava vera, in acciaio e pesante. "Sembrava un'arma vera e propria, gli attori si sarebbero anche potuti far male".

Infine, Kitase ha risposto all'eventualità di creare un Final Fantasy 8 Remake: "Be', Final Fantasy 7 Remake non è ancora uscito. Personalmente, se i membri più giovani dello staff in Square Enix dicessero che vogliono fare un Final Fantasy 8 Remake allora mi piacerebbe poterlo fare. Final Fantasy 7 Remake è nato perché in Square Enix tutti volevamo rifare quel capitolo con la nostra tecnologia attuale. Dunque piuttosto che me stesso, mi piacerebbe che fossero gli sviluppatori più giovani a volerlo fare".