Microsoft e Activision: l'FTC vuole tornare alle regole di 50 anni fa sulle acquisizioni, per un ex-commissario

Secondo l'ex-commissario William Kovacic, l'FTC vuole sostanzialmente far tornare i regolamenti sulle acquisizioni a 50 anni fa.

Microsoft e Activision: l'FTC vuole tornare alle regole di 50 anni fa sulle acquisizioni, per un ex-commissario
NOTIZIA di Giorgio Melani   —   23/01/2023
38

L'ex commissario dell'FTC William Kovacic è stato intervistato dall'MSNBC in merito anche all'acquisizione di Activision da parte di Microsoft, che secondo Kovacic rappresenta un esempio della volontà della Commissione di modificare la politica sulle acquisizioni, facendola tornare a 50 anni fa.

Avendo fatto parte dell'FTC, Kovacic è considerato un esperto nel settore d'indagine in cui opera la Commissione, ed è stato interrogato sulle recenti iniziative dell'ente governativo. Secondo l'ex-commissario, la guida di Lina Khan vuole sostanzialmente riportare le regole di 50 anni fa per quanto riguarda le acquisizioni.

La recente opposizione all'acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft dimostra "Senza ombra di dubbio che c'è una volontà di resettare le regole sulle acquisizioni, e farle tornare nei limiti che esistevano alla fine degli anni 60 o inizio anni 70", ha spiegato Kovacic.

Secondo l'ex-commissario, un segnale importante di quello che potrebbe venir fuori sulla questione Activision lo avremo dalla conclusione del caso sull'acquisizione di Within (compagnia specializzata in VR) da parte di Meta, che rappresenta un altro caso di acquisizione verticale e dunque, normalmente, non troppo problematica per le regole attuali sulla concorrenza.

"C'è un test importante nella corte della California proprio adesso che riguarda il tentativo dell'FTC di bloccare l'acquisizione di Within da parte di Meta. Anche questa è un'acquisizione verticale. Il giudice distrettuale dovrebbe rilasciare la propria decisione entro la fine del mese", ha spiegato Kovacic, secondo il quale questa decisione sarà importante per prevedere anche l'esito del processo a Microsoft.

"Se l'FTC riuscirà a prevalere in quel caso, questo potrebbe rafforzare l'ente nel suo procedimento attuale e rendere molto più difficile, per Microsoft, negoziare una possibile soluzione. Se perdono, invece, penso che si potrebbe creare un ambiente in cui un accordo con le concessioni suggerite da Microsoft sia molto più probabile".

Dunque il risultato del caso su Meta e Within, che si avrà verso la fine di gennaio, potrebbe far prevedere anche la soluzione del caso Microsoft-Activision. In ogni caso, secondo Kovacic si tratta di un caso di acquisizione verticale che non avrebbe dovuto causare un'opposizione del genere da parte dell'FTC nelle condizioni attuali dei regolamenti antitrust, ma è evidente che la nuova gestione di Lina Khan voglia puntare a una sostanziale modifica di questi regolamenti.