PS5: aumento di prezzo annunciato ufficialmente da Sony PlayStation

Sony PlayStation ha annunciato che aumenterà il prezzo di listino ufficiale di PS5, sia per la versione Standard che quella Digital, in Italia e altri paesi del mondo.

NOTIZIA di Stefano Paglia   —   25/08/2022
713

A sorpresa, oggi Sony PlayStation ha annunciato un aumento di prezzo per PS5 in numerosi paesi del mondo, Italia inclusa: la versione Standard con lettore costerà 549,99 euro mentre la Digital 449,99 euro, con un rincaro dunque di 50 euro per entrambi i modelli, che in precedenza erano prezzati rispettivamente 499,99 euro e 399,99 euro. I cambi di prezzo sono attivi con effetto immediato.

L'annuncio è arrivato sulle pagine del PlayStation Blog, dove Jim Ryan, presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment ha spiegato che l'aumento di prezzo di PS5 è dovuto agli "elevati tassi di inflazione globale", nonché all'"andamento negativo delle valute". Il rincaro coinvolgerà tutti i paesi dell'Europa, il Regno Unito e numerosi altri paesi nel resto del mondo, ad eccezione degli Stati Uniti.

PS5
PS5

"Stiamo assistendo a tassi di inflazione globali elevati, nonché a un andamento negativo delle valute, che incidono sui consumatori e creano pressioni su molti settori", ha dichiarato Ryan. "Sulla base di queste difficili condizioni economiche, SIE (Sony Interactive Entertainment), ha preso la difficile decisione di aumentare il prezzo di vendita consigliato di PS5 in mercati selezionati in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), Asia-Pacifico (APAC), America Latina (LATAM), così come il Canada. Non ci saranno aumenti di prezzo negli Stati Uniti."

"Sebbene questo aumento dei prezzi sia una necessità dato l'attuale contesto economico globale e il suo impatto sull'attività di SIE, la nostra priorità principale continua ad essere il migliorare la disponibilità di PS5 nei negozi, così che il maggior numero di giocatori possibili possa provare tutto ciò che offre PS5 e ciò che deve ancora arrivare".

L'aumento di prezzo di PS5 rappresenta una notizia clamorosa per l'industria videoludica, anche se non del tutto inaspettata, che siamo sicuri farà storcere il naso a molti potenziali acquirenti e discutere molto nei prossimi giorni. E voi che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.