Square Enix limiterà le proprie attività al PAX East per paura del coronavirus 63

Square Enix ha annunciato che limiterà la sua presenza al PAX East e non invierà i suoi sviluppatori a Boston per paura del Coroavirus.

NOTIZIA di Luca Forte   —   22/02/2020

Square Enix limiterà la sua presenza al PAX East di Boston per paura del Coronavirus.

Brutte notizie per il PAX East, la fiera che si terrà a Boston dal 27 febbraio 2020 al primo marzo. Dopo che Sony ha cancellato l'evento di The Last of Us: Parte 2, anche Square Enix ha annunciato di aver ridotto le attività previste. In un messaggio pubblicato sul blog di Final Fantasy 14, lo staff del gioco ha annunciato che lo stand dedicato all'MMO sarà presente, ma non arriveranno gli sviluppatori della divisione giapponese di Square Enix a raccontare la loro esperienza.

"Come la community saprà sicuramente, COVID-19 (il nome di questo nuovo ceppo di coronavirus) si sta diffondendo in tutto l'est asiatico," spiega il post. "Tenendo in considerazione quello che sta succedendo in questa regione, Square Enix ha dovuto prendere la triste decisione di cancellare la presenza di quella parte di staff che sarebbe arrivata dagli uffici giapponesi."

Una decisione difficile, ma che sembra condivisa da molte altre aziende del settore oltre a Square Enix. Sony e Facebook hanno annunciato che non saranno presenti alla GDC 2020, come misura precauzionale per la sicurezza dei propri dipendenti. La fiera potrebbe essere, quindi, a rischio, come è successo recentemente al Mobile World Congress 2020 che è stato cancellato a causa del Coronavirus.

Con i primi casi arrivati anche in Italia possiamo comprendere il timore da parte di Square Enix e la sua volontà di limitare al massimo gli spostamenti non strettamente necessari.