Ubisoft: ex-director di Uber guiderà la riorganizzazione, in seguito agli scandali

Anika Grant, ex-HR director di Uber, guiderà la riorganizzazione interna di Ubisoft: è la risposta agli scandali interni alla compagnia.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   09/04/2021
41

Ubisoft ha nominato Anika Grant nuovo CPO della compagnia: si tratta di una parte dello sforzo della società francese di riorganizzare il reparto risorse umane. Grant è un ex-HR Director di Uber e guiderà la riorganizzazione della compagnia in seguito agli scandali legati a comportamenti sessisti di vari leader della compagnia.

Ubisoft ha affermato: "Anika lavorerà sul miglioramento della cultura interna della società e si assicurerà che vi sia sicurezza, rispetto e benessere, permettendo così a ogni membro del team di apprendere, crescere e fiorire." Viene fatto notare che Grant ha "19 anni di esperienza nella gestione delle Risorse Umane in grandi organizzazioni attive in vari settori."

Anika Grant, nuovo CPO di Ubisoft
Anika Grant, nuovo CPO di Ubisoft

Grant è stata Global HR Director per Dyson's Global Markets e precedentemente ha lavorato per tre anni in Uber come senior director delle Risorse Umane. Il CEO di Ubisoft, Yves Guillemot, ha affermato: "Sono molto felice di dare il benvenuto ad Anika Grant come nuovo CPO. La sua energia, ottimismo ed esperienza sarà un grande valore aggiunto per permetterci di continuare a evolvere il nostro approccio alle Risorse Umane e la gestione dei talenti interni. Lavorando al mio fianco, la missione di Anika consisterà nell'allineare tutti i nostri team delle Risorse Umane per assicurarci che vi sia una visione forte e condivisa, implementando metodi di lavoro innovativi."

Viene poi spiegato che Grant si focalizzerà anche sul "rafforzamento della cultura interna della società, assicurandosi che i team possano crescere in modo sano in un ambiente che promuova il rispetto, la diversità, l'inclusività e il benessere collettivo."

Tutto questo, come detto, è parte dello sforzo della compagnia per risolvere i problemi interni emersi lo scorso anno, quando molteplici dipendenti hanno svelato di essere stati aggrediti sessualmente, abusati e di aver lavorato in ambienti tossici in vari studios di Ubisoft.

Di recente, abbiamo anche scoperto che il narrative director Darby McDevitt ha lasciato Ubisoft.