Valve assume psicologi per costruire il gameplay dei giochi del futuro

Annunci di lavoro da parte di Valve per la ricerca di psicologi, economisti, statistici per la costruzione del gameplay dei giochi del futuro da parte della compagnia.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   03/02/2020
75

Valve ha deciso di assumere psicologi per la creazione del gameplay del futuro, evidentemente andando oltre alle classiche categorie standardizzate che si vedono negli annunci di lavoro del mondo videoludico.

Valve non si accontenta di game designer, art director, programmatori e grafici, a quanto pare: tra i suoi annunci di lavoro troviamo dunque psicologi, oltre a economisti ed esperti di statistica. Si tratta di posizioni accademiche, che abbiano anche dimestichezza con la sperimentazione: per quanto riguarda gli psicologi, in particolare, si cercano persone con esperienza nella psicologia sperimentale, in modo da approfondire la conoscenza, da parte di Valve, del "comportamento umano e delle motivazioni e influenze che sottostanno a ciò che le persone fanno e a come lo fanno".

"Crediamo che tutti i game designer siano, in un certo senso, degli psicologi sperimentali", si legge nell'annuncio di Valve, "Questo è il motivo per cui cerchiamo degli psicologi sperimentali con abilità di ricerca superiori, per applicare conoscenze e metodologie dalla psicologia al game design e a tutti gli aspetto delle operazioni di Valve. Vogliamo approfondire le esperienze con progettazione sperimentale, ricerca di metodi e statistiche anche sul comportamento umano, in modo da aiutare la costruzione di esperienze di gameplay ancora più coinvolgenti per i giochi Valve del futuro".

Questa attenzione al comportamento umano e alle ricerche connesse a questo è un indirizzo preso da Valve da un po' di tempo a questa parte, visto anche il panel tenuto alla GDC dell'anno scorso, in cui il Principal Experimental Psychologist Mike Ambinder ha parlato di tecnologie speculative come interfacce cervello-computer.