Warner Bros IE: accordo AT&T da 43 miliardi, alcuni team subiranno conseguenze

Warner Bros. Interative Entertainment subirà le conseguenze dell'accordo da 43 miliardi siglato tra AT&T e Discovery.

NOTIZIA di Nicola Armondi —   17/05/2021
27

AT&T - gigante della telefonia statunitense - ha siglato un accordo con Discovery, del valore da 43 miliardi di dollari, che porta alla fusione tra WarnerMedia e Discovery. AT&T abbandona quindi una parte delle proprie società: quali sono le conseguenze per i vari team videoludici di Warner Bros. Interactive Entertainment?

Non conosciamo ancora la risposta completa a questa domanda, ma un portavoce ha detto a Sara Fischer di Axion che "una parte del lato videoludico rimarrà con AT&T e altri si uniranno alla nuova compagnia." Per il momento non sappiamo altro.

Howards Legacy
Howards Legacy

Si tratta di una situazione "preoccupante": ricordiamo che Warner Bros. Interactive Entertainment conta 11 studios inclusi Avalanche Software, Monolith Productions, Rocksteady, NetherRealm, TT Games, WB Games Montreal, WB Games Boston, WB Games San Diego, WB Games New York, e WB Games San Francisco, al lavoro su molteplici franchise e device, come Harry Potter, Suicide Squad, Batman, Mortal Kombat e prodotti Lego.

C'è quindi da domandarsi in che modo questa divisione dei team tra le due compagnie possa condizionare lo sviluppo di giochi attualmente in produzione e di quelli futuri. AT&T aveva già preso in considerazione l'idea di vendere Warner Bros. Interactive Entertainment e si è parlato del fatto che vari grandi nomi come Microsoft, Take-Two, Electronic Arts e Activision fossero interessati alla questione.

Si è parlato molto, lo scorso anno, di Suicide Squad: Kill The Justice League: ecco la nostra anteprima dopo la presentazione.