Alba: a Wildlife Adventure, la recensione: il nuovo gioco degli autori di Monument Valley

Alba: a Wildlife Adventure è un'affascinante avventura al salvataggio della natura, immersi nei panorami mediterranei

RECENSIONE di Giorgio Melani   —   16/12/2020
7

Una piccola oasi d'estate mediterranea: in questo senso la recensione di Alba: a Wildlife Adventure presenta un gioco che capita veramente a fagiolo come un'autentica fuga da questo rigido e cupo inverno. Ustwo, gli sviluppatori anche di Monument Valley, Assemble with Care e Land's End, hanno già dimostrato di saper costruire delle atmosfere di grande fascino, ma mai come in questo caso tale caratteristica è assurta ad elemento fondante del gioco. Alba: a Wildlife Adventure (o Alba: Missione Natura in italiano) racconta la storia di una ragazzina che torna, un'estate, nell'isola mediterranea al largo della Spagna dove passava la villeggiatura con i nonni da bambina, immersa tra la natura selvaggia, i campi coltivati e la piccola cittadina costiera. Questa volta, però, scopre che l'isola sta per essere sconvolta da un cambiamento importante che potrebbe modificarne per sempre la fisionomia, ovvero la costruzione di un enorme hotel al posto della storica riserva naturale. Questa scoperta risveglia in Alba il suo spirito naturalista e la costringe a entrare in azione come mai era successo prima, con la volontà di cambiare le cose e la piena consapevolezza di poterlo fare a prescindere dalla lotta impari che le si pone dinanzi.

Alba A Wildlife Adventure 00006


È una storia ecologica, insomma, ma racconta anche la crescita di una bambina, mettendo in scena un esempio di empowerment che abbandona qualsiasi tono paternalistico, affidandosi semplicemente all'entusiasmo di due ragazzine che vogliono difendere a tutti i costi la natura dell'isola, dando il via a una rivoluzione a passo saltellante. Fondato in tutta fretta il Club per il Salvataggio Animali Alba & Ines (CSAAI, "nome provvisorio") con l'amica d'infanzia Inés, la soluzione per salvare la riserva naturale e bloccare la costruzione dell'eco-mostro potrebbe essere la raccolta di 50 firme per la causa naturalista, ma in una settimana non è un'impresa semplice. Alba si ritrova quindi a dover portare a termine un lungo elenco di compiti che riguardano la riparazione di strutture in legno sparse per l'isola, la pulizia delle aree dall'immondizia, il salvataggio di animali e vari lavori utili alla società e in grado di valorizzare il patrimonio ambientale dell'isola per riuscire ad attrarre il maggior numero di abitanti verso la propria causa.

Raccontato così può sembrare un semplice edutainment per un pubblico infantile e Alba: a Wildlife Adventure può sicuramente essere visto anche in questo modo, ma la maniera in cui presenta le sue problematiche e la costruzione degli elementi di gameplay lo rendono un gioco vero e proprio, godibile da tutti. Non è una semplice imitazione caricaturale di un'avventura da bambini, ma una sorta di simulazione d'estate, vissuta proprio dal punto di vista dei piccoli a contatto con la natura, immersi in un'ambientazione splendida ed evocativa.

Una petizione per salvare la natura

La costruzione di un mega-hotel in un'isola così minuta e abituata a ritmi compassati a contatto con la natura ovviamente impressiona un po' tutti, ma gran parte degli abitanti è anche affascinata dall'idea di progresso presentata dal sindaco Toni, in combutta con Paco, il costruttore senza scrupoli: un albergo del genere potrebbe rilanciare l'economia locale e portare un sacco di turisti, pensano in molti, riflettendo realisticamente le differenze di pensiero che possono emergere in situazioni del genere. Quello su cui Alba e Inés devono puntare, allora, è semplicemente mostrare chiaramente agli abitanti quale tesoro si cela sotto gli occhi di tutti: le meraviglie della natura, gli animali e la vita in equilibrio con l'ambiente sono sempre stati gli elementi di forza dell'isola e per ricordarlo basta semplicemente riportarla all'antico splendore e fare in modo che tale equilibrio venga ristabilito. Ogni singola azione portata avanti da Alba influisce sulla reputazione del suo club naturalistico e porta a ulteriori firme per la petizione anti-hotel: si tratta di salvare animali in difficoltà, fotografare specie rare, rimettere in sesto strutture per il birdwatching e le escursioni o semplicemente aiutare i cittadini in vari problemi e richieste, sempre collegate in qualche modo alla natura e agli animali.

Alba A Wildlife Adventure 00002


Ogni buona azione viene ricompensata con nuove firme fino al raggiungimento dell'agognata soglia delle 50 sottoscrizioni e lo svelamento anche di un certo intrigo che sembra celarsi dietro a questo "affare che non si può rifiutare" proposto dal sindaco ai cittadini. Le azioni da compiere sono elementari e richiedono semplicemente di toccare alcuni punti dello schermo, lasciando praticamente all'esplorazione e alla ricerca delle giuste strade da percorrere gli elementi di sfida, se così si possono definire. È un gioco contemplativo, nel quale dobbiamo soprattutto esplorare l'isola e scoprirne nuovi anfratti, con la ricerca costante di nuove specie di animali da scoprire: una costante di Alba: a Wildlife Adventure è infatti la fotografia, che richiede più di altre attività una certa tattica e abilità. Bisogna infatti scovare specie di animali più o meno rari in modo da riempire l'intero album della fauna isolana, ma per poterli fotografare è necessario capire quale sia il loro habitat, avvicinarsi con molta cautela e riuscire a scattare una foto dalla distanza ottimale, muovendo peraltro il dispositivo proprio come se stessimo facendo noi stessi la foto.

Alba A Wildlife Adventure 00003


Sono attività semplici ma che calano perfettamente all'interno della particolare atmosfera del gioco, ed è proprio questo l'elemento di maggiore forza di Alba: a Wildlife Adventure. L'isola mediterranea e soleggiata è un piccolo paradiso in cui si torna sempre volentieri, rappresentata perfettamente, pur con una grafica stilizzata e non realistica ma in grado di cogliere l'essenziale e restituire una perfetta immagine della macchia mediterranea e della tipica flora e fauna degli ambienti costieri, il tutto sostenuto da ottimi effetti sonori naturali e, occasionalmente, qualche musica spagnoleggiante che riecheggia dalle radio sparse per il paese e i casolari.

Alba A Wildlife Adventure 00004

Commento

Versione testata
iPad 1.1.6
Digital Delivery
App Store
Multiplayer.it

8.5

Lettori (4)

8.2

Il tuo voto

In termini di gioco e sfida ha dei limiti evidenti ma Alba: a Wildlife Adventure non punta a quello. Mira ad essere piuttosto una piccola fuga nell'estate mediterranea, ricostruendo perfettamente l'atmosfera di certi ambienti naturali costieri - pur nella particolare stilizzazione grafica - e calandoci nello spirito di avventura spensierato di bambini in vacanza al mare, che si ritrovano ad affrontare una sfida molto più grande di loro con la forza dell'entusiasmo e dell'amore per l'ambiente.

PRO

  • L'isola è un posto dove vorremo tornare spesso
  • Tra gameplay e tono utilizzato, è giocabile a età molto diverse
  • Perfetta atmosfera tra lo scanzonato e il malinconico
CONTRO
  • Il gioco di per sé è molto elementare e semplice
  • La storia non dura molto