Car Mechanic Simulator, la recensione console 17

Grasso, bulloni, pezzi di ricambio, sfasciacarrozze... la vita del meccanico non è certo la più eccitante possibile, ma nemmeno così facile come potrebbe sembrare. La nostra recensione di Car Mechanic Simulator per console

RECENSIONE di Francesco Serino —   25/06/2019

Indice

Qui in redazione c'è chi ama i videogiochi noiosi, proprio come chi vi scrive. Che poi è sbagliato definirli noiosi, lo sono solo apparentemente: guidare la metropolitana, o un autobus, senza poter causare quel bel caos liberatorio di un tipico GTA, oppure gestire il traffico o la demolizione di un palazzo, non suona esattamente eccitante. E anche se a volte effettivamente non lo è davvero, ci sono certe software house che, un po' per l'impegno e un po' per fortuna, riescono a trasformare la normalità in esperienze di gioco decisamente divertenti e appaganti, proprio come nel caso di Car Mechanic Simulator, che abbiamo provato tempo addietro per PC e ora arriva su console. Insieme ovviamente alla nostra recensione.

Quel gran genio del mio amico

La serie ha debuttato nel 2014 esclusivamente su Pc, insieme a molti altri giochi indipendenti che hanno guidato la rinascita dello sviluppo senza una major alle spalle, riscuotendo anno dopo anno sempre più successo. Come molti giochi indipendenti dell'epoca, il primo Car Mechanic Simulator era ben lontano dalla perfezione, ma il suo gameplay era tanto matto e originale da attirare l'attenzione dei tanti che ancora oggi si ritrovano in fuga dalle classiche esperienze Tripla A, sempre troppo simili tra loro. Prodotti come questo, non solo questo, ricordano anche certi giochi per Amiga e PC del secolo passato: non i più famosi naturalmente, ma quelli che rendevano la piattaforma Commodore, e ancor di più i computer compatibili, così allettanti per gli amanti di videogame a cui non bastava lo spirito arcade dei titoli su console. Per esempio, prima di inventarsi i Sims, Maxis ha simulato di tutto: dai grattacieli ai formicai, giocando persino con il DNA nell'affascinante Sim Life. Si passava da Detroit, dove si doveva gestire una casa automobilistica, a Pizza Tycoon, nome che non richiede ulteriori spiegazioni; passando per roba piuttosto estrema come Rock Star Ate My Hamster, antico gioco Codemasters in cui si simula comicamente la gestione di una rock band con tutti i suoi tipici eccessi. Stranezze arrivate col contagocce, ma con una particolare verve tipicamente nipponica, anche su console, spesso però rimaste esclusiva del Giappone come nel caso di Densha de Go su PlayStation, e Tokyo Bus Guide per Dreamcast. Chi ha una certa età non può certo stupirsi dell'esistenza, oggi, di un Car Mechanic Simulator: uno stramaledetto simulatore di meccanico, oh vi sembra possibile?

Con un cacciavite fa miracoli

Car Mechanic Simulator esiste, funziona dannatamente bene e piace, tanto da aver generato seguiti, un amichevole porting addirittura su Nintendo Switch e ora questa incarnazione PlayStation 4 e Xbox One, pressoché identica alla versione 2018 già da tempo disponibile su PC. Come i migliori e più originali simulatori del passato, Car Mechanic Simulator si basa su un mestiere che è anche passione, e questa quasi te la senti addosso quando il sistema prende il sopravvento, e il gioco entra finalmente nel vivo. Riducendola ai minimi termini, l'invenzione dei polacchi della Red Dot Games è molto simile a un lungo puzzle ricco di varianti, dove è necessario identificare il problema, per poi risolverlo smontando, cambiando e rimontando la meccanica della vettura che avremo di fronte. C'è anche una progressione con nuove abilità da sbloccare che permetteranno per esempio di svitare più velocemente, di capire con un'occhiata e una sgasata che problema ha un motore, come anche di accedere a nuovi e più veloci strumenti di diagnostica. Una volta riparate tutte le vetture nella nostra officina, potremo alzare il telefono e scegliere da diversi annunci quale lavoro accettare. In Car Mechanic Simulator esistono due diversi tipi di impiego: generici e legati alla storia. Quest'ultimi sono gli unici che verranno introdotti da una manciata di righe di testo, qui il proprietario descriverà storia, problemi ed utilizzo della vettura da riparare o semplicemente da revisionare.

Gli inetti come il sottoscritto non si preoccupino: si tratta di una rappresentazione piuttosto semplificata dell'interno di una vera vettura, non c'è elettronica di mezzo e anche rimontare un intero motore non è così difficile visto che, nell'apposita modalità, il gioco mostrerà i contorni dei pezzi mancanti e ci impedirà di montarne uno senza che sia stato già inserito il precedente. Impossibile sbagliare, tranne che nell'acquisto delle parti da sostituire: tutti gli oggetti inutili andranno infatti a pesare sul nostro portafoglio, ma potranno comunque essere utilizzati per un altro cliente. Svolgendo lavori e accumulando denaro ed esperienza, è possibile anche allargare la propria officina in modo da ospitare più vetture contemporaneamente, o sbloccando nuovi tavoli da lavoro che permetteranno per esempio di riparare in casa alcune parti che prima si potevano soltanto sostituire. Le richieste dei clienti sono piuttosto varie: si parte dal più semplice "controllami i freni", a un più vago e impegnativo "sento forti rumori provenire dal vano rumore e ora fatica ad accendersi". C'è poi il tipico incauto acquisto di chi pensava di aver fatto un affare, e si ritrova un rottame da 5000 dollari di riparazione. Ma è possibile anche sistemare la carrozzeria, modificare gli interni, aggiungere spoiler, fare del leggero tuning, anche se molte di queste funzioni sono esclusive ai mezzi di nostra proprietà e non quella dei clienti. Quando avremo fatto un bel po' di soldi, potremo visitare alcuni luoghi come lo sfasciacarrozze, dove acquistare scheletri di bolidi da ricostruire vite dopo vite, e successivamente rivenderli con un buon margine di guadagno.

Brugole dal cielo

Anche su Xbox One e PlayStation 4, dove lo abbiamo provato, Car Mechanic Simulator s'impone grazie a un'originalità innata e un gameplay sorprendentemente rilassante. Il porting console è pressoché identico alla controparte PC, persino i comandi sono stati adattati con intelligenza in modo da rendere sempre piuttosto facile districarci tra tubi, pistoni e filtri dell'aria. Chissà invece se si sarebbe potuto far di meglio per velocizzare certi caricamenti che fortunatamente non sono frequenti, ma non hanno mai troppa fretta di andarsene. Di problemi veri e propri, se si escludono eventuali bug che noi non abbiamo incontrato, questo gioco non sembra averne. Di mancanze invece ne ha eccome, e si fanno sempre più gravi ad ogni seguito che non ne prevede l'implementazione, anche se è decisamente troppo presto per lamentarsene. Se questo Car Mechanic Simulator sarà il vostro primo titolo del genere, vi aspettano almeno trenta ore di divertimento, che potrebbero estendersi fino a un abbondante cinquantina d'ore di gameplay necessarie non solo per arrivare in fondo allo story mode, ma anche per vedere e portare a compimento un po' tutto ciò che il prodotto offre. C'è però sicuramente un problema di varietà. Alla fine i problemi da risolvere saranno sempre quelli (nonostante la presenza di più di 48 vetture presenti e oltre 1000 parti di ricambio con le quali divertirsi) e un problema di sfida vera e propria visto che non è previsto un fallimento meccanico, o un modello economico che porti a una bancarotta che vale un game over. Un altro limite è la rappresentazione grafica dell'officina che, sebbene stilisticamente non abbia grossi problemi, è uno spazio che non ha un esterno dinamico e non permette per esempio di godersi la quotidianità di questo lavoro col rumore di una pioggia virtuale in sottofondo, o un realistico andirivieni di clienti.

Versione testata
PlayStation 4
Multiplayer.it

7.3

Lettori (1)

1.8

Il tuo voto

Car Mechanic Simulator è una serie ancora giovane che, se gli sviluppatori lo vorranno, potrà continuare a crescere esponenzialmente implementando anche nuove modalità di gioco più sportive, o manageriali. Il futuro del franchise è poco importante in questo caso, visto che questa nuova versione del gioco è pensata per un pubblico tutto nuovo e che molto probabilmente, acquistando PS4 o Xbox One, tutto si immagina fuorché divertirsi con un improbabile simulatore di meccanico. Ma se Car Mechanic Simulator è riuscito a conquistare già milioni di giocatori PC, può benissimo riuscirci anche su console.

PRO

  • Un simulatore come un puzzle
  • Tante vetture diverse
  • Tante ore di gioco

CONTRO

  • Solo alcune vetture su licenza
  • Poca economia
  • Grafica e gameplay poco dinamici