Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix, la recensione per Nintendo Switch 7

I Vocaloid sono tornati, in un titolo ricchissimo di contenuti: ecco la nostra recensione di Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix

RECENSIONE di Simone Pettine   —   18/05/2020

Indice

Se aspettavate da tempo il debutto dei Vocaloid e di Hatsune Miku sulla console ibrida della Casa di Kyoto, allora la nostra recensione di Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix per Nintendo Switch potrebbe davvero migliorare la vostra giornata. Dopo Taiko no Tatsujin, infatti, questo secondo ed importante rhythm game passa nuovamente dalle sale gioco giapponesi al mondo delle console, anche se arrivano in Europa con i suoi buoni mesi di ritardo. Comunque è valsa la pena aspettare, come potrete leggere: ad oggi Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix rappresenta un pacchetto completo pieno zeppo di contenuti interessanti, perfetto per i novizi e appagante anche per gli esperti del genere.

Il gameplay: come si gioca

L'esperienza di gioco di Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix si presenta su Nintendo Switch in modo molto compatto, accessibile e completo: ci sono tantissime cose da fare, moltissime canzoni da ascoltare (101 in totale, con la possibilità di acquistare i DLC), e praticamente infinite possibilità di personalizzazione. Ma il vero asso portante del titolo risiede nel gameplay, che arriva su console senza snaturare la sua identità arcade.

Nswitchds Hatsunemikuprojectdivamegamix 05

Come probabilmente saprete Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix è uno di quei giochi che richiede di eseguire determinati comandi a schermo in altrettanto determinati e precisi momenti, il tutto seguendo le melodie in esecuzione e godendosi (se avete il multitasking) i video in riproduzione sullo sfondo. Più si è precisi, più si guadagnano punti; più si guadagnano punti, maggiori sono le possibilità di superare dignitosamente il livello in corso (o quantomeno di passarlo). Ogni canzone naturalmente equivale ad un livello: questi rhythm game funzionano così, come avrete già capito a suo tempo dalla recensione di Taiko no Tatsujin: Drum 'n' Fun!.

Nswitchds Hatsunemikuprojectdivamegamix 04

Ma, ed ecco un dettaglio tutt'altro che secondario, Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix è molto accessibile, perfetto davvero per giocatori dalle abilità diametralmente differenti. Il novizio imparerà a giocare tramite i tutorial, e comunque potrà godersi ogni singola canzone in modalità facile; i veterani le giocheranno da "difficile" in su. In questi casi la soglia minimo di punteggio necessaria per passare un livello si alza, e il margine di errore nell'esecuzione dei comandi diventa molto meno permissivo.

Tre diverse modalità e stili di gioco

Il gameplay di Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix, tutto sommato basilare e tutt'altro che innovativo, si combina però con alcune soluzioni particolarmente interessanti su Nintendo Switch, portando ad un totale di tre diverse modalità di gioco.

La prima è la Arcade Mode, cioè quella standard: il gioco mostra i comandi da eseguire, il giocatore preme il tasto giusto al momento giusto, usando i JoyCon separatamente oppure il Pro Controller per Nintendo Switch. Entrambe le soluzioni funzionano quasi perfettamente, al netto di qualche minimo episodio di input lag (che comunque si rivela frustrante, perché può compromettere l'intera esecuzione). Avendoli provati entrambi, vi consigliamo di usare il Pro Controller: i tasti sono più grandi e comodi da utilizzare, e questo è un dettaglio importante per un gioco di questo tipo.

Nswitchds Hatsunemikuprojectdivamegamix 02

Accanto a questa modalità di gioco canonica, vi è la Mix Mode, pensata specificamente per Nintendo Switch. Il giocatore impugna nuovamente i JoyCon separatamente, ma questa volta sfruttandone i sensori di movimento; cambia completamente lo stile di gioco in questo caso, perché l'obiettivo non è più eseguire i comandi al momento giusto, ma "spostare" con il motion control delle barre luminose a schermo, cercando di incastrarle con quelle che scendono dall'alto durante la melodia. Anche qui la precisione e il tempismo sono impostanti, ma il tutto risulta molto più intuitivo, anche se inizialmente lo straniamento sarà totale perché si tratta davvero di una soluzione originale.

Nswitchds Hatsunemikuprojectdivamegamix 06

Da ultimo la modalità touch screen, segno che gli sviluppatori si sono davvero impegnati nell'adattare Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix alle potenzialità di Nintendo Switch: il giocatore usa i pollici per eseguire leggere pressioni (anche prolungate) sullo schermo al momento opportuno. Ogni diversa modalità di gioco presenta i suoi propri livelli di difficoltà e tutorial: vi consigliamo di provarli tutti quanti e, perché no, di passare all'occasione dall'uno all'altro.

Contenuti, personalizzazione e comparto tecnico

Vi abbiamo già parlato delle 101 canzoni presenti su Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix, ma i contenuti non si fermano qui. Il giocatore può creare da zero le proprie playlist, così da personalizzare ulteriormente la propria esperienza di gioco, e rendere molto più semplice trovare i suoi brani preferiti. Magari giocando da casa tutto ciò non vi servirà, ma immaginate di spostarvi per la città e di avere appena una manciata di minuti a disposizione: è molto comodo trovare immediatamente un brano invece di doverlo cercare manualmente. Meglio ancora se tutti i propri brani preferiti cominciano uno di seguito all'altro.

Nswitchds Hatsunemikuprojectdivamegamix 03

La personalizzazione di Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix esplode in un tripudio di colori nel momento in cui si va a personalizzare Hatsune Miku o uno degli altri vocaloid presenti: è possibile modificare praticamente qualsiasi dettagli dell'avatar, persino costringerlo ad indossare una maglietta creata ad hoc dal giocatore. Degno di lode anche il comparto tecnico: al netto di qualche rallentamento nel caricamento di alcune canzoni (poche), quasi tutti i brani cominciano con un tempo medio di attesa di circa 7 secondi, e si torna rapidamente al menù principale anche interrompendo un brano in esecuzione. Il frame rate oscilla tra i 60 fps in Modalità TV e i 30 fps in modalità portatile, con sporadici passaggi dall'uno all'altro (spesso non facilmente spiegabili).

Versione testata
Nintendo Switch
Digital Delivery
Nintendo eShop
Prezzo
39,99 €
Multiplayer.it

8.0

Lettori (1)

8.0

Il tuo voto

Hatsune Miku: Project DIVA Mega Mix è chiaramente un titolo indirizzato agli amanti dei Vocaloid e del franchise in questione, tuttavia più in generale tutti gli amanti dei rhythm game dovrebbero provarlo almeno per una manciata di minuti. È ricco di contenuti, brani e possibilità di personalizzazione, ma soprattutto è uno di quei rari titoli che cerca di sfruttare in tutti i modi possibili le potenzialità dell'hardware di riferimento, proponendo su Nintendo Switch ben tre diverse modalità di gioco, accompagnate da altrettanti stili (classico, basato sul motion control, infine incentrato sul touch screen). Resta qualche sporadico problema di input lag, e bisogna pur notare come la stragrande maggioranza dei brani presenti siano già comparsi nei titoli precedenti della serie, a partire da quel Hatsune Miku: Project DIVA F per PlayStation 3 PlayStation Vita.

PRO

  • Tre diverse modalità di gioco
  • Sfrutta adeguatamente le possibilità di Nintendo Switch
  • Tantissime canzoni, infinite possibilità di personalizzazione

CONTRO

  • Se il genere non piace, stanca dopo appena mezz'ora
  • Pochissimi i brani inediti
  • Sporadici problemi di input lag