Magic Brick Wars, la recensione 1

A tre anni di distanza da Dan the Man, Halfbrick Studios torna su iOS e Android con uno strategico in stile Clash Royale: ecco la recensione di Magic Brick Wars

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   19/11/2019

La recensione di Magic Brick Wars, il nuovo titolo di Halfbrick Studios, parte da una constatazione abbastanza amara: vedere un team così pieno di talento, autore di giochi come Fruit Ninja e Jetpack Joyride, limitarsi a realizzare un clone di Clash Royale non mette di buon umore e anzi lascia piuttosto perplessi rispetto all'attuale stato del mercato mobile, protagonista negli ultimi mesi di cambiamenti che lo hanno senz'altro destabilizzato, vedi il lancio di Apple Arcade.

Lo spazio dedicato alle produzioni freemium si è dunque trasformato in una sorta di campo minato, ma se neanche una realtà importante come l'azienda australiana si prende dei rischi, realizzando qualcosa di nuovo e originale, allora c'è di che essere preoccupati.

Chiusa questa doverosa parentesi, come avrete capito Magic Brick Wars è uno strategico a base multiplayer in cui due giocatori hanno il compito di piazzare sul campo da gioco le proprie unità perché arrivino a toccare la base nemica ed esplodano a mo' di kamikaze, determinando la perdita di alcuni dei cuori che costituiscono l'indicatore dell'energia vitale.

Vince la partita chi sopravvive, è chiaro, ma ci sono un paio di sostanziali differenze rispetto al già citato Clash Royale: in primo luogo i personaggi si muovono rigorosamente in verticale, restando nei confini della colonna su cui li abbiamo piazzati; in secondo luogo non si vive di solo attacco ma anche di difesa, con la possibilità di piazzare dei tetramini in stile Tetris che possano rallentare l'avanzata dell'avversario. Al loro interno, da qui il nome del gioco, possono trovarsi dei blocchi che, una volta distrutti, danno vita a un effetto speciale legato al fuoco, al ghiaccio e così via.

Gameplay e struttura

Se dal punto di vista dell'azione vera e propria Magic Brick Wars vanta alcune differenze rispetto al blockbuster targato Supercell, lo stesso non si può dire della gestione del deck e delle casse, che è praticamente clonata da Clash Royale. Man mano che si vincono i match è possibile non solo salire di livello, ma anche ottenere monete e carte da utilizzare per il potenziamento e/o lo sblocco di nuove unità.

Il roster è chiaramente molto ricco e variegato, e il tema horror viene rispettato dalla presenza di svariati scheletri sotto forma di pirati, maghi, combattenti furtivi ecc. È inoltre possibile trovare alcuni protagonisti dei giochi sviluppati da Halfbrick Studios: un tocco di classe che i fan del team apprezzeranno senz'altro. Quando non si sfidano altri utenti, poi, si può impiegare l'energia racimolata per esplorare dei sotterranei e distruggere blocchi di pietra che contengono risorse utili: un'attività extra molto semplice e priva di mordente, ma che permette di aumentare le "entrate" senza sottostare alle attese, anche abbastanza lunghe, per l'apertura delle casse.

Purtroppo il gameplay e la realizzazione tecnica di Magic Brick Wars non ci hanno fatto impazzire. La formula messa a punto dagli sviluppatori è a dir poco derivativa, ma soprattutto vive di innesti che non sembrano incastrarsi più di tanto con questo tipo di esperienza strategica. Considerando poi che gran parte del gioco appare quantomeno già visto, la voglia di far crescere il proprio deck e sbloccare nuove unità diventa inversamente proporzionale al tempo che abbiamo già speso con il pluricitato Clash Royale, senza dubbio più efficace e convincente nel rappresentare determinate meccaniche. Il discorso si estende alla realizzazione tecnica, che al di là degli asset copiati dal titolo Supercell non riesce a far breccia, presentando animazioni un po' limitate e una resa finale che non sembra all'altezza dei precedenti lavori del team.

Versione testata
iPad (1.0.29)
Digital Delivery
App Store, Google Play
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

6.5

Lettori (2)

4.5

Il tuo voto

Magic Brick Wars è uno strategico a base multiplayer immediato, gratuito e privo di pubblicità, ma basato su di una formula oramai francamente inflazionata. Per rinfrescarla un minimo gli sviluppatori hanno provato ad aggiungere degli elementi che tuttavia appaiono forzati, non perfettamente calibrati sul gameplay e incapaci di destare il necessario interesse in un'utenza sempre molto esigente, che per assurdo è quella che gioca solo titoli freemium. Da un team esperto e talentuoso come Halfbrick Studios, insomma, era lecito aspettarsi qualcosa di più di un clone svogliato di Clash Royale, piacevole per qualche partita ma troppo poco originale per poter intrattenere a lungo.

PRO

  • Tanti personaggi
  • Si gioca gratis con poche limitazioni
  • Clash Royale coi tetramini...

CONTRO

  • ...ma alcuni elementi sono ai limiti del plagio
  • La formula ha già dato tutto
  • Scarsa personalità, anche sul fronte artistico