Mighty Goose, la recensione

Nella recensione di Mighty Goose farete la conoscenza di oche e nemici spaziali, protagoniste di un run & gun vecchia scuola

RECENSIONE di Simone Pettine   —   04/06/2021
10

La vita dei cacciatori di taglie non è adatta ai deboli di cuore, e la situazione non migliora di certo quando sei un'oca spaziale. Questa breve dose di follia rende già bene l'idea: state leggendo la nostra recensione di Mighty Goose, un indie molto particolare (e, cosa più importante, molto divertente) a breve disponibile su PC e su Nintendo Switch. Abbiamo avuto modo di provare la seconda delle due versioni, una cosa che ci ha consentito di portarci in giro il titolo sviluppato da Blastmode e MP2 Games, che ci ha tenuto compagnia tra gli impegni della giornata. Il risultato? Non vedevamo l'ora di avere una manciata di minuti liberi da dedicargli: a breve capirete perché.

Trama

La trama di Mighty Goose è davvero minimale e fine a se stessa: dopo i primi livelli ci si dimentica persino come sia iniziata la storia e dove voglia andare a parare. Un po' quello che accadeva anche in Untitled Goose Game, insomma. L'oca protagonista è una cacciatrice di taglie che viaggia da un pianeta all'altro del sistema spaziale, cercando di sbarcare il lunario. Va da sé che di tanto in tanto gli onesti lavoratori entrino in contatto con veri e propri criminali: è il caso di Re Void, signore della galassia intenzionato a dominarla con il suo esercito di robot, mostri schifosi e affini. Ma soprattutto robot.

Mighty Goose e tutti i suoi nemici a schermo
Mighty Goose e tutti i suoi nemici a schermo

Chiaro che Mighty Goose non può permetterlo: ed ecco che dopo aver salvato un suo collaboratore suino, proprio nel primo livello di gioco, inizia il suo viaggio alla ricerca di risorse e armi con le quali suonarle al cattivo di turno. La durata della narrazione principale non è eccelsa, ma tiene comunque impegnati per circa otto ore. Però lo fa alternando livelli particolarmente riusciti e ben curati ad altri un po' più sottotono, ma comunque divertenti.

Ad ogni modo, in generale la longevità deve tener conto di altri due fattori. Il primo consiste nella difficoltà: non vi è un indicatore specifico, ma sarà una sfida riuscire completare i livelli più avanzati con tutti i gadget, i personaggi secondari e le abilità dell'oca disattivati.

Mighty Goose: una buona varietà nei livelli
Mighty Goose: una buona varietà nei livelli

Il secondo: ogni mondo propone un voto finale, che tiene conto del tempo impiegato, delle combo più lunghe e del numero delle morti complessive. Ottenere il massimo punteggio garantisce una certa soddisfazione, dato che non è per nulla scontato portarselo a casa semplicemente evitando di morire: bisogna invece dare sfoggio di una certa abilità, considerando tutti i criteri di valutazione presenti nello stesso momento.

Gameplay

Mighty Goose è un run & gun shooter che strizza palesemente l'occhio ai vecchi cabinati: se non padroneggiate la terminologia, sappiate che si tratta di un titolo il cui personaggio corre a velocità sostenuta in stage bidimensionali, facendo fuoco su tutto quello che incontra lungo il percorso (e solitamente incontra molti, molti nemici nello stesso momento). Al termine di ogni livello è presente un boss che occupa quasi completamente lo schermo, un dettaglio sul quale hanno insistito molto anche gli sviluppatori, per qualche motivo.

Mighty Goose: alcuni nemici sono giganteschi
Mighty Goose: alcuni nemici sono giganteschi

Forse perché effettivamente molti di questi scontri sono curati e interessanti, anche per via della strategia da adottare per sopravvivere (che non è mai la stessa, bisogna imparare il pattern dei nemici). Nella filosofia di gioco e nelle meccaniche del gameplay, Mighty Goose cita da vicino (da vicinissimo) il franchise Metal Slug, tanto che numerose armi, veicoli e alcuni boss sembrano essere stati prelevati di peso da Metal Slug X e Metal Slug 4. E non si tratta solo del carrarmato che può essere controllato dall'oca protagonista, ma anche di numerosi veicoli dei nemici, armi praticamente identiche a quelle che ricorderete nei classici coin-op, come "rocket launcher!", "heavy machine gun!" e "shotgun!". Li avete letti con la voce del franchise di SNK, ammettetelo.

Armi e potenziamenti

Mighty Goose e armi alla Metal Slug
Mighty Goose e armi alla Metal Slug

Naturalmente a parte questi richiami, comunque riuscitissimi, Mighty Goose ci mette del suo. Ad esempio nelle modifiche apportabili dall'arsenale, liberamente disponibile dopo aver completato il primo livello e poi arricchito di nuovi elementi ad ogni nuovo boss sconfitto. Qui sarà possibile attivare utili chip che rendono più agevole la distruzione di ogni forma di vita (anche robotica) sul vostro cammino: il Pallamorfo, tanto per fare un esempio, permette di rimbalzare sui nemici eseguendo la rotolata dell'oca.

Forse ancora più utili si rivelano le armi secondarie che, a differenza dei chip (passivi), vanno attivate manualmente, con un uso legato a un cooldown variabile. Versatilissimo è il Booster Mighty, che permette di trasformare immediatamente Mighty Goose in un'oca Super Saiyan: la modalità Mighty la rende praticamente invulnerabile e molto più letale in ogni forma di attacco. Comunque, la modalità Mighty non è legata esclusivamente all'uso di questi bonus, ma rappresenta un elemento basilare del gameplay: una volta eliminato un certo numero di nemici a schermo, potete attivarla tramite una semplice combinazione di tasti. Va da sé che dura solo pochi secondi.

Mighty Goose e le esplosioni devastanti a schermo, perché sì
Mighty Goose e le esplosioni devastanti a schermo, perché sì

Infine, è anche possibile selezionare un compagno da portare con sé in missione. Il titolo assegna inizialmente una semplice papera (chiamata letteralmente Regular Duck), del tutto inutile in battaglia ma non per questo meno simpatica da guardare mentre si sposta tra i cadaveri dei nemici. Ben più strategica, invece, la presenza del Comandante Vark (il suino di cui si diceva): una volta terminate le munizioni per la mitragliatrice, provvede a lanciarne una fornitura aggiuntiva a schermo. Dato il numero di nemici, non saranno mai di troppo.

Commento

Versione testata
Nintendo Switch
Digital Delivery
Nintendo eShop
Prezzo
19,99 €
Multiplayer.it

8.0

Lettori (3)

4.5

Il tuo voto

Mighty Goose è un run & gun shooter vecchia scuola, ma adorabile e divertentissimo anche per il pubblico moderno. La filosofia è quella classica, semplicissima: si avanza ad armi spianate per i livelli, facendo fuoco su tutto ciò che si muove. Se le armi si scaricano, vi sono nuovi tipi di munizioni da raccogliere. Immaginate l'eredità di Metal Slug raccolta da un'oca, e avrete capito grossomodo in cosa consista Mighty Goose. Aggiungeteci ora una grafica in pixel art molto valida, un'altrettanto valida colonna sonora, una narrazione senza particolari pretese e molti potenziamenti, gadget e aiutanti da sbloccare. C'è poco di cui lamentarsi e molto di cui gioire. E Mighty Goose, mitragliatrice in mano, vi consiglia di gioire.

PRO

  • Run & Gun shooter semplice ed efficace
  • Potenziamenti, gadget e aiutanti (tutti opzionali)
  • Ottima pixel art
CONTRO
  • Longevità e dimensioni limitate dalla natura indie
  • A volte proseguire è fin troppo semplice
  • Minime sbavature tecniche