Il predatore 9

Lo spietato cacciatore alieno armato di lancia e cannone al plasma è pronto a spargere sangue in Mortal Kombat

SPECIALE di Massimo Reina   —   09/07/2015

Indice

Continua il supporto di NetherRealm Studios a Mortal Kombat X, primo capitolo next-generation della storica serie di picchiaduro, che anche a luglio propone un nuovo DLC con un altro lottatore e alcuni costumi alternativi. Il nuovo contenuto scaricabile a pagamento introduce infatti nel roster di combattenti il personaggio di una delle icone del cinema fanta-horror, cioè Predator. Il Predator/Prede Bundle include inoltre tre nuove skin, vale a dire quella di Commando per Johnny Cage, Infrarossi per Scorpion e Carl Weathers per Jax. Per i possessori del Kombat Pack (prezzo €29.99) il pacchetto è disponibile dal 7 luglio su PlayStation Store, Xbox Marketplace e Steam, mentre per gli altri utenti lo sarà a partire dal 14 luglio al prezzo di euro 7,99. Per la cronaca, sia Predator che lo Skin Pack coi costumi del film saranno in vendita anche separatamente, rispettivamente al prezzo di 4,99 e 3,99 euro.

L'antagonista alieno della serie cinematografica Predator arriva in Mortal Kombat X

Uno Yautja per nemico

Protagonisti di svariati film, crossover, videogiochi e fumetti, gli yautja, detti anche Predator, sono una specie aliena umanoide i cui membri sono alti ben più di due metri. Caratterizzati da una grossa testa dove spiccano una serie di appendici flessibili simili a dreadlocks, e da una bocca che ricorda vagamente le mandibole esterne dell'apparato boccale degli aracnidi, hanno sangue bioluminescente di un verde acceso e possiedono forza e agilità straordinarie, specie se raffrontate a quelle di esseri terrestri di dimensioni simili. Solitamente fanno uso di potenti armi e amano cacciare altre specie.

Altra particolarità di questi esseri è costituita dall'apparato visivo incluso nella maschera che indossano, che offre tre metodi visivi di cui uno che consente loro di percepire il calore emesso da qualunque corpo attraverso la visione esclusiva della parte infrarossa dello spettro elettromagnetico. Tutte caratteristiche che NetherRealm Studios ha riproposto, e bene, all'interno di Mortal Kombat X. Così come per Jason Voorhees, infatti, anche per Predator il team di sviluppo ha lavorato benissimo nella caratterizzazione del personaggio, sia dal punto di vista grafico che da quello dell'individualità. Il cacciatore alieno è infatti dotato di quei movimenti e quelle azioni tipiche della controparte cinematografica (compreso l'occultamento), e non mancano situazioni e ammiccamenti vari ai film che lo hanno visto protagonista, specie nei primi due, contro Arnold Schwarzenegger e Danny Glover. Lo yautja del gioco è sprezzante del pericolo, decisamente cattivo, potente e rapido nell'esecuzione delle mosse: a lui non interessa distruggere i regni o schierarsi con qualche fazione; a lui importa solo combattere e uccidere per lo "sport" e per l'onore, accumulando come trofei pregiati i teschi delle sue vittime.

Il personaggio poggia molti dei suoi attacchi base su potenti calci di sfondamento a mezza altezza, colpi di lama, lancia e mini-disco volante, oltre che su una forza sovrumana e una grande resistenza. Ovviamente a renderlo uno dei più forti combattenti in assoluto del gioco ci pensano poi le tre varianti a sua disposizione. La prima, che vede il predatore senza la maschera, si chiama Guerriero e permette al mostro di guadagnare il colpo Yautja, lo Skianto del Terrore e l'Autodetonazione. Molte delle tecniche sono qui basate sull'uso delle Wrist Blades, le lame retrattili che fuoriescono dal suo guanto, con le quali fare scempio dei nemici, fino al momento giusto in cui infilzarli allo stomaco, sollevarli di peso e colpirli ripetutamente. Da evidenziare la mossa Autodetonazione, che permette al Predator di usare il bracciale sull'avambraccio per programmare l'autodistruzione, con un'esplosione dagli effetti nefasti soprattutto sugli avversari. Il secondo stile di lotta, chiamato Hish-Qu-Ten, ne varia ulteriormente le mosse, comprese le combo, visto che è incentrato soprattutto sugli attacchi a distanza con il famoso Plasma Caster posizionato sulla spalla dello spietato alieno. Variante perfetta per chi vuole agire tenendosi a distanza di sicurezza.

Trofei di guerra

Anche la variante Cacciatore, che vede il predatore senza la maschera, dà spazio al combattimento a mani nude e a colpi di lama, ma la sua peculiarità principale è legata alla capacità della creatura di rigenerarsi, in parte, del cinque o del dieci per cento iniettandosi del liquido energetico, e a quella di utilizzare una specialità chiamata Intralcio. Quest'ultima offre una serie di varianti ravvicinate e a distanza, da terra e aeree per consentire all'utente di lanciare una trappola che scattando appende letteralmente il nemico a testa in giù, come nei film, lasciandolo in balia del cacciatore extraterrestre per qualche secondo.

In tutte e tre le varianti, comunque, alla fine di ogni incontro vittorioso Predator strappa come da tradizione la colonna vertebrale della sua vittima, poi recide il teschio e lo posiziona assieme ad altri a bordo della sua navicella. La furia del Predator si scatena ovviamente nel momento clou delle Fatality, che a dire il vero ci hanno un po' deluso dal punto di vista "coreografico": con "Dov'è" l'alieno infilza violentemente l'avversario allo stomaco, lo solleva di peso e successivamente penetra la calotta cranica con una lama circolare che nel momento in cui il corpo viene lasciato cadere, stacca di netto la parte superiore della testa, mentre con "Morte certa" è il cannoncino al plasma montato sulla spalla a bucare lo stomaco, far saltare il braccio e poi la testa del malcapitato. Più interessanti a nostro parere le Brutality, che con nomi quali "Scuoiati vivi", "E' tempo di sanguinare" e "Conto alla rovescia finale" lasciano ben intendere a cosa si può andare in contro, e la mossa Raggi X "Porco cane", particolarmente violenta e bella da vedere. Passando all'altro elemento offerto dal bundle, vale a dire le skin, le tre disponibili sono probabilmente le più azzeccate fra quelle fino a ora proposte nei vari DLC. Johnny Cage in versione Commando o Jax nei panni del maggiore George Dillon interpretato dall'attore Carl Weathers sono decisamente belli a vedersi, e se li si affronta in scenari tipo la giungla sembra davvero di trovarsi in una scena dei film. Leggermente meno interessante, seppur a suo modo originale, il costume di Scorpion che consiste nella sagoma ad infrarossi del personaggio, così come lo vede un Predator. In definitiva, il pacchetto a noi è piaciuto, ma ha il difetto, come quelli che lo hanno preceduto, di non offrire molto dal punto di vista quantitativo: a meno di non avere il Kombat Pack e ritenerlo quindi come parte di un'offerta DLC ben più ampia, comprensiva cioè delle altre uscite, la spesa può apparire eccessiva ai più. Difficile poterne consigliare l'acquisto incondizionato senza tenere conto di fattori quali la disponibilità del sopraccitato pass, la voglia di ampliare il roster con un personaggio molto interessante e di aggiungere anche qualche skin inedita, oppure, di contro, di sconsigliarla a coloro che vogliono evitare la spesa. Dipendesse da noi, lo prenderemmo.

Versione testata
PlayStation 4
Digital Delivery
Steam, PlayStation Store, Xbox Store
Prezzo
7,99 €
Multiplayer.it

Lettori (2)

8.3

Il tuo voto

PRO

  • Predator non può mancare nella collezione di combattenti del gioco
  • Come per Jason, belli anche qui i richiami ai suoi film attraverso le mosse e alcune sequenze
  • Ottime le tre skin a tema

CONTRO

  • Una volta padroneggiato al meglio, il personaggio potrebbe sbilanciare un po' le dinamiche di gioco
  • Il costo del singolo pacchetto appare eccessivo