ASUS TUF ZAKU II, un eccellente PC pre-assemblato a tema GUNDAM

Ecco un suggestivo PC pre-assemblato a tema GUNDAM dedicato allo ZAKU II e basato su componentistica ASUS.

SPECIALE di Mattia Armani   —   16/10/2021
35

In questo articolo parliamo di un PC pre-assemblato a tema GUNDAM, un universo a cui ASUS ha dedicato ben due linee di prodotti, che nasce dalla fusione tra lo spettacolare case ASUS TUF Gaming GT301 ZAKU II EDITION e la scheda madre ASUS TUF B550M ZAKU II Wi-Fi, due componenti uguali per forme e specifiche ai modelli base della serie ASUS TUF, ma caratterizzati da colori, fregi e disegni che rimandano alla mobile suit ZAKU II MS-06S di Char Aznable, uno degli antagonisti più celebri dell'animazione nipponica.

La combinazione tra queste due componenti, parte di un'intera serie dedicata allo ZAKU II che include anche un monitor, dà vita a un computer da gioco riconoscibile e dall'estetica premium che cerca l'equilibrio tra i rincari della scena pre-assemblata e le prestazioni che in questo caso si affidano a un hardware di fascia media, ma di ultimissima generazione. Parliamo infatti di un AMD Ryzen 5 5600X e di una ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3060, per una combinazione che punta al 1080p ad alto framerate e al 1440p rimanendo intorno ai 60 FPS, in entrambi i casi senza compromessi.

Caratteristiche hardware

Il pre-assemblato ASUS TUF ZAKU II a tema GUNDAM in tutto il suo splendore
Il pre-assemblato ASUS TUF ZAKU II a tema GUNDAM in tutto il suo splendore

La configurazione del pressemblato ASUS, come anticipato, include un processore AMD Ryzen 5 5600X, una scheda video ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3060 con 12 GB di memoria GDDR6 da 15 Gbps e una scheda madre micro-ATX ASUS TUF B550M ZAKU II Wi-Fi, una scheda da gaming con chipset di fascia media che costa qualcosa in più della media a causa della dissipazione voluminosa e del WiFi 6 integrato e presenta anche Bluetooth 5.1, sei porte USB di cui due USB 3.2 Gen 2, l'ovvia porta ethernet e una connessione PCIe 4.0 per il primo dei due slot PCIe x16 e la prima delle due porte M.2 per SSD. Installato in quest'ultimo slot troviamo la prima componente di fascia alta della configurazione: un'unità SSD PCIe 4.0 da 1 TB Samsung 980 Pro con velocità massime di 7000 Mb/s in lettura sequenziale e 5000 Mb/s in scrittura sequenziale.

Da notare inoltre i due banchi da 8 GB di memoria Kingston HyperX da 3200 MHz e CL16 che garantiscono una spinta in più al processore, pur non arrivando ai valori ottimali di 3600 e più MHz, grazie all'interconnessione Infinity Fabric.

La dotazione del preassemblato ASUS TUF ZAKU II include una velocissima unità SSD PCIe 4.0
La dotazione del preassemblato ASUS TUF ZAKU II include una velocissima unità SSD PCIe 4.0

L'altra componente a farsi notare è senza ombra di dubbio il case ASUS TUF Gaming GT301 ZAKU II EDITION, nelle forme pressoché identico al modello base, maniglia in stoffa inclusa, ma declinato in rosso con fregi, scritte e lo ZOKU II impresso a figura intera sulla paratia destra. Per il resto si attiene a una formula rodata con un'ampia grata frontale a nido d'ape in corrispondenza di tre ventole con illuminazione ARGB, con compatibilità Aura Sync e tasto dedicato sul pannello del case, opposte a una ventola di espulsione dell'aria, piazzata sul retro. Un'altra grata è sotto, con il suo filtro anti polvere, e l'ultima è in alto, anche questa con filtro anti polvere e in più l'aggancio magnetico.

Dentro invece troviamo spazio a sufficienza per mettere comodamente mano alla componentistica, anche in funzione di eventuali upgrade. Purtroppo l'altezza massima per la ventola si ferma a 160 millimetri, escludendo di poco l'eccellente Noctua NH-D15, ma parliamo comunque di ben 16 centimetri che sono più che sufficienti per svariati dissipatori a torre di ottima qualità. Inoltre il case può accogliere dissipatori AIO fino a 360 millimetri di lunghezza sul frontale e fino a 240 millimetri sulla parte alta. Non manca inoltre di supporto per 4 drive da 2.5 pollici all'interno e due combo da 2.5 e 3.5 pollici immediatamente raggiungibili rimuovendo la paratia in acciaio.

Scheda tecnica ASUS TUF Gaming GT301 ZAKU II EDITION

  • Formato: mid-tower
  • Supporto schede madri: ATX/micro ATX/Mini ITX/EATX
  • Raffreddamento: 3x ventole ARGB da 120 mm in entrata (1200RPM), 1x ventola da 120 mm in uscita
  • Vani storage: 4x da 2.5 pollici, 2x combo da 2.5 o 3.5 pollici
  • Connettività pannello I/O: 2x USB Type-A 3.2 Gen 1, jack audio microfono 3.5 mm, jack audio uscita 3.5 mm
  • Materiali: acciaio SGCC, plastica ABS
  • Dimensioni: 426 x 214 x 482 mm
  • Dimensioni massime ventola CPU: 160 mm
  • Dimensioni massime GPU: 320 mm
  • Dimensioni massime PSU: 160 mm
  • Peso: 7,2 kg

Il design

Protagonista della build ASUS TUF ZAKU II il mobile suit di Char Aznable, la Cometa Rossa
Protagonista della build ASUS TUF ZAKU II il mobile suit di Char Aznable, la Cometa Rossa

Anche se le forme e i materiali non cambiano rispetto ai modelli base della serie ASUS TUF, comprese la robustezza di livello militare della scheda madre e la maniglia frontale in stoffa del case, risulta subito evidente come i fregi e la colorazione rendano decisamente peculiare una configurazione quasi interamente votata al rosso intenso. Questo colore dilaga infatti sull'esterno, andando anche a caratterizzare il reggi-cuffie rimovibile che fa da blocco per la paratia sinistra in vetro temperato, e ricompare all'interno del case mettendo in evidenza la copertura dell'alimentatore, il sostegno della scheda video e la dissipazione di gran parte della scheda madre.

E per esaltare ulteriormente il rosso già acceso dell'armatura e del mech di Char Anzable, conosciuto anche come la Cometa Rossa, ASUS ha scelto come secondo colore il nero, utilizzandolo per le grate di ventilazione, per il retro della superficie della scheda madre e per i disegni, a partire dall'elmo di Char sul backpanel della B550 per arrivare alla paratia destra del case dove troviamo il protagonista della build, il Mobile Suit ZAKU II a figura intera.

Il binomio tra rosso e nero domina anche all'interno del preassemblato ASUS TUF ZAKU II
Il binomio tra rosso e nero domina anche all'interno del preassemblato ASUS TUF ZAKU II

Il risultato è un desktop che, assemblato senza dubbio con criterio visto il cable management impeccabile, riprende il classico binomio di tonalità che per anni ha contraddistinto la componentistica da gaming. Il design risulta decisamente più raffinato e accattivante, almeno per i fan dell'universo di GUNDAM, nonostante il colore rosso intenso e le forme senza dubbio aggressive del robusto case, quasi tutto in acciaio SGCC. Fa ovviamente eccezione il già menzionato vetro temperato della paratia sinistra, impreziosito con le single bianche nello stile Gundam e fondamentale per poter godere dei dettagli interni, inclusa la ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3060 che pur essendo un modello standard si incastra bene nel quadro generale.

Informazioni sulla build di Alex.it

La build protagonista di questa recensione, disponibile in questa pagina, ha un prezzo di 2095,70€ ed è stata assemblata da Alex.it di Torino, Gold Store ASUS e Partner Certificato Powered by ASUS (PBA). L'adesione al programma PBA assicura in particolare componentistica di alto livello, cable management accurato, servizio post vendita con garanzia di 2 anni e testing rigoroso della macchina per verificare che tutto funzioni al meglio. Offre quindi specifiche garanzie, ma non preclude la possibilità di poter assemblare da soli il proprio PC, magari sfruttando i consigli da esperto di Alex.it, presente anche su Facebook, oppure ricorrendo al configuratore ASUS per poi seguire le indicazioni di ASUS sul sito Do It Yourself, pensato proprio per aiutare i neofiti nel processo di assemblaggio.

Prestazioni

Per provare il preassemblato ASUS abbiamo utilizzato Windows 11, mettendo subito all'opera il nuovo sistema operativo Microsoft che si è dimostrato essere già in pari con Windows 10 in quanto a prestazioni in gioco e in alcuni casi anche superiore, complici nuovi driver, ottimizzazioni e il Game Mode, ovviamente attivato per i nostri benchmark.
Se volete saperne di più sulle prestazioni di Windows 11 rispetto a Windows 10 vi rimandiamo al nostro speciale dedicato. Mentre se volete ottimizzare al massimo il nuovo sistema operativo per essere adeguato alle vostre esigenze gaming, vi rimandiamo al nostro articolo a tema. Per prima cosa abbiamo provato l'SSD Samsung 980 Pro ottenendo 6764 Mb/s in lettura sequenziale e 4977 Mb/s in scrittura sequenziale, con valori vicini ai massimali della veloce unità a stato solido PCIe. Soddisfatti abbiamo lanciato CPU-Z che ci ha restituito 4740 punti in multi-thread e 630 punti in sigle thread, mettendoci di fronte a numeri ottimi per un AMD Ryzen 5 5600X montato su una scheda madre B550. Stessa cosa per i benchmark sintetici, con punteggi inferiori di appena 1.5 punti percentuali rispetto a quelli ottenuti con una ben più costosa AMD X570 da gaming, e per i test dedicati esclusivamente alla ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3060, di poco inferiore rispetto ai modelli top di gamma con i benchmark relativi a DLSS, ray tracing e realtà virtuale.

Passando ai test lato gaming, ovviamente con impostazioni grafiche al massimo, ci siamo trovati di fronte a prestazioni robuste, sufficienti per giocare a Gears in 1080p con un framerate stabilmente sopra i 70 FPS, nonostante un leggero freno imposto dalla CPU, e in 1440p a più di 60 FPS. Nessun ostacolo invece per Control, volato a oltre 100 FPS in 1080p e oltre 70 FPS con ray tracing grazie al DLSS e nemmeno per Dirt 5, altro titolo in grado di superare i 60 FPS anche in 1440p. Si vola anche con Death Stranding, che gira a 80 FPS persino in 4K grazie all'ottima combinazione tra engine e DLSS, e con Metro Exodus Enhanced Edition, rimesso a nuovo da 4A Games grazie a un'ottima implementazione sia del DLSS che del ray tracing. Al contrario le cose sono un po' più faticose con titoli ostici come Assassin's Creed Valhalla, privo di ray tracing ma anche di DLSS e più affine alle schede AMD, e Watch Dogs: Legion, dotato di DLSS ma anche di ray tracing massiccio. Ma parliamo comunque di 50 FPS in 1440p, che non creano grossi problemi in gioco, e di 60 FPS senza compromessi in 1080p.

Temperature e rumorosità

La ventilazione del preassemblato ASUS TUF ZAKU II include tre ventole ARGB Aura Sync con tasto dedicato sul pannello del case
La ventilazione del preassemblato ASUS TUF ZAKU II include tre ventole ARGB Aura Sync con tasto dedicato sul pannello del case

Come anticipato il case ASUS TUF Gaming GT301 ZAKU II EDITION equipaggia un totale di 4 ventole che si sommano al dissipatore Wraith Prism, più potente del Wraith Stealth normalmente abbinato al processore AMD Ryzen 5 5600X, e garantiscono un'ottima ventilazione per un sistema del genere. Non ci siamo sorpresi, per questo, nel rilevare temperature ottime.

In gioco parliamo di 59 gradi per la CPU e 57 per la CPU mentre sotto stress test continuativo parliamo di 66 gradi per la CPU e 65 gradi per la GPU, con la prima spinta alle frequenze massime dichiarate e la seconda spinta regolarmente a circa 1900 MHz. Il tutto con il valido VRM della scheda madre a circa 40 gradi e il punto di giunzione tra CPU e piastra mai al di sopra dei 69 gradi. Possiamo quindi dare per scontato che un sistema del genere, pur non pensato per l'overclock a partire dalla scheda madre, consenta un certo margine di manovra agli utenti che non disdegnano giocare con le frequenze.

Di contro, complice il Wraith Prism che non è certo il più discreto dei dissipatori ad aria, il computer ASUS non è certo silenzioso. Ma si tratta di una rumorosità ovattata che, cosa importante, non aumenta quando il sistema è sotto sforzo, complice la ASUS GeForce RTX 3060 Gaming TUF che offre un ottimo compromesso tra efficienza e prestazioni.

Conclusioni

Forte della valida componentistica hardware della serie ASUS TUF, il preassemblato a tema GUNDAM riesce a combinare un hardware bilanciato con un'estetica di sicuro impatto, almeno per chi apprezza l'universo creato da Yoshiyuki Tomino e l'iconico Char Aznable. Il sistema deve però fare i conti con i rincari delle configurazioni pre-assemblate ai quali si sommano il costo del veloce ma non certo economico SSD Samsung 980 Pro, il rincaro legato alla personalizzazione del case e la scelta di componentistica di marca. Arriviamo quindi a pagare il tutto poco più di 2000€ che non sono certo pochi per una configurazione che si muove tra il 1080p e il 1440p, ma comprendono cable management accurato e, soprattutto, una garanzia sul servizio post vendita di 2 anni.