Lords Mobile, l’evento di Roma 0

Siamo stati a Roma per partecipare al primo evento organizzato da IGG per la comunità italiana di Lords Mobile, con ricchi premi e tanta palpabile eccitazione

SPECIALE di Simone Tagliaferri   —   30/06/2019

Partecipare a un evento per la comunità, dedicato a un gioco come Lords Mobile di IGG, è stata prima di tutto un'esperienza educativa, qualcosa dalle dinamiche talmente peculiari da essere interessanti a prescindere dal gioco in sé. Svoltosi in un palazzo nobiliare del Rione Monti di Roma, antico quartiere centrale della capitale, che qualcuno conoscerà per la movida, altri per motivi storici, ha visto incontrarsi alcuni dei membri più attivi della comunità per partecipare a una serie di attività legate al gioco, con cui IGG ha distribuito dei ricchissimi premi in cambio di preziosi feedback.

Prima di proseguire è giusto fornire qualche numero e dettaglio, tanto per far capire di che fenomeno stiamo parlando: Lords Mobile conta più di 270 milioni di giocatori in tutto il mondo. Da solo è stato capace di produrre quasi un miliardo di dollari di ricavi, molto più di quanto la maggior parte dei giochi per PC e console si sia mai sognato di realizzare. Disponibile come free-to-play per Android, sistemi iOS e PC (su Steam), è uno strategico gestionale casual che mescola costruzione e battaglie tra eserciti, eroi e funzioni social. Recentemente abbiamo dedicato uno speciale a Lords Mobile in cui troverete tutti i dettagli sul funzionamento del gioco, nel caso vi interessi provarlo.

L’evento

La sala in cui si è svolto l'evento di Lords Mobile, il primo in Italia, era addobbata con cartonati dedicati al gioco. All'ingresso ogni partecipante doveva scegliere il clan di cui far parte e registrare le sue generalità, confermando la pre-registrazione richiesta da IGG nei giorni precedenti all'evento. Da notare la presenza di persone provenienti da tutta Italia, con alcune che hanno affrontato un lungo viaggio in treno o in macchina per esserei. Sulle sedie erano state lasciate delle buste con dei regali con dentro delle statuette dei personaggi del gioco.

Prima dell'inizio delle attività a premi e subito dopo era possibile andare in una sala laterale per farsi fotografare insieme a due cosplayer o per farsi fare una caricatura da un caricaturista, un richiamo folkloristico al fatto di trovarsi a Roma (mai stati a Trinità dei Monti, in cima alla scalinata di Piazza di Spagna?). Con la sala piena, dopo che tutti si erano seduti, sono iniziate le danze. Un rappresentante di IGG ha ringraziato brevemente i presenti, affermando che è la comunità la vera forza di Lords Mobile e chiedendo consigli per continuare a migliorarlo. Quindi è stata avviata la prima attività, un quiz che ha fruttato ai vincitori delle statue dei personaggi del gioco e altri gadget, oltre che dei premi all'interno del gioco stesso, decisamente ricchi vista l'eccitazione dei presenti. Scaltramente comunque, l'organizzazione ha previsto dei premi di consolazione per tutti, in modo da non mandare nessuno a casa a mani vuote.

Il quiz in sé era formato da una serie di domande relative ovviamente a Lords Mobile, pensate per mettere alla prova le conoscenze e l'attenzione dei presenti. Qui quello che sembrava un evento come tanti ci ha raccontato qualcosa in più su come funziona una certa fetta del mondo dei videogiochi, la più ampia stando agli ultimi dati. La schietta crescita del mercato mobile è infatti visibile anche nella capacità dei produttori di riunire le comunità contattandole direttamente dall'interno dei giochi / applicazioni. Senza accorgercene si sono creati degli ecosistemi completamente autonomi che prescindono dalle dinamiche standard dell'industria e che mescolano gioco e vita social in modo totalizzante: una specie di mondo dei videogiochi 2.0 impossibile da vedere dall'esterno. Osservando la comunità di Lords Mobile, ci è sembrato di trovarci a una riunione di famiglia, in cui le persone non si conoscevano per nome, ma si riconoscevano dai nickname e condividevano una serie di conoscenze relative al gioco che possiamo definire come puramente tecniche. Probabilmente è anche questa voglia di essere presenti all'interno della comunità che segna l'inevitabile ritorno giornaliero in gioco, lì dove lo stesso diventa uno strumento di identità e confronto a prescindere dalle sue meccaniche.

Dopo il quiz si è svolta una lunga estrazione a premi, in cui sono stati coinvolti i bambini presenti, in puro stile tombola di paese. I piccoli, i più entusiasti della sala, hanno estratto via via i nomi dei vincitori, che hanno ottenuto delle preziose ricompense per Lords Mobile. Alla fine classica foto di gruppo e poi tutti in fila al buffet per mangiare. Paradossalmente di Lords Mobile in sé si è parlato pochissimo, se non rispetto a quanto chiesto dai quiz. Tanto tutti lo conoscevano alla perfezione (altrimenti non avrebbero preso parte a un evento simile).