PlayStation Vita, i migliori giochi da comprare prima che sia troppo tardi

A breve non sarà più possibile comprare nuovi giochi per PlayStation Vita su PS Store, ecco dunque gli acquisti che dovete effettuare prima che sia troppo tardi.

SPECIALE di Tommaso Pugliese   —   06/04/2021
53

È ufficiale: a partire dal 27 agosto i possessori di PlayStation Vita non potranno più acquistare giochi sul PlayStation Store, in quanto Sony cesserà il supporto digitale per la sua ultima console portatile.

Ciò significa che numerosi titoli si perderanno per sempre, mentre altri diventeranno estremamente difficili da trovare in formato retail. Gli utenti potranno continuare a scaricare i prodotti già in loro possesso, ed è dunque importante correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

Qui di seguito trovate una lista, in rigoroso ordine alfabetico, di dieci giochi che riteniamo particolarmente significativi nell'ambito della storia di PS Vita. Non gli unici e non necessariamente i migliori, ma quelli che, per un motivo o per l'altro, sarebbe un peccato veder sparire. Di recente abbiamo pubblicato un simile speciale anche per PS3, quindi se siete curiosi potete anche dare un'occhiata a quella lista.

Atelier Plus

Atelier Shallie Plus: Alchemists of the Dusk Sea e il suo inconfondibile stile anime.
Atelier Shallie Plus: Alchemists of the Dusk Sea e il suo inconfondibile stile anime.

Cominciamo con un insieme di produzioni, più che con un singolo titolo. La serie Atelier è riuscita nel corso degli anni a ritagliarsi un suo spazio nel mercato degli appassionati di jRPG, e il franchise è stato particolarmente attivo proprio su PlayStation Vita, andando a contribuire in maniera importante al successo nipponico dell'handheld.

Se vi siete avvicinati di recente alla serie e volete recuperare gli episodi originali in versione portatile, su PS Vita sono usciti nell'ordine Atelier Totori Plus: The Adventurer of Arland, Atelier Meruru Plus: The Apprentice of Arland, Atelier Rorona Plus: The Alchemist of Arland, Atelier Ayesha Plus: The Alchemist of Dusk, Atelier Escha & Logy Plus: Alchemists of the Dusk Sky e infine Atelier Shallie Plus: Alchemists of the Dusk Sea.

Killzone: Mercenary

Senza dubbio uno dei titoli più importanti mai pubblicati su PlayStation Vita, Killzone: Mercenary ci catapulta ancora una volta nel sanguinoso conflitto fra ISA e Helghast, ripercorrendo gli eventi dell'intera saga mentre combattiamo nei panni di Arran Danner, uno scaltro mercenario che offre i propri servizi a una fazione o all'altra senza farsi troppi scrupoli.

Caratterizzato da una realizzazione tecnica sorprendente, con una delle grafiche migliori che si siano mai viste sulla console portatile Sony, lo sparatutto di Guerrilla Games vanta anche un sistema di controllo in grado di sfruttare i molteplici dispositivi di input dell'handheld, miscelando comandi tradizionali e quick time event basati sull'interazione con il touch screen.

Metal Gear Solid HD Collection

Metal Gear Solid HD Collection, una sequenza iconica del terzo episodio.
Metal Gear Solid HD Collection, una sequenza iconica del terzo episodio.

Sebbene inspiegabilmente privo dell'episodio originale e soprattutto di Peace Walker, Metal Gear Solid HD Collection si pone come una raccolta letteralmente imperdibile per i fan dell'opera più rappresentativa di Hideo Kojima. Il pacchetto include infatti Metal Gear Solid 2: Substance e Metal Gear Solid 3: Subsistence, ovverosia le versioni migliorate del secondo e del terzo capitolo della serie.

Parliamo di titoli talmente iconici che non hanno bisogno di presentazioni: si passa dalla sperimentazione narrativa di MGS 2, con l'introduzione di Raiden e l'inaspettato passaggio di testimone in corsa, alle straordinarie atmosfere e ai risvolti di MGS 3. Entrambe esperienze che ancora oggi possono dare tanto, al netto di qualche spigolosità per quanto concerne i controlli.

MotorStorm RC

MotorStorm RC, uno sguardo ai tracciati innevati.
MotorStorm RC, uno sguardo ai tracciati innevati.

Un gioco destinato a sparire, realizzato da un team di sviluppo che non esiste più: MotorStorm RC ha rappresentato il tentativo da parte di Evolution Studios di portare il celebre franchise Sony anche su PlayStation Vita, sebbene nella forma di uno spin-off a base di automobiline radiocomandate e tracciati di piccole dimensioni, da provare e riprovare alla ricerca del tempo migliore.

Dotato di un sistema di controllo ampiamente configurabile e di una visuale dall'alto che rende le gare diverse dal solito, in una sorta di omaggio ad alcuni classici racer arcade, l'episodio portatile non perde l'occasione di citare gli episodi della serie principale, lanciandoci in frenetiche gare all'interno di alcuni fra gli scenari più iconici di MotorStorm.

Murasaki Baby

Murasaki Baby, il peculiare stile grafico in un'immagine.
Murasaki Baby, il peculiare stile grafico in un'immagine.

Titolo di debutto per il team italiano Ovosonico, Murasaki Baby miscela uno stile grafico davvero peculiare, ispirato per molti versi alle atmosfere dei film di Tim Burton, a un gameplay volutamente essenziale. Il risultato è un'esperienza senza dubbio originale, sebbene un po' troppo breve e forse incapace di esprimere appieno il proprio potenziale.

Nel gioco dovremo infatti "accompagnare" la piccola protagonista dell'avventura, Baby, tenendola virtualmente per mano tramite un tocco del touch screen ed evitando che il suo palloncino le sfugga di mano, recuperandolo all'occorrenza e utilizzando quattro differenti poteri speciali per fare in modo che l'ambiente circostante assecondi la nostra volontà.

Persona 4: Golden

Persona 4: Golden, una sequenza di combattimento.
Persona 4: Golden, una sequenza di combattimento.

Uscito lo scorso anno anche su PC, Persona 4: Golden è disponibile in versione portatile solo su PlayStation Vita e si tratta sicuramente di uno dei migliori giochi mai pubblicati sulla console portatile Sony. Parliamo infatti di un prodotto pieno di spessore, anche e sopratutto narrativo, capace di raccontare una storia non banale.

Il protagonista dell'avventura, Yu Narukami, dovrà infatti confrontarsi con la quotidianità di una piccola località giapponese che viene improvvisamente sconvolta da una serie di omicidi legati a una misteriosa realtà parallela. Dopo aver scoperto come accedervi, il ragazzo decide di indagare insieme ai suoi amici, forte del fatto che in quel luogo oscuro è in grado di usare poteri straordinari.

Soul Sacrifice

Soul Sacrifice, uno sguardo alle inquietanti ambientazioni del gioco.
Soul Sacrifice, uno sguardo alle inquietanti ambientazioni del gioco.

Nato dalla fantasia di Keiji Inafune, il padre di Mega Man, Soul Sacrifice è il primo e purtroppo unico episodio di un action RPG davvero interessante, disegnato appositamente su PlayStation Vita e ambientato in un mondo inquietante, popolato da terribili mostri e da un ordine di stregoni incaricati di dargli la caccia sacrificando il proprio stesso corpo.

Il concetto stesso di "sacrificio" è alla base delle arti mistiche che avremo modo di usare nella lunga e impegnativa campagna del gioco, alle prese con personaggi sempre più particolari, cercando di sbloccare man mano nuove abilità che possano consentirci di affrontare i nemici più forti, giocando da soli o in cooperativa insieme ad altri utenti.

Sly Trilogy

Sly Trilogy, uno sguardo a protagonista e ambientazioni.
Sly Trilogy, uno sguardo a protagonista e ambientazioni.

Sly Trilogy è la raccolta rimasterizzata dei tre episodi della serie Sony nata su PS2, nello specifico Sly Cooper and the Thievius Racconus, Sly 2: Band of Thieves e Sly 3: Honor Among Thieves. Si tratta anche in questo caso di un prodotto che dopo la rimozione dal PlayStation Store potrebbe finire nell'oblio, e sarebbe davvero un peccato considerando la qualità del pacchetto.

Al di là infatti dell'inevitabile fattore nostalgico, la trilogia confezionata da Sanzaru Games offre un'esperienza non solo bella da vedere ma anche divertente, coinvolgente e duratura, piena di idee interessanti sapientemente collocate all'interno di ogni singolo episodio, complice anche una struttura che rispetto al capitolo d'esordio tende ad aprirsi e a diventare più sfaccettata.

Tearaway

Sebbene Tearaway sia approdato anche su PS4 con una nuova versione, l'originale per PlayStation Vita sviluppato da Media Molecule sfrutta in maniera molto convincente le caratteristiche della console portatile, coinvolgendoci fin dalle prime battute in un'avventura davvero originale e sorprendente, tanto sul fronte narrativo quanto su quello delle ambientazioni e delle meccaniche.

Parliamo di un prodotto visivamente incantevole che, al netto di qualche limite tecnico e di un bilanciamento della difficoltà tarato verso il basso, ha stile da vendere e propone una progressione molto ragionata, che nella parte finale della campagna va a combinare tutte le idee introdotte fino a quel punto per dar vita a sequenze davvero interessanti.

Uncharted: L'Abisso d'Oro

Uncharted: L'Abisso d'Oro, uno degli splendidi paesaggi presenti nella campagna.
Uncharted: L'Abisso d'Oro, uno degli splendidi paesaggi presenti nella campagna.

Il solo e unico episodio portatile della serie creata da Naughty Dog, Uncharted: L'Abisso d'Oro ha avuto senz'altro il merito di dimostrare con i fatti la competenza e il talento di Bend Studio, il team che ha realizzato di recente l'ottimo Days Gone. Un'esclusiva assoluta, nonché una gran bella storia che si svolge prima degli eventi narrati nella trilogia originale, con qualche contraddizione sul fronte del gameplay ma un risultato finale apprezzabilissimo.

La smania di impiegare tutti i peculiari sistemi di input dell'handheld Sony ha portato infatti gli sviluppatori a commettere qualche ingenuità, controbilanciata tuttavia dalla grande sostanza di una campagna solida e appagante. Manca la narrazione cinematografica che i fan del franchise conoscono bene, è vero, ma non si può avere tutto dalla... Vita.