Videogiochi: gli indie più attesi del 2021

Ecco la nostra lista dei giochi indie più attesi del 2021, partendo dall'attesissimo Hollow Knight Silksong, fino a The Last Night per un totale di 15 giochi.

SPECIALE di Nicola Armondi   —   06/01/2021
43

Il 2021 sarà per certo l'anno della nuova generazione. PS5 e Xbox Series X|S, con le nuove scorte in arrivo (o almeno speriamo), invaderanno le case dei videogiocatori, i quali saranno alla ricerca di videogame AAA ad alto budget e con una grafica all'avanguardia che giustifichi il prezzo delle console. Alle volte, però, anche titoli "più piccoli" possono dare la stessa (se non più) soddisfazione. Quali sono quindi i giochi indie più attesi del 2021?

La nostra ricerca ha portato alla luce ben 15 giochi indie in arrivo nel 2021 (a meno di nuovi ritardi, purtroppo all'ordine del giorno). Scopriamoli insieme, uno a uno.

12 Minutes

12 Minutes è un "ibrido tra un thriller interattivo e un'avventura punta e clicca con visuale dall'alto". Tutto inizia nella nostra casa, mentre passiamo una serata romantica in compagnia di nostra moglie: a un certo punto, però, un ispettore di polizia entra in casa con la forza, accusa la donna di omicidio del padre e ci uccide. Subito, però, siamo catapultati a 12 minuti prima che tutto ciò accadesse: capiamo quindi di essere bloccati in un loop temporale. L'obbiettivo è capire cosa sta accadendo, sfruttando la conoscenza guadagnata in ogni loop, facendo domande ed esplorando la casa, per arrivare a una risposta.

Sulla carta, uno dei più grandi punti di forza di 12 Minutes è il suo alto ritmo: ogni dodici minuti arriveremo a una conclusione e avremo ottenuto qualche nuovo pezzo d'informazione su quanto sta accadendo. La donna ha veramente ucciso suo padre? Si tratta di un complotto? Cosa saremo disposti a fare per scoprire la verità e salvarci?

Ovviamente un progetto di questo tipo potrebbe facilmente rivelarsi fallimentare se la scrittura non sarà all'altezza o se la varietà di situazioni sarà minima e se i loop saranno troppo simili l'uno all'altro, portando alla noia il giocatore. Fino a prova contraria, però, è candidato a essere uno dei migliori giochi indie del 2021.

Axiom Verge 2

Axiom Verge 2 4

Atteso per la fine del 2020 ma chiaramente rimandato al 2021, Axion Verge 2 ci permetterà di scoprire "le origini dell'universo" della saga. Si tratta ancora una volta di un metroidvania dallo stile retro, ma si allontana dal primo capitolo e propone nuovi personaggi, nuovi poteri, nuovi nemici e un nuovo mondo. Può infatti essere giocato anche senza alcuna conoscenza del precedente gioco.

In Axiom Verge 2 ci saranno tutte le caratteristiche fondamentali dei metroidvania. Dovremo esplorare nuove regioni, combattere nuovi nemici e sfruttarne le capacità tramite l'hacking, ottenere potenziamenti tramite varie urne, anche se ciò "avrà un costo".

C'è però un grande segreto in questo mondo, che pare essere una sorta di versione alternativa della Terra: vita, aldilà, realtà, virtuale, sogno e incubo, tutto è separato da una linea molto sottile. Riusciremo a svelare il mistero? La qualità del primo capitolo fa ben sperare per Axiom Verge 2, questo è certo.

Book of Travels

Book Of Travels

Book of Travels ci invita a prendere parte a "un'esperienza sociale e di ruolo che non ci tiene per mano". Si tratta di un'avventura "serena" che ci permette di viaggiare all'interno di un mondo favoloso e ci permette di giocare di ruolo senza le limitazioni imposte da missioni lineari e linee di trama pre-costruite.

Potremo esplorare liberamente le aree selvagge e le città brulicanti di vita della penisola Braided Shore. Il mondo di gioco è completamente disegnato a mano e, già ora, possiamo affermare che sia uno dei migliori giochi indie del 2021 dal punto di vista grafico. Il mondo di gioco non è però solo bellissimo, ma è anche vasto e intricato. Sarà possibile incontrare altri giocatori, ma sarà un evento raro e speciale.

Potremo scegliere tra più di venti forme per il nostro personaggio, creandolo sulla base di caratteristiche della personalità e dell'identità, più che su una classe o delle statistiche. Saremo un avventuriero in cerca di pericolo, uno studioso stoico o uno spensierato scommettitore? Ci saranno più di 300 abilità che avranno impatto sul gioco. Potremo ottenere esperienza in vari modi, ad esempio essendo generosi, raccogliendo materiali, facendo scambi. Non mancano le battaglie, ma "potremo apprendere di più nella sconfitta che tramite la vittoria".

Book of Travels è per certo un'opera particolare che farà leva su un ristretto numero di giocatori, ma l'idea che ne è alla base è assolutamente interessante.

Genesis Noir

Gli indie hanno da sempre un grande vantaggio: possono osare con design e idee particolari, se non addirittura strane, che non piaceranno al largo pubblico, ma che attireranno l'attenzione di una nicchia. Ecco, Genesis Noir sembra proprio questo tipo di opera.

Nei panni di un piazzista di orologi saremo incastrati in un triangolo amoroso con altre due creature cosmiche, Miss Mass, una cantante jazz che "attira tutto ciò che le si avvicina", e Golden Boy, un musicista vanesio che ama creare e distruggere. Nel mezzo c'è anche un dio geloso, Big Bang, che spara un proiettile diretto al cuore del nostro amore. Questo proiettile è la Creazione stessa e noi dovremo esplorare sacche temporali che contengono determinati momenti della crescita dell'universo, dai primi millisecondi della Vita fino a miliardi di anni nel futuro, per trovare un modo di alterare la rotta del destino e impedire che il proiettile uccida la nostra amata.

Mettendo da parte per un secondo le stranezze narrative, Genesis Noir è un'avventura punta e clicca dai comandi semplificati che vuole generare un'esperienza che fonde narrazione e interazione in modo fluido, facendoci passare da filmati a fasi di gioco in modo istantaneo. Tra le ispirazioni troviamo Comiscomics di Italo Calvino, Kentucky Route Zero, Botanicula, Windosill, William Blake, Glorina e molti film noir.

Cyber Shadow

Cybershadow 20

Cyber Shadow, pubblicato da Yatch Club Games (autori di Shovel Knight), è un gioco d'azione a scorrimento con grafica in 8 bit. Nei panni di un ninja dovremo correre, saltare e fare a fette i nemici nel tentativo di salvare il nostro clan, all'interno di un mondo conquistato da forme di vita sintetiche.

Avanzando nel gioco potremo sbloccare nuove skill di combattimento e sfidare più di una dozzina di boss, enormi macchine da guerra e guerrieri sintetici che vogliono porre fine al nostro clan. Non mancheranno ovviamente segreti all'interno delle ambientazioni, come provviste, oggetti e upgrade. Fiore all'occhiello di Cyber Shadow è anche la soundtrack dal ritmo irresistibile creata da Enrique Martin e prodotta da Jake Kaufman.

Cyber Shadow sarà disponibile molto presto: dal 26 gennaio 2021 sarà infatti disponibile su PC, PS4, Xbox One e Nintendo Switch.

Eastward

Eastward 00010

Eastward è un gioco d'avventura ambientato nel prossimo futuro. La società sta iniziando a crollare e una presenza tossica sta distruggendo la Terra. Avremo il controllo di John, un minatore di mezza età che sfugge dalla società sotterranea di Sandfill, e Sam, una ragazzina misteriosa con strani poteri.

Viaggeremo attraverso il mondo di Eastward, esplorando città affollate, luoghi di campeggio e ombrose foreste dense di pericoli. Dovremo infatti affrontare varie creature, soprattutto grazie alla forza di John che avrà dalla propria varie armi, come un lanciafiamme e una micidiale padella. Anche Sam è però in grado di sfruttare poteri cinetici per difendersi e stordire gli avversari. La coppia dovrà rimanere fianco a fianco nelle situazioni pericolose, ma dovrà separarsi durante l'esplorazione dei dungeon per trovare passaggi alternativi e sbloccare percorsi, grazie alle capacità dei due.

Non è però un gioco di pura azione: avremo modo di conoscere personaggi strani e occuparsi della nostra cena, cucinando gli ingredienti recuperati in questo mondo morente per ottenere bonus a salute e sbloccare vantaggi segreti.

Hollow Knight: Silksong

Hollow Knight: Silksong è il seguito del primo Hollow Knight, un metroidvania ambientato in un mondo dominato dagli insetti e, più precisamente, nei resti sotterranei di Nidosacro, un regno decaduto. Nel primo capitolo abbiamo vissuto le avventure del Cavaliere (Knight) e abbiamo incontrato Hornet, una principessa-guerriera estremamente abile, che sfida più volte il Cavaliere e diviene infine sua alleata.

In Silksong prenderemo il controllo proprio di Hornet che è stata catturata e portata in un altro regno, Pharloom. Ovviamente dovremo esplorare nuove regioni, come una grotta di muschio e un'area corallina, ma è soprattutto sul lato del gameplay che vi è più da discutere. Hornet è infatti diversa dal Cavaliere. È più grande, più agile (ad esempio è in grado di afferrare i bordi delle piattaforme e arrampicarsi) e il suo ago da battaglia ha una portata maggiore. Potremo inoltre creare nuovi strumenti da battaglia, che svolgeranno una funzione simile a quella della "magia" del Cavaliere.

Di Silksong abbiamo visto per ora una sola demo, anche se abbastanza ampia, e vi abbiamo proposto da poco un'anteprima.

Happy Game

Happy Game 5

ì Non fatevi però ingannare dal nome, Happy Game non è un gioco dai toni allegri, ma un horror psichedelico dai creatori di Botanicula e CHUCHEL. Dovremo sfuggire da "tre indimenticabili incubi" risolvendo enigmi disturbanti all'interno di meravigliosi (per modo di dire) ambienti.

Avremo a che fare con facce sorridenti a dir poco sospette e coniglietti rosa. Happy Games vuole sfruttare la violenza in modo comico e non farà sconti in termini di gore: sangue e conigli decapitati saranno all'ordine del giorno.

Botanicula e CHUCHEL, pur non essendo opere note al largo pubblico, sono giochi di qualità e fanno ben sperare per questo nuovo progetto di Amanita Design. Non mancano inoltre inquietanti canzoni dalla band ceca DVA.

JETT: The Far Shore

JETT: The Far Shore ci "invita a un viaggio interstellare". Il nostro scopo sarà "creare un futuro per un popolo minacciato dall'oblio". Nei panni di Mei, un'esploratrice, scenderemo su un mitico pianeta oceanico e ci metteremo alla guida del "Jett" che dà nome al gioco. Dovremo esplorare le distese acquatiche e le intricate foreste, affrontando varie sfide al fianco di altri personaggi.

JETT: The Far Shore vuole raccontare una storia di coraggio, meraviglia e rimpianti all'interno di una trama divisa in cinque atti. L'avventura sarà composta da fasi rilassanti e altri momenti al cardiopalma mentre indaghiamo sul "hymwave", un misterioso invito interstellare che ha spinto la nostra gente oltre i propri cieli.

Anche se per il momento è difficile esprimersi sul gameplay, JETT: The Far Shore denota già uno stile estremamente evocativo ed entra a pieno diritto nella nostra lista dei migliori giochi indie del 2021.

Radio The Universe

Radio The Universe

Radio the Universe è un RPG distopico ambientato in una città abbandonata nel futuro, all'interno della quale è intrappolata la protagonista. Ad oggi è trapelato poco della trama, ma sappiamo che l'obbiettivo dello sviluppatore, 6E6E6E, è di realizzare un gioco che metta alla prova gli appassionati. Ci saranno pericoli ambientali, platforming e nemici letali.

Dovremo esplorare un ampio mondo con molteplici aree connesse tramite shortcut e non mancheranno aree nascoste e contenuto aggiuntivo che invogli all'esplorazione. Ogni area sarà densa di pericoli e dovremo sfruttare armi e abilità di movimento per poter avere la meglio su nemici e trappole. Il personaggio potrà essere potenziato in modo libero tramite un "sistema modulare". In stile "souls", in caso di morte abbandoneremo i punti esperienza e dovremo ritornare in tale luogo per recuperarli.

Radio The Universe è in sviluppo sin dal 2012 e vi è al lavoro una singola persona. Finanziato tramite Kickstarter, il gioco è stato espanso grazie al denaro extra ottenuto tramite crowdfunding ed è quindi stato rimandato rispetto all'uscita prevista. Negli anni ha fatto notevoli passi in avanti soprattutto a livello grafico.

Road 96

Road 96 00005

Dai creatori di Valiant Hearts e Memories Retold, è in arrivo Road 96, un "road trip procedurale". È l'estate del 1996 ed è il primo giorno del nostro viaggio: dobbiamo riuscire a raggiungere il confine e fuggire dal nostro Paese, Petria, per riuscirci ai nostri cari. La strada davanti a noi non è fissa, ma generata proceduralmente mentre giochiamo: incontreremo altre persone e dovremo condividere la strada con loro, oppure decidere di proseguire da soli.

Ogni scelta avrà infatti delle conseguenze e non è detto che riusciremo a uscirne vivi. Dovremo capire di chi fidarci, chi abbandonare, chi aiutare: non cambieremo infatti solo la nostra vita, ma anche quella delle persone che incontreremo durante la fuga. Il trailer di Road 96 fa inoltre intuire che potremmo avere l'occasione per rendere la tirannica Petria un luogo migliore.

Quest'avventura è ispirata a Tarantino, ai fratelli Coen e Bong Joon-ho, ed è certamente uno dei migliori giochi indie del 2021.

Sable

Sable 00005

Sable è un gioco che punta tutto sulla pura esplorazione. Il protagonista deve affrontare la Planata, un rito di passaggio in cui attraverserà vasti deserti e paesaggi costellati di relitti di astronavi. Con la sua fidata hoverbike potrà raggiungere ogni angolo del mondo di gioco ed esplorare in grande libertà.

Sable ci permette infatti di decidere il nostro ritmo di gioco e quali avventure affrontare in totale libertà. Potremo scalare rovine monumentali, incontrare altri nomadi, svelare misteri dimenticati e risolvere enigmi, nel modo e nell'ordine che vogliamo. Avremo modo anche di personalizzare la nostra hoverbike.

È soprattutto lo stile grafico a essere unico; il personaggio è infatti animato con un minore numero di frame rispetto al resto del gioco: leggermente straniante i primi attimi, ma innegabilmente affascinante una volta fattaci l'abitudine. Per chiudere in bellezza, l'avventura è impreziosita da una colonna sonora realizzata da Japanese Breakfast.

She dreams elsewhere

She Dreams Elsewhere

She dreams elsewhere è un'avventura surreale con elementi da gioco di ruolo che spinge a viaggiare attraverso un mondo da sogno e confrontare i nostri incubi interiori, cercando di sfuggire da un coma senza fine. Giochiamo nei panni di Thalia, una donna che cerca di capire cosa le è accaduto.

She dreams elsewhere vuole raccontare una storia basata sulle emozioni, sulla salute mentale e sul concetto dell'identità. Il mondo di gioco sarà denso di segreti e misteri: ci spingerà a cercare in ogni angolo ed esplorare in modo accorto.

Il sistema di combattimento è a turni e ci farà scontrare con un insieme di creature da incubo. Viene descritto come un gioco facile da approcciare ma complesso da dominare. Avremo infatti modo di sfruttare molteplici tattiche di battaglia e personalizzazioni di Thalia grazie a un sistema di "Amuleti" e grazie all'aiuto di altri personaggi. Lo stile grafico è retro e psichedelico, con il supporto di una colonna sonora "eterea e mozzafiato" composta da Mimi Page, con il supporto di tracce addizionali di molteplici musicisti indie.

Sports Story

Sportstory 01

Sports Story, seguito di Golf Story, fonde meccaniche da gioco di ruolo a molteplici sport, quali il baseball, il tennis, la pallavolo e il calcio. Il nostro personaggio dovrà partire per un'avventura golfistica in luoghi che fondono ordinario e fantastico, esplorando sotterranei, completando missioni in incognito o completando vari minigiochi, come la pesca.

Dovremo studiare in una rinomata accademia di tennis, farci degli amici e dei nemici ed inseguire l'eccellenza sportiva. L'obbiettivo è anche partecipare al Decasportathon e rendere orgoglioso il nostro allenatore.

Sports Story unisce molteplici stranezze (Vampiri? Ci sono. Una regina vendicativa? Presente. Una corporativa malvagia che domina la nostra quotidianità? Non manca) e un'avventura dai toni leggeri. Sarà esclusivo per Nintendo Switch, al pari del primo capitolo.

The Last Night

The Last Night 04

The Last Night rientra con nostra grande delusione nella lista dei migliori giochi indie del 2021. Ovviamente lo intendiamo in modo positivo, nel senso che avremmo sperato che il gioco di Odd tales fosse già disponibile. The Last Night è infatti atteso da tempo e nell'ultimo anno poco nulla di nuovo è stato detto.

Sappiamo però che The Last Night racconta la storia di Charlie, un cittadino di serie B che abita in una città del futuro dove le macchine si occupano di ogni lavoro e gli umani si dedicano completamente al consumo e al gioco. Charlie però è apatico e sfiduciato, ma in The Last Night ha l'occasione di prendere la situazione nelle proprie mani per cambiare le cose.

Avremo occasione di esplorare un mondo post-cyberpunk, destreggiandoci tra sparatorie e fasi stealth. Non mancheranno ovviamente molteplici dialoghi in tempo reale con personaggio realistici che ricorderanno le tue parole e il tuo comportamento. Innegabilmente, però, ciò che più attira di The Last Night è lo stile grafico, una superba fusione tra 2D e 3D.