Acquisizione di Activision Blizzard: l'FTC porta in tribunale Microsoft per bloccarla, è ufficiale

L'FTC, l'organo antitrust USA, ha deciso di procedere e portare in tribunale Microsoft per il tentativo di acquisizione di Activision Blizzard.

Acquisizione di Activision Blizzard: l'FTC porta in tribunale Microsoft per bloccarla, è ufficiale
NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   08/12/2022
334

Tantò tuonò che piovve: l'FTC (Federal Trade Commission), l'organo antitrust degli Stati Uniti, ha deciso di portare in tribunale Microsoft per l'acquisizione di Activision Blizzard, nel tentativo di bloccarla. Ha quindi prevalso la linea dura, vociferata negli scorsi giorni, con la casa di Redmond che si trova a dover superare uno scoglio enorme per giungere alla conclusione positiva dell'affare.

Le motivazioni dell'agenzia sono molto dirette e citano il fatto che con l'acquisizione Microsoft prenderebbe il controllo di alcuni dei franchise videoludici più forti in assoluto, danneggiando la competizione nel mercato console e in quello dei servizi in abbonamento, negando o diminuendo l'accesso dei concorrenti a certi contenuti.

Da qui nasce la volontà di bloccare l'affare da 69 miliardi di dollari, il più grande di sempre per Microsoft e per il mercato dei videogiochi tutto, che le consentirebbe di "sopprimere i concorrenti" delle console Xbox, del suo servizio in abbonamento "in rapida crescita" e del cloud gaming.

L'FTC ha preso come esempio quanto fatto da Microsoft con l'acquisizione di Zenimax e di come abbia usato i suoi giochi, in particolare quelli di Bethesda, resi esclusive Xbox, per minare la competizione, comportandosi al contrario di quanto affermato di fronte alle autorità antitrust europee.

Holly Vedova, il direttore del Bureau of Competition della FTC, ha dichiarato in merito che "Microsoft ha già mostrato che può e toglierà contenuti ai suoi rivali. Oggi vogliamo impedire a Microsoft di prendere il controllo di uno studio indipendente leader e usarlo per danneggiare la competizione nei dinamici e in crescita mercati dei videogiochi."

L'FTC ha poi ricordato che Microsoft ha già sul mercato due console, Xbox Series X e S, nonché un servizio in abbonamento di successo, il Game Pass. Activision di suo è uno dei poi sviluppatori top del mondo capace di creare giochi di alta qualità di successo per più piattaforme, con franchise enormi come quelli Call of Duty, World of Warcraft, Diablo e Overwatch.

L'FTC teme che nel caso in cui l'affare vada in porto, la situazione possa cambiare e Microsoft manipoli il mercato tramite i prezzi dei prodotti di Activision, abbassi la qualità dei suoi giochi sulle piattaforme e sui servizi concorrenti, modifichi i termini e le tempistiche di accesso ai suoi contenuti e ne renda esclusivi alcuni.

La votazione della commissione è finita con tre membri a favore del blocco e uno contrario (quello di Christine S. Wilson). Presto sarà pubblicato il verbale della riunione in cui è stato deciso il clamoroso provvedimento.