Blizzard: Fox vuole i diritti del marchio "Diablo", ma gli sviluppatori si oppongono

Fox ha richiesto i diritti per il marchio Diablo, ma gli sviluppatori di Blizzard si oppongono: ecco tutti i dettagli.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   03/05/2021
21

Blizzard si è opposto alla richiesta di registrazione di un marchio di Fox Media, precisamente del marchio "Diablo". Il nome è legato a quello di un personaggio (un cane) di Housebroken, una nuova serie animata legata a degli animati che condividono i propri pensieri all'interno di sessioni di terapia.

Blizzard afferma che il marchio è legato a prodotti "che hanno avuto enorme successo commerciale, vinto vari premi dall'industria e sono stati al centro dell'attenzione dei media". Fox vuole i diritti del marchio Diablo per categorie come cibo e bevande per animali, ma anche oggetti come bicchieri, bottiglie, apribottiglie, tazze, scodelle, spazzolini, thermos, contenitori per biscotti e altri strumenti in ambito culinario o per animali domestici (come spazzole per cani).

Potrebbe sembrare strano che un prodotto come un videogioco, basato su immaginario dark fantasy, possa scontrasi con un cartone animato legato a un cane parlante, ma Blizzard ha usato in molti modi il marchio di Diablo, "inclusi bicchieri, sottobicchieri, apribottiglie, zaini, statue, artwork, libri e diari".

Attualmente Fox Media è stata informata dell'opposizione di Blizzard e ha 40 giorni (a partire dal 26 aprile 2021, data nella quale è stata notifica l'opposizione) per dare una propria risposta. La situazione è di certo curiosa: scopriremo tra qualche tempo come andrà a finire.

Se a voi interessa però solo Diablo IV, sappiate che il PvP nelle zone open world coi Fields of Hatred sarà simile a The Division.