Bonus PC e internet: cos'è, a quanto ammonta e come effettuare la richiesta

Sta per partire il Bonus PC e internet che consente di ottenere un rimborso fino a 500 euro sull'acquisto di PC, tablet e strumenti per la connessione internet: vediamo cos'è, a quanto ammonta e come effettuare la richiesta.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   14/09/2020
178

Il cosiddetto bonus per pc e internet è un nuovo contributo economico elaborato dal governo per acquistare dispositivi elettronici, in particolare PC o tablet, oltre a servizi per la navigazione, che dovrebbe facilitare l'accesso a internet attraverso un supporto all'acquisto degli strumenti necessari.

Si traduce, in pratica, in uno sconto per l'acquisto di hardware come computer e tablet ma anche di servizi e strumenti per l'accesso alle connessioni internet da parte di famiglie e imprese all'interno di determinati parametri.

Il contributo si concretizza come un rimborso attraverso voucher e può variare tra 200 e 500 euro per quanto riguarda i privati, in base al reddito complessivo della famiglia che ne fa richiesta, calcolato sulla base dell'ISEE. Le domande potranno essere inviate a partire dal 20 settembre, con una procedura online attraverso SPID, ma si attendono informazioni precise su questo aspetto nei prossimi giorni.

In sostanza, il contributo può essere richiesto da famiglie con ISEE compreso tra 20.000 e 50.000 euro, con voucher che va da 500 a 200 euro all'aumentare del reddito della famiglia (più quest'ultimo è alto e più è basso il rimborso, ovviamente).

Ecco i due scaglioni previsti per quanto riguarda il valore del rimborso attraverso voucher:

  • 500 euro di bonus per famiglie con ISEE inferiore a 20.000 euro, suddiviso in 200 euro dedicati ai costi per connessioni internet con velocità di almeno 30 Mbit/s e 300 euro per acquisto di hardware PC o tablet
  • 200 euro per famiglie con ISEE inferiore a 50.000 euro, da utilizzare per accedere a connessioni internet più veloci ad almeno 30 Mbit/s

Alle imprese, invece, il contributo può andare da 500 euro fino a 2.000 euro, per l'acquisto di servizi di connettività ad almeno 30 Mbit/s o a 1Gbit/s, in base alla tipologia di rete presente nelle relative sedi. La diversa dimensione del voucher per le imprese dipenderà anche dalla dimensione delle sedi, del numero dei dipendenti e da altri fattori che possono rendere necessario un diverso livello di servizio di connettività a internet.

Il Ministero dello Sviluppo Economico precisa che l'agevolazione viene gestita internamente dal Infratel (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l'Italia S.p.A.), che è una società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico e fa parte del Gruppo Invitalia, soggetto attuatore dei Piani Banda Larga e Ultra Larga del Governo. Maggiori informazioni verranno fornite a questo indirizzo sul sito del MISE.

Pc 1207686 1280