Donald Trump: account Twitter e Facebook bloccati dopo attacco al Congresso USA

Facebook e Twitter hanno bloccato gli account di Donald Trump per istigazione alla violenza, dopo l'assalto al Congresso USA di ieri, dove sono morte quattro persone.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   07/01/2021
242

Facebook, Instagram e Twitter hanno bloccato gli account dell'ex-presidente degli Stati Uniti Donald Trump per istigazione alla violenza. I duri provvedimenti sono stati presi dopo l'assalto al Congresso USA di ieri, dove sono morte quattro persone, una delle quali uccisa dai colpi sparati da un agente di polizia. Trump non potrà postare sui social di Zuckerberg per le prossime 24 ore e non potrà cinguettare per le prossime 12 ore, dovendo inoltre rimuovere tre messaggi, pena il blocco definitivo del suo account.

Si tratta di una situazione senza precedenti, che getta un'ombra ancora più scura sull'intera vicenda. Trump è accusato da più parti di essere l'istigatore dei fatti di ieri, che hanno visto movimentarsi un nutrito gruppo di suoi sostenitori, convinti dalla propaganda del Tycoon del furto elettorale di Biden, nonostante le verifiche, i riconteggi e i manifesti tentativi di corruzione di pubblici ufficiali fatti da Trump (di cui esistono anche degli audio).

Ieri 6 gennaio 2020, il Congresso USA si è riunito per ratificare la vittoria alle elezioni presidenziali di Joe Biden, il candidato democratico. Trump ha usato parole di fuoco in un comizio, scatenando i suoi sostenitori più accesi che hanno fatto irruzione in Campidoglio, bloccando i lavori per diverse ore. Invece di provare a smorzare i toni, Trump ha poi usato i social network per avallare l'azione terroristica. Da questi fatti è nata anche la rimozione dell'emote PogChamp da Twitch, tanto per citare un effetto collaterale minimo, ma indicativo dell'aria che si respira in queste ore negli Stati Uniti.