Fallout 76, Bethesda è ancora interessata a supportare le mod

Fallout 76 ha ancora intenzione di offrire il supporto delle mod alla community, ma prima bisognerà risolvere alcune problematiche.

NOTIZIA di Davide Spotti —   18/06/2019
8

Quando Fallout 76 fu lanciato sul mercato, nello scorso mese di novembre, Bethesda disse di voler garantire il supporto delle mod ma di avere anche altre priorità al lancio del prodotto su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Nonostante siano trascorsi diversi mesi, l'introduzione di questa funzionalità sembra essere ancora lontana. Questo perché, come spiega il direttore dello sviluppo Chris Mayer, è avvenuto un passaggio del motore grafico a un modello client-server.

"Abbiamo cambiato tutto, dallo scripting al modo in cui i sistemi funzionano, perché adesso è previsto un viaggio di andata e ritorno dal client al server per la convalida", ha spiegato Mayer. In buona sostanza, per abilitare le mod Bethesda dovrebbe prima consentire ai giocatori di far funzionare i loro server.

"Il modding è una parte estremamente importante della community di Bethesda, ed è qualcosa che la gente ama di tutti questi titoli", ha proseguito. "Quindi è sulla nostra tabella di marcia. Credo che una volta che avremo iniziato a fare cose interessanti con i server privati, potremo iniziare a permettere ai giocatori di cambiare più cose. Sarà un procedimento da eseguire un passo alla volta. È qualcosa che vogliamo assolutamente fare".

Durante l'E3 2019 Bethesda ha presentato Wastelanders, nuovo update maggiore di Fallout 76 che arriverà in autunno, ma anche la modalità battle royale Nuclear Winter, che nell'ultima settimana è stata disponibile in versione trial.