God of War: fanno discutere il 7 di Siliconera e le sue motivazioni

La recensione di Siliconera di God of War sta facendo discutere moltissimo, per il voto assegnato, un 7, e per le motivazioni che lo giustificano.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   14/01/2022
129

Sta facendo discutere il 7 dato da Siliconera alla versione PC di God of War. In particolare stanno facendo discutere le sue motivazioni. A scrivere l'articolo è stata la giornalista Dani Maddox, che stando a quanto viene riportato dalla moderatrice del sito, è specializzata in giochi di ruolo d'azione e in giochi d'azione in generale.

L'articolo in sé inizia parlando della bontà del port del gioco di Sony Santa Monica su PC, per poi entrare in una questione che evidentemente sta particolarmente a cuore alla Maddox, ossia il rapporto tra Kratos e Atreus, trasformata nel cuore dell'intera recensione: "Vedere Kratos allungare la mano per confortare suo figlio, solo per poi tirarsi indietro e tornare a insegnargli a essere un guerriero, invece, mi ha allontanato dall'emotività della scena. I momenti tra Kratos e Atreus che non sono pieni di aggressività sembrano quasi immeritati. Kratos deve essere forte. Non può permettersi di mostrare debolezze in momenti che potrebbero costare la vita a lui e a suo figlio."

"Avrei voluto che Kratos fosse più meritevole dell'amore e del rispetto di suo figlio. Avrei voluto anche che i momenti in cui tenta di essere un buon padre, solo per poi tirarsi indietro, non fossero così prevalenti."

A scatenare la polemica non è stato però il testo della recensione in sé, quanto il voto dato e una delle motivazioni dello stesso scritte nel riepilogo finale: "Kratos è un padre burbero e distaccato, che potrebbe non soddisfare chi fosse alla ricerca di un gioco più amabile."

I commenti in merito si sono moltiplicati, con qualcuno che ha definito questa recensione un picco negativo per il settore, peggiore del "Too much water" di IGN, e altri che hanno accusato la Maddox di non aver finito il gioco prima di scrivere il suo pezzo. Naturalmente non sono mancati insulti sessisti, che hanno legato il suo giudizio sul gioco al fatto di essere donna, e ci sono stati molti che hanno sottolineato la natura politica del pezzo.