Halo Infinite: giocatori delusi dalla progressione del nuovo evento, 343i promette modifiche

Dopo le critiche dei giocatori all'evento Fracture: Tenrai di Halo: Infinite, 343 Industries ha promesso l'arrivo di modifiche al sistema di progressione.

NOTIZIA di Stefano Paglia   —   25/11/2021
211

La beta multiplayer di Halo Infinite è stata accolta in modo molto positivo dai giocatori, al netto di qualche problema. In particolare sin dal lancio, i fan si sono lamentati per la velocità di progressione del Battle Pass. Critiche simili ora sono arrivate anche per il nuovo evento Fracture: Tenrai iniziato da pochi giorni. Fortunatamente 343 Industries sta ascoltando con attenzione i feedback della community e ha promesso l'arrivo di cambiamenti.

Nonostante le modifiche apportate la settimana scorsa, i giocatori si sono lamentati del tempo necessario per ottenere tutte le ricompense del nuovo evento. Nello specifico bisogna completare 30 delle 42 sfide per sbloccare tutti i 30 tier di ricompense, tra cui l'ambita armatura Yoroi da samurai. Le sfide tra l'altro verranno rese disponibili a gruppi di sette nel corso di sei settimane.

Questo significa che c'è un limite di progressione settimanale, ad esempio con le sfide di questa settimana si può raggiungere al massimo il livello 7. Insomma, sbloccare tutte le ricompense richiede troppo tempo secondo alcuni giocatori, specialmente quelli che non possono dedicare tante ore al gioco, dato che si tratta di un evento a tempo limitato, nonostante verrà riproposto più volte nel corso della Stagione 1. L'altra lamentela generale è che delle 30 ricompense, 16 sono XP booster e dei modificatori per le sfide, mentre solo le restanti 14 sono degli oggetti per la personalizzazione.

In un Tweet, il community manager Brian Jarrard di 343 Industries ha affermato che il team ha ricevuto "forte e chiaro" i feedback della community. Tuttavia dei cambiamenti richiederanno del tempo e lo studio ha deciso di concedere una piccola, meritata, pausa al team di sviluppo di Halo Infinite dopo gli sforzi delle ultime settimane.

Jospeph Staten, head of creative di 343i, in un'intervista con Eurogamer ha inoltre aggiunto che i problemi alla progressione sono semplici da risolvere rispetto a delle magagne strutturali e ha ricordato che il multiplayer è a tutti gli effetti ancora in fase di beta, quindi è normale che servirà un periodo "di assestamento" per calibrare bene tutti i vari aspetti.

Rimanendo in tema, ieri il Staten ha spiegato come il rinvio della campagna co-op di Halo Infinite sia stata una scelta dolorosa, ma giusta per il bene del gioco.