12

Lenovo presenta i desktop Legion Blade 7000K SE con processori mobile

Lenovo ha presentato i nuovi desktop Legion Blade 7000K SE con processori mobile, ecco le configurazioni

Lenovo presenta i desktop Legion Blade 7000K SE con processori mobile
NOTIZIA di Riccardo Arioli Ruelli   —   14/05/2024

Come abbiamo anticipato qualche settimana fa, Lenovo ha ufficialmente presentato la nuova gamma di PC desktop Legion Blade 7000K SE con processori Intel della serie HX, sviluppati per il mercato laptop di fascia alta, ed entra ufficialmente nel segmento del "Mobile on Desktop".
Una scelta interessante che comporta alcuni vantaggi e altrettanti svantaggi. Ecco tutti i dettagli.

Processori per laptop in un desktop da gaming

Legion Blade 7000K SE per il mercato cinese
Legion Blade 7000K SE per il mercato cinese

Lenovo Legion Blade 7000K SE entra ufficialmente nella gamma Blade 7000K con un nuovo suffisso , che sta per Super Edition, e con una particolare configurazione che porta in dote i processori Intel di 13a e 14a generazione della serie HX.
Lenovo entra quindi ufficialmente nel segmento del MoDT (Mobile on Desktop) che prevede l'adozione di processori sviluppati per laptop nelle configurazioni desktop.

Le nuove configurazioni utilizzano quindi i processori Raptor Lake ed in particolare i modelli Intel Core i9-14900HX, Intel Core i7-14650HX e Intel Core 17-13650HX, accompagnati dalle schede grafiche NVIDIA GeForce RTX 4070 Ti Super, RTX 4060 Ti Super e RTX 4060 e da tre tagli di RAM da 16, 24 e 32 GB DDR5.

Costa meno, ma...

Una scheda madre MoDT di ERYING
Una scheda madre MoDT di ERYING

Come abbiamo anticipato poche settimane prima dell'annuncio ufficiale, l'approccio MoDT prevede l'utilizzo di processori mobile in sistemi desktop: in questo modo è possibile contenere i costi e allo stesso tempo si può trarre vantaggio dalla maggiore stabilità delle CPU per laptop, mantenendo comunque prestazioni che, seppure minori delle controparti desktop, possono sopportare carichi di lavoro pesanti per un buon numero di anni.

Il principale svantaggio però, sta nel fatto che i processori sono saldati direttamente sulla scheda madre e, proprio come in un normale laptop, non è possibile effettuare l'upgrade del singolo processore. Se da una parte il costo iniziale potrebbe essere quindi conveniente, questa particolare configurazione viene penalizzata dal punto di vista della longevità. Al momento comunque non è chiaro se questo tipo di prodotti arriveranno anche sul mercato occidentale.