Nintendo Switch supporta Android 10 in maniera non ufficiale: è la versione Shield TV

Da oggi Nintendo Switch supporta in maniera non ufficiale Android 10 grazie ad una conversione della versione per Nvidia Shield TV di LineageOS 17.1.

NOTIZIA di Luca Forte   —   08/02/2021
6

Da oggi alcuni smanettoni sono riusciti ad installare su Nintendo Switch Android 10. Si tratta, ovviamente, di un supporto non ufficiale, ma, nonostante questo, è in grado di girare in maniera piuttosto convincente sulla console ibrida di Nintendo, sbloccandone le potenzialità multimediali. Come base, infatti, è stata usata una versione per Nvidia Shield TV di LineageOS 17.1, un sistema operativo molto utilizzato sui dispositivi Android non ufficiali.

Gli sviluppatori che hanno compiuto l'impresa si fanno chiamare SwitchRoot team e sono gli stessi che erano riusciti a far girare Android 8 Oreo sulla console di Nintendo. A distanza di mesi, però, hanno scoperto che LineageOS 17.1 per Nvidia Shield TV funziona decisamente meglio sulla console di Nintendo, consentendo di accedere alla gran parte delle funzionalità della console, senza per questo uccidere la batteria.

Non solo, il team ha anche introdotto la possibilità di avere degli aggiornamenti OTA, ovvero automatici attraverso la rete, in modo da poter tenere sempre aggiornata la console, senza dover tutte le volte ripetere le complesse operazioni di installazione. Il sistema operativo supporta pienamente Joy-Con, Pro Controller e anche gli Hori Joy-Con.

Il nuovo sistema operativo riscrive i funzionamento delle ventole per essere più silenziose, ma toglie anche le limitazioni della console Nintendo, che ora può usare una gamma più ampia di caricatori e adattatori TV.

Sono stati migliorati i driver WiFi, ma anche quelli Bluetooth, che garantiscono ora un ampio supporto agli accessori terze parti. In questo modo si potranno installare sulla console tutte le app e i giochi Android, oltre che sbloccare le potenzialità da Android TV della console. A questo indirizzo troverete tutti i dettagli. Inutile ricordare che queste operazioni potrebbero portare all'annullamento della garanzia della console, oltre che rovinarla irrimediabilmente. Inoltre queste operazioni sono pensate per coloro che amano smanettare con i loro device e non per incentivare la pirateria.