Patreon, arriva in Italia la piattaforma online che supporta i lavori creativi

A distanza di anni dalla sua diffusione su scala mondiale, Patreon, la piattaforma che supporta i lavori creativi attraverso degli abbonamenti, arriva in Italia.

NOTIZIA di Luca Forte   —   14/01/2021
55

A distanza di anni dalla sua diffusione su scala mondiale, Patreon arriva ufficialmente anche in Italia. Si tratta della la piattaforma online che supporta i lavori creativi dando la possibilità alle persona di finanziare i propri artisti preferiti attraverso degli abbonamenti, così da supportare la loro arte. Patreon è diffuso in tutto il mondo e aiuta disegnatori, fotografi, podcaster, ma anche cosplayer a finanziare i propri progetti e ad avere un filo diretto con i propri fan. Grazie alla sede di Berlino anche gli artisti europei potranno avere un filo diretto con la piattaforma che si prepara a lanciare contenuti ad hoc.

A questo indirizzo è possibile scoprire Patreon Europa.

Co-fondata nel 2013 a San Francisco dalla star di YouTube Jack Conte, musicista del duo Pomplamoose e da Sam Yam, Patreon conta ad oggi 200.000 creator iscritti (50.000 negli ultimi mesi) che, nel complesso, hanno guadagnato più di 2 miliardi di dollari grazie a oltre 6 milioni di abbonati sostenitori.

Patreon offre un nuovo modello di economia digitale che consente ai creativi di finanziarsi direttamente, in maniera indipendente, grazie alla propria community di sostenitori che attraverso vari tipi di abbonamento diventano patrocinatori: "patrons".

Oltre a ricevere contenuti esclusivi e unici, i patrons non sono dei semplici followers, ma stabiliscono una più profonda connessione con i loro artisti di riferimento, partecipando in alcuni casi anche al libero processo creativo.

Patreon propone una rivoluzione di paradigma per quanto riguarda i contenuti artistici online ponendo al centro del sistema la creatività a 360 gradi al posto di algoritmi o inserzionisti, dove l'arte abbia un valore per il pubblico e non sia solo un contenuto perché terzi possano trarre profitto.

In Italia il nuovo modello di finanziamento è stato già adottato da migliaia di creativi che si muovono nei diversi ambiti dalla musica ai podcast, dalla scrittura alla fotografia, visual, gaming, fumetti, grazie anche a una serie di strumenti messi a disposizione dalla piattaforma per migliorare e promuovere i propri contenuti in modo autonomo.

Da segnalare il Patreon del fumettista SIO, insieme a Nick & Lorro che con "Power Pizza" propongono podcast con svariati contenuti di cultura pop. Intorno al trio si è già formata una grande community con interessi simili che non solo ascolta e sostiene il podcast, ma interagisce e partecipa al processo di creazione dello stesso.

Lo scrittore e divulgatore Rick Dufer (nella top 15 dei podcast più ascoltati in Italia) propone contenuti filosofici settimanali ad hoc ai suoi sostenitori. Lo storico locale Blu Note di New York, che da sempre ospita i più importanti artisti jazz della scena internazionale, apre un Patreon per rendere disponibile il suo ampio archivio e condividere i momenti storici e le performance migliori dei musicisti, interviste, foto e tanto altro.

Fra gli artisti internazionali M.I.A che ha aperto un suo profilo su Patreon dove propone video inediti, musica, una volta al mese un livestream dedicato e Q&A con i fan dichiara: "Mi piace la semplicità del concetto di Patreon. Gli artisti meritano di veder riconosciuto il proprio lavoro"