Pokémon GO, Niantic contro gli sviluppatori di cheat per il gioco 10

Niantic ha deciso di dichiarare guerra ai cheater di Pokémon GO, denunciando quelli più attivi che gli stanno rovinando il business.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   16/06/2019

Niantic, lo sviluppatore di Pokémon GO, ha chiesto un'ingiunzione contro un gruppo di hacker che aiuta i giocatori a barare.

Stando a Business Insider, Niantic ha fatto causa a Ryan "ElliotRobot" Hunt, Alen "iOS n00b" Hundur e venti altri membri del gruppo Global++, un'associazione di hacker accusata di realizzare e distribuire PokeGO++, sostanzialmente una versione hackerata di Pokémon GO, ovviamente non autorizzata. Stando a Niantic, questa applicazione non solo infrange la proprietà intellettuale dello sviluppatore, ma dà anche ai giocatori degli ingiusti vantaggi su chi gioca regolarmente.

Global++ è anche accusato di fare profitti con una versione non autorizzata di Ingress, un altro gioco di Niantic. A quanto pare hanno anche prodotto Potter++, una versione cheat di Harry Potter: Wizards Unite, titolo ancora in beta attualmente disponibile in Australia e Nuova Zelanda.