Satisfactory ci spiega coi numeri le differenze tra Steam e Epic Games Store 95

Satisfactory ha superato il milione di copie grazie a Steam e ne ha approfittato per mostrare coi numeri le differenze tra questo negozio e l'Epic Games Store.

NOTIZIA di Luca Forte   —   04/07/2020

Satisfactory, un interessante building game di Cofee Stain, ha superato il milione di copie anche grazie all'arrivo su Steam, che ha dato una bella accelerata alle vendite. Questo avvenimento ha dato allo studio di sviluppo la possibilità di spiegare, attraverso i numeri, la differenza tra il negozio di Valve e l'Epic Games Store.

Satisfactory ha venduto al 3 luglio 2020 1,326,518 copie. 958,917 sono state vendute attraverso l'Epic Games Store, la piattaforma sulla quale è arrivato in esclusiva il 19 marzo 2019. Le rimanenti 367.601 copie sono arrivate in meno di un mese grazie all'approdo su Steam. Satisfactory ha impiegato tre mesi per superare le 500k copie sull'EGS.

I numeri del gioco sono impressionanti, ma stupisce, chiaramente, la velocità con la quale il gioco venda su Steam anche a distanza di un anno. Il community manager del gioco Jace Varlet spiega questo risultato in due modi: il primo è che su Steam il gioco ha potuto godere quasi immediatamente di uno sconto del 10% grazie ai Saldi Estivi di Steam. Su EGS il primo sconto è arrivato dopo mesi. Il secondo motivo è quello più palese: Steam è gigantesco e ci sono semplicemente troppe persone per impedire che il gioco non venda meglio.

Anche per questo motivo Varlet pensa che a breve le copie vendute su Steam di Satisfactory saranno di più sulla piattaforma di Valve. Un altro motivo che rende più "semplice" vendere il gioco adesso rispetto ad un anno fa è che il gioco è "un'esperienza migliore adesso. Ci sono molte più caratteristiche grazie all'anno di sviluppo aggiuntivo."

I vari sviluppatori sono sempre molto riservati nel distribuire i numeri, ma Coffee Stain ha pubblicato i suoi dati senza problemi, dandoci uno spaccato della differenza tra queste due piattaforme: "penso che la trasparenza sia molto importante," ha detto Varlet. "Penso che molte persone volessero conoscere i numeri. Loro sono curiosi, noi li abbiamo. Perché non darglieli?"