Starfield e Redfall rinviati: per ora il 2022 di Xbox è un deserto dei tartari

Con il rinvio di Starfield e Redfall il 2022 di Xbox si è improvvisamente desertificato, in termini di esclusive, tanto da destare sconcerto.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   12/05/2022
289

Dopo il drammatico annuncio del rinvio di Starfield e Redfall al 2023, in data da destinarsi in entrambi i casi, vediamo quali sono le esclusive Xbox rimaste per il 2022.

Il rotolacampo è il simbolo di Xbox nel 2022?
Il rotolacampo è il simbolo di Xbox nel 2022?

Va bene, il rotolacampo è passato. Niente panico, perché la situazione è molto peggiore di quello che sembra. Non c'è davvero niente di niente, a parte la versione finale di Grounded. Detto tra noi, non perdiamo tempo a minimizzare: se all'evento di giugno non sarà annunciato qualcosa di grosso per la seconda metà del 2022, quest'anno sarà stato quasi un deserto per Xbox in termini di esclusive, vuoi per sfortuna (vedere S.T.A.L.K.E.R. 2), vuoi per eccesso di ottimismo (annunciare la data d'uscita di Starfield più di un anno prima, conoscendo bene come lavora Bethesda), vuoi perché evidentemente la pianificazione a lungo termine degli Xbox Game Studios stavolta è andata troppo a lungo, con il rischio, paradossale, di intasare di uscite il 2023.

Non facciamone poi una questione di ciò che esce o non esce sulle console concorrenti. Il punto non è quanti giochi hanno o non hanno gli altri. Se ho Xbox Series X o S voglio giocare su Xbox Series X o S, così come se ho PS5 voglio giocare su PS5. Sapere che la casa del vicino è in fiamme non è un grossa consolazione se la tua è crollata, a meno che tu non sia un console warrior, quindi una mente profondamente semplice.

Naturalmente che Starfield rischiasse di essere rimandato lo avevano capito un po' tutti. Bastava leggere le parole di Todd Howard dette in una vecchia intervista con il Washington Post per intuirlo: "Siamo fiduciosi per questa data, altrimenti non l'avremmo annunciata." Quando mai quest'uomo ha detto qualcosa di vero? Suvvia, non sarebbe Todd Howard.

Battute a parte, è chiaro che un rinvio in qualche modo è sempre una buona notizia (quantomeno parziale). Con Starfield il rischio era quello di avere un altro Cyberpunk 2077 e con Redfall un altro Battlefield 2042. Meglio aspettare qualche mese in più e avere dei giochi in buono stato che averli prima ma in pessimo stato. Va anche detto che su Xbox non mancheranno i giochi in assoluto, visto che ci usciranno tutti i titoli di terze parti più importanti. Il punto però non è questo, ma un altro: dopo un'ottima fine 2021, da Xbox era lecito attendersi un 2022 spumeggiante in termini di esclusive. Invece stiamo ancora qui a sperare nel prossimo evento e a guardare all'anno prossimo, il che, francamente, inizia a essere faticoso.

Parliamone è una rubrica d'opinione quotidiana che propone uno spunto di discussione attorno alla notizia del giorno, un piccolo editoriale scritto da un membro della redazione ma che non è necessariamente rappresentativo della linea editoriale di Multiplayer.it.