Twitch: streamer pianificano una giornata di protesta contro gli "hate raid"

Gli streamer di Twitch pianificano una giornata di protesta contro gli "hate raid". Ecco quanto sappiamo.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   01/09/2021
14

Gli streamer di Twitch hanno pianificato per oggi, 1° settembre 2021, un giorno di protesta contro gli "hate raid", ovvero gli attacchi inflitti contro creatori facenti parte di varie minoranze. Il tutto è stato creato attorno all'hashtag "#DayOffTwitch". I creatori che hanno aderito non produrranno contenuti su Twitch, per oggi.

Lo scopo è protestare contro le lenta reazione da parte di Twitch a commenti sessisti, razzisti, transfobici e altre forme di aggressione. L'abuso avviene spesso attraverso dei bot che sono in grado di invadere le chat fino al punto da costringere lo streamer a interrompere la diretta.

Gli streamer sono stati scontenti di una recente mossa di Twitch: l'aggiunta di una serie di tag - circa 350 - classificati per "gender, orientamento sessuale, etnia, nazionalità, salute mentale e altro". Questi potrebbero sì aiutare i creatori a connettersi con i fan, ma rendono molto più semplice trovare e aggredire persone che fanno parte di minoranze. Questo avviene spesso nella suddetta forma di "hate raid" che invade il canale di insulti e linguaggio volgare.

"Sono solo stanco", ha detto RekItRaven (che ha rifiutato di condividere il suo nome completo) al Washington Post. "Sono stanco di sentirmi come se non mi fosse permesso di esistere in base a circostanze che sono fuori dal mio controllo, e so che anche altre persone lo sono".

Gli strumenti a disposizione per combattere il problema sono minimi. Un esempio è il "panic button" che permette di limitare la chat e non permettere l'accesso a nuovi utenti che hanno nomi chiaramente offensivi.

Twitch ha promesso di agire per migliorare la situazione. "Sosteniamo il diritto dei nostri streamer di esprimersi e portare l'attenzione su questioni importanti nel nostro servizio. Nessuno dovrebbe subire attacchi basati su chi è o su ciò che sostiene, e stiamo lavorando duramente per migliorare il rilevamento dei ban e ulteriori miglioramenti dell'account per contribuire a rendere Twitch un luogo più sicuro per i creatori."

Rimanendo in tema, vi segnaliamo che DrLupo lascia Twitch per YouTube Gaming, la piattaforma Amazon gli fa i migliori auguri. Infine, Dr Disrespect svela quanti soldi ha perso per colpa del ban da Twitch.