Windows 10, Aggiornamento di maggio 2020: errori e problemi più gravi riscontrati dagli utenti 12

Un articolo per ricordare di tutti gli errori e i problemi riscontrati da numerosi utenti su Windows 10 dopo l'installazione dell'aggiornamento di maggio 2020.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   18/06/2020

Ormai è trascorso circa un mese dal primo rilascio dell'aggiornamento di maggio 2020 per Windows 10. Da allora errori e problemi sono stati riscontrati da un gran numero di utenti, in possesso di varie build del sistema operativo di Microsoft. Ma quali sono i più gravi, che hanno portato addirittura alla sospensione dell'update su numerosi PC, in attesa di modifiche?

Abbiamo pensato di raccogliere errori e problemi più gravi del nuovo aggiornamento di Windows 10 su PC, in un unico articolo, sulla scia dell'esempio di techspot.com. Magari troverete dunque anche l'errore che sta affliggendo il vostro portatile. Uno dei problemi più frequenti degli ultimi giorni è la richiesta della deframmentazione continua degli SSD: Windows 10 sembra essersi dimenticato di segnare l'ottimizzazione degli stessi, e dunque continua ad insistere, incentivando l'utente ad effettuarla il più presto possibile. Ignorate dunque queste richieste insistenti di deframmentazione.

Altrettanto frequente il problema relativo alle stampanti USB, che ora creano problemi durante le sessioni prolungate nell'utilizzo di Windows 10. Esiste una strategia che vi abbiamo già spiegato per risolvere il problema, ma comunque è un modo per "aggirarlo": è oppportuno che Microsoft intervenga il prima possibile. Un altro problema più recente è quello relativo ai dischi rigidi, relativi ad interfaccia, perdita di dati e corruzione dei file contenuti negli stessi. Tutti questi errori compaiono presso la voce Gestisci Spazi di Archiviazione del vostro PC: avete notato nulla di strano, in proposito?

Google Chrome, di suo, sembra aver dimenticato tutte le password degli utenti: sono sparite, e loro si vedono quindi costretti a registrarle tutte quante da zero sul proprio web browser. Il problema si pone qualora non le aveste segnate da qualche altra parte in precedenza. Un problema minore, infine, riguarda una bizzarria del sistema operativo, costretto da aggiornamenti facoltativi a passare alla modalità tablet. Ciò compromette la visualizzazione delle icone, del menù start e della barra di ricerca, ma ovviamente è abbastanza intuitivo tornare alla modalità desktop.

Attualmente Microsoft ha confermato semplicemente di essere al corrente degli errori di Windows 10, ed è al lavoro per correggerli il prima possibile. Vi avviseremo non appena l'aggiornamento di maggio 2020 sarà nuovamente disponibile su PC, senza problemi questa volta (si spera).

Windows 10