World of Warcraft: due gilde accusate di razzismo

Due gilde di World of Warcraft sono state accusate di razzismo, dopo l'emersione di chat piene di offese a sfondo razziale e commenti inappropriati.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   25/02/2021
18

Due gilde di World of Warcraft sono state accusate di razzismo, dopo l'emersione di alcune chat private piene di offese a sfondo razziale e commenti dello stesso tenore. Le due gilde sono Clout Gang e Instant Dollars, entrambe ben conosciute sulla scena (sono classificate in 38° e 16° posizione tra le gilde nord americane).

Le accuse sono nate da alcune immagini delle chat incriminate che hanno iniziato a girare tra le comunità di WoW e in alcuni forum dedicati al gioco, incluso il subreddit r/wow. Inizialmente i moderatori hanno provato a cancellarle, visti i loro contenuti, ma presto la storia si è ingigantita, al punto da costringerli a raccogliere tutte le prove in una sola discussione.

I membri di Clout Gang sono stati i più colpiti dalla fuga di notizie, ma anche due esponenti degli Instant Dollars sono finiti in mezzo alla bufera. Tra gli insulti, numerosi inviti a linciare membri della comunità LGBTQ+ e disabili, conditi da offese di ogni tipo contro qualsiasi minoranza che possa venirvi in mente.

Stando ai commenti seguiti all'emersione delle chat, pare che situazioni del genere non si siano verificate soltanto nelle due gilde indicate, ma siano trasversali e tocchino l'intera comunità di World of Warcraft, che sarebbe permeata di bigottismo, razzismo e sessismo.

La speranza è che da questa storia si possa arrivare ad avere una comunità più positiva e meno intollerante. In realtà non ci crede nessuno che possa accadere, ma sperare non costa nulla.