Scimpazziamo, la recensione del nuovo party game della linea PlayLink 1

Minigiochi, scimmie e divertimento a portata di smartphone con Scimpiazziamo, il nuovo party game per PlayStation 4 che abbiamo recensito

RECENSIONE di Simone Pettine   —   13/11/2018

Il debutto della serie PlayLink risale a circa un anno fa, quando Sony propose in esclusiva su PlayStation 4 un gruppo di titoli tutti diversi tra loro, ma accomunati da una meccanica peculiare: l'utilizzo dello smartphone come controller di gioco. Ad aprire le fila della serie ci pensò Dimmi chi sei!, per molti mesi gratuito su PlayStation Plus tra l'altro, seguito poi da produzioni a pagamento come Sapere è Potere, Hidden Agenda e SingStar Celebration. A distanza di un anno, Sony ha deciso non solo di rincarare la dose ma anche di potenziarne la varietà: in questi giorni debutteranno su PlayStation 4 diversi nuovi giochi targati PlayLink, alcuni dei quali mai visti prima, altri "varianti aggiornate" di quelli già presenti. Scimpazziamo è una vera e propria novità, e nella nostra recensione vogliamo spiegarvi in che modo potrebbe allietare le vostre serate in famiglia.

Scimpazziamo: Gameplay ed idee

Scimpazziamo è un vero e proprio cavallo di battaglia della linea PlayLink, esclusiva su PlayStation 4: acquistare il gioco dal PlayStation Store non è sufficiente per poter cominciare a giocare, ma state tranquilli perché non dovrete spendere un centesimo per disporre di periferiche aggiuntive. Anzi, se possedete un solo DualShock 4 sarete contenti di sapere che potrete comunque giocare fino a quattro persone contemporaneamente: basterà che tutti i presenti mettano in download l'omonima applicazione dal Google Play Store o dall'Apple Store. Pochi mega da scaricare e tutto è pronto per cominciare a giocare: gli smartphone sono i controller da utilizzare, il televisore di casa però va sempre tenuto d'occhio perché è lui il punto di riferimento per il folle party game a base di scimmie.

Scimpazziamo è proprio questo: una raccolta di minigiochi spensierati, il più delle volte intuitivi e soprattutto rapidissimi, dalla durata di pochi minuti ciascuno. Protagoniste indiscusse sono una serie di buffe e colorate scimmiette fuori di testa, per un massimo di quattro giocatori contemporaneamente, solo ed esclusivamente in locale: pochi tap sul proprio smartphone, giusto il tempo per scattarsi un selfie da utilizzare poi come avatar di gioco, e si è pronti per cominciare. Anche il menù iniziale è estremamente intuitivo, a conti fatti le modalità di gioco proposte sono appena quattro e tutte più o meno richiedono di fare in modi diversi la stessa cosa: partecipare a tanti minigiochi. C'è una modalità per giocatore singolo un po' triste, perché tutta l'atmosfera e l'idea alla base del titolo vengono irrimediabilmente perdute; le cose vanno decisamente meglio con la modalità in stile "gioco dell'oca", dove i presenti devono affrontare una serie di sfide nel tentativo di arrivare per primi alla fine del tabellone, vincendo così il trofeo banana d'oro. Ogni minigioco portato a termine fornisce un certo numero di punti con cui avanzare sul campo di gioco, facendo naturalmente attenzione a penalità ("torna indietro di tot caselle") e bonus ("avanza di tot caselle").

Il cuore di Scimpazziamo è costituito dai minigiochi, tutto il resto è mero contorno per abbellire il pacchetto. Ogni schermata, ogni indicazione a schermo, persino la simpatica personalizzazione delle scimmie passa in secondo piano: ciò che conta è entrare al più presto nella partita, giocare e poi ricominciare da capo con un tipo diverso di sfida. Scimpazziamo vuole renderlo chiaro fin da subito, ma a parte la procedura iniziale per configurare lo smartphone, forse inizia presto a correre un po' troppo. L'intuitività dell'esperienza di gioco è funzionale al tipo dell'offerta: a Scimpazziamo possono giocare davvero tutti, dal nonno al ragazzino di sette anni, tanto è sufficiente premere un solo tasto sullo smartphone per controllare le scimmiette e aiutarle così nei loro bizzarri compiti. Nei primi minuti le risate sono assicurate, e anche il divertimento, ma ben presto cominciano a saltare all'occhio non pochi difetti.

Trofei PlayStation 4

Scimpazziamo offre ai giocatori anche la possibilità di sbloccare uno scintillante Trofeo di Platino: il suo ottenimento sarà particolarmente semplice, soprattutto con l'elenco di tutti i Trofei a portata di mano. Basterà giocare, rigiocare e continuare a divertirsi con i tanti minigiochi proposti, cercando di rispettare alcune specifiche condizioni (accuratamente spiegate dalla descrizione dei Trofei, per l'appunto).

Tanti contenuti, ma anche alcuni limiti

Scimpazziamo ha tante idee da proporre, ed è un bene per un titolo che conta su una concorrenza ormai agguerrita e che vuole farsi amare da subito da tutti i presenti. I minigiochi proposti sono 18 e i livelli 80, ma purtroppo la superficialità è dietro l'angolo sotto tutta una serie di aspetti. Della velocità abbiamo già accennato: quasi sempre Scimpazziamo corre un po' troppo sulla sua strada, rendendo difficile per tutti i presenti capire cosa diamine sia necessario fare per vincere un determinato minigioco. Va bene, basta premere sempre lo stesso tasto, ma il gameplay non è così scontato come potrebbe inizialmente sembrare, e quando un party game si risolve nel "premere tutto pur di fare qualcosa" non è mai un buon segno. Alcuni livelli richiedono di rubare l'ananas ai propri avversari all'interno di una scenario verticale composto da alcune piattaforme: con il tap su smartphone la scimmietta salta, e bisogna farla balzare al momento giusto per evitare che gli altri partecipanti ci rubino il bottino. Altre sfide sono basate sulla pallacanestro: una pressione iniziale e rapida sul telefono serve a puntare la direzione di volo, una sollecitazione prolungata a stabilire l'entità del salto. Arrivare al canestro sani e salvi senza sbattere contro tutti gli altri presenti è un altro paio di maniche: quasi mai entra in azione una vera e propria abilità. Fortuna, caso e caos sono i fattori che dovrete avere dalla vostra parte per vincere in Scimpazziamo, e funziona tutto in modo decente finché la confusione non diventa eccessiva.

A conti fatti la varietà di minigiochi offerta lascia anche spesso a desiderare: in un paio di casi il gioco ci ha proposto per due volte di seguito la stessa identica sfida, appena variata nell'ambientazione. Alcuni minigiochi inoltre sono decisamente più validi di altri, come quello in cui bisogna colorare quanta più superficie possibile in un dato periodo di tempo, in pieno stile Splatoon 2. Anche qui, tuttavia, è tutto troppo casuale, frenetico e confusionario per risultare davvero appagante, mentre in altri casi i controlli di gioco sono o incomprensibili, o spiegati in modo superficiale, o semplicemente inutili: si preme un po' a caso sullo smartphone e vada come deve andare. Un titolo del genere va insomma bene per un paio di serate con gli amici.

Digital Delivery
PlayStation Store
Prezzo
19,99 €
Multiplayer.it

6.5

Lettori (1)

7.2

Il tuo voto

Scimpazziamo è un party game fuori di testa, completamente folle: è il suo più grande pregio, perché lo rende immediatamente riconoscibile, ma purtroppo rappresenta anche il suo più grande limite. Chiariamo: tutti si divertiranno un mondo con il nuovo titolo multiplayer della serie PlayLink. Per qualche serata assieme, almeno. Ben presto però inizieranno a capire che non sono loro a non saper giocare: è proprio il titolo a non spiegarsi bene il più delle volte, o a proporre sfide dove la vittoria è quasi completamente casuale. Resta un gioco a prezzo budget e preso per quello che è, senza grandi aspettative, potrebbe anche stupirvi.

PRO

  • Immediato e adatto a tutti
  • Le idee di base sono buone
  • Sfrutta il potenziale della linea PlayLink

CONTRO

  • Troppo confusionario
  • Spiegazioni e controlli da rivedere
  • Alcuni minigiochi sono frustranti