Giochi da Quarantena: multiplayer locale

Continua la nostra rubrica "Giochi da Quarantena". Quest'oggi cerchiamo di consigliarvi qualche videogame godibile in gruppo, per chi ha la fortuna (o sfortuna) di non essere chiuso in casa in solitudine

SPECIALE di Aligi Comandini —   13/04/2020
36

Indice

Siamo ancora tutti in casa. Sono momenti difficili, difficilissimi per molti, ma è necessario tenere duro, e nel nostro piccolo noi vogliamo aiutarvi tenendovi informati e consigliandovi qualche interessante videogioco per passare il tempo. Lo sappiamo, le scelte sono tantissime, ed è per questo che ogni volta cerchiamo di tirar fuori titoli che spaziano da classici molto conosciuti, ad indie ignoti ai più. Quest'oggi però vogliamo fare qualcosa di diverso, ed elencare una serie di videogame dotati di multiplayer locale - splitscreen o altro, fa poca differenza - per coloro che hanno la possibilità di trascorrere questa quarantena in compagnia. Certo, magari senza esagerare con i titoli "eccessivamente competitivi", dato che in questi giorni i litigi non sono consigliabili. Preparate la vostra bandana da sfida sul divano, e cominciamo!

Per le coppie a cui manca Dungeons & Dragons: Divinity Original Sin 2

Ok, cominciare con un GDR incredibilmente complesso forse è un po' eccessivo, ma coppie particolarmente solide, o coinquilini a cui manca la cara vecchia "serata D & D", avranno tutto il tempo di affrontare l'epica avventura creata dai Larian, con tanto di splitscreen. E se volete un'esperienza completa, avrete persino modo di giocare con altri due amici online per completare il vostro party da quattro personaggi. Occhio però, Divinity Original Sin 2 è un gioco mostruosamente stratificato, dove ogni giocatore può pensare ai propri comodi e il sistema permette persino di boicottare le avventure altrui (è pur sempre uno dei più elaborati nel genere). Magari prima di partire assicuratevi che ci sia una generale comunione di intenti...

Per le coppie hardcore (non in quel senso): Cuphead

Ok, avevamo detto di voler evitare i titoli capaci di innervosire in questa lista... e abbiamo chiaramente mentito. Cupheadè un'opera estremamente brutale, capace di trasformare in una iena idrofoba anche il più sereno dei giocatori; se però condividete casa con qualcuno che ama le sfide come voi, e vantate una notevole fiducia reciproca, questo è indubbiamente uno dei giochi migliori su cui possiate buttarvi. È una vera gemma graficamente meravigliosa e in grado di esaltare come poche cose al mondo quando finalmente si superano i suoi boss più ostici. Sarebbe stato imperdonabile dimenticarselo, ma per sicurezza bevete una camomilla prima di premere start.

Cuphead Recensione 5

Per le coppie pronte a sfidarsi tutto il giorno: Nidhogg 2

In questo caso abbiamo deciso di consigliarvi una sorta di picchiaduro, ma è davvero difficile inserire il seguito di Nidhoggin un genere specifico, anche se l'obiettivo è oggettivamente quello di ammazzarsi di continuo per raggiungere uno specifico quadro finale che chiude le partite. Vero, il gioco ha uno stile grafico molto atipico e difficilmente piacerà a tutti a livello estetico, tuttavia il suo gameplay tanto intuitivo quanto riuscito può diventare una vera droga se vivete con chi ama la competitività. Inoltre, non richiede un livello di abilità eccezionale - nonostante dia una certa importanza a precisione e riflessi - poiché non contiene meccaniche avanzate da picchiaduro classico, e questo lo rende seriamente indicato ad ogni tipo di giocatore.

Giochi da Quarantena: multiplayer locale

Per chi ha nostalgia degli arcade: Dragon’s Crown

Dragon's Crown ci sembra un titolo praticamente obbligatorio da inserire in lista. L'opera di Vanillaware è un capolavoro tra i picchiaduro a scorrimento: un videogame capace di riportare in auge tutte le caratteristiche che avevano reso immortali classici come Shadows Over Mystara e Tower of Doom, ma di aggiungervi una campagna di tutto rispetto ed elementi da GDR non sottovalutabili, per una longevità complessiva più che lodevole (nonostante non manchino le fasi abbastanza ripetitive). Graficamente meraviglioso, meccanicamente granitico, e spassoso se giocato in compagnia, è una vera e propria manna per chiunque ami questo genere molto "retro".

Giochi da Quarantena: multiplayer locale

Per chi ama le storie interattive: A Way Out

Reso famoso dal discorso di Josef Fares ai Game Awards, A Way Out è in realtà un titolo abbastanza brillante da reggersi sulle sue gambe senza bisogno di siparietti. Pur privo della poetica di Brothers (altra opera del suo creatore), questa curiosa avventura cooperativa dal forte taglio cinematografico (e dalla regia validissima, con molti rimandi al lavoro di registi noti) ha un buon ritmo, un gameplay semplice ma calcolato quanto basta a non spostare l'ago della bilancia esclusivamente sulle scene d'intermezzo, e un sacco di ottime idee correlate alla gestione asimmetrica delle azioni dei due protagonisti. Assolutamente fantastico per una bella sessione a due di gaming.

Giochi da Quarantena: multiplayer locale

Per le famiglie incredibilmente stabili: Mario Kart 8

Scelta conclusiva mostruosamente banale la nostra, ma non riusciamo a pentircene. L'ultimo Mario Kart è il re delle sfide da divano, il gioco numero uno per litigare amabilmente in famiglia, e un assoluto capolavoro del suo genere che non invecchia praticamente mai. Se avete un'allegra famigliola in cui nessuno ha tendenze omicide (tre gusci rossi di fila le tirano fuori anche al più santo degli esseri umani, dopotutto), questo è assolutamente il titolo che dovete giocare in questa lunga e tediosa quarantena.