PS5 e Xbox Series X: con l'SSD la velocità prima di tutto!

Quali cambiamenti nella fruizione dei videogiochi porteranno le console di prossima generazione, PS5 e Xbox Series X, grazie alla presenza del SSD?

SPECIALE di Peter Vogric   —   14/08/2020
67

Tra le numerose novità hardware presenti nelle console di prossima generazione, uno degli aspetti più affascinanti è indubbiamente l'SSD. Grazie alla velocità di questa unità di memoria a stato solido, gli sviluppatori avranno molta più libertà d'azione nella progettazione dei mondi di gioco e delle meccaniche di gameplay. Oltre a poter godere di queste nuove esperienze, ci siamo chiesti in che modo potrebbe cambiare il nostro approccio al videogioco, paragonando l'esperienza delle attuali console con quella prevista su PS5 e Xbox Series X. In particolare, in questo articolo vogliamo focalizzarci sulla velocità di esecuzione in generale, la quale potrebbe cambiare decisamente il nostro modo di fruire i videogiochi.

Basta caricamenti

La velocità in lettura degli SSD è veramente impressionante, sopratutto se paragonata ai vecchi hard disk meccanici ai quali eravamo abituati nell'ultimo decennio. Sfruttando questa caratteristica sarà possibile caricare interi mondi di gioco, livelli, partite in pochi istanti, dimenticando finalmente i classici e fastidiosi caricamenti. Nell'attuale generazione di console abbiamo incontrato diversi titoli con dei tempi di caricamento veramente molto lunghi. L'esperienza offerta da questi videogiochi è stata indubbiamente condizionata dalla lunghezza dei caricamenti al loro interno. Morire in Bloodborne spesso era più frustrante per la lunga attesa fino al prossimo rientro in partita che per la perdita degli Echi del Sangue. Allo stesso modo i tempi di attesa tra l'uscita da una mappa ed il rientro nella base operativa ad Astera rovinano in parte l'esperienza di caccia all'interno di Monster Hunter World. Molti altri titoli soffrono di problemi simili, dovuti alle limitazioni presenti nell'attuale hardware delle console.

Img 2225

Allo stesso modo l'accensione della console ed il lancio di un videogioco sono tutt'ora due operazioni piuttosto lunghe, che possono farci passare la voglia di avvicinarci alla macchina da gioco. Avendo poco tempo a disposizione e conoscendo la lentezza di un determinato software dovuta ai caricamenti, sicuramente non ci incoraggia a fare anche solamente delle piccole e brevi partite di tanto in tanto. Volendo ad esempio fare qualche giro su un tracciato di Gran Turismo, giusto una decina di minuti per staccarci dai pensieri quotidiani, ci fa perdere almeno la metà del tempo previsto per il gioco nel lancio del software stesso e nei caricamenti prima dell'ingresso in partita.

Una volta finita la lunga attesa per il lancio di un videogioco e per i successivi caricamenti, possiamo finalmente immergerci nel nostro mondo preferito. Qualche volta però potremmo subito accorgerci di non voler giocare quel determinato titolo in quel preciso istante, perché magari abbiamo voglia di qualcos'altro. Al solo pensiero di dover chiudere il software attualmente in esecuzione, lanciare un nuovo titolo ed attendere i rispettivi caricamenti, potrebbe farci passare la voglia di giocare, preferendo magari lo spegnimento della macchina da gioco.

Img 2212

Tutti questi problemi possono sembrare piuttosto superflui, semplicemente perché con il passare degli anni ci siamo abituati a convivere con essi. Non potendo contare più su novità come il salto tra i giochi 2D e quelli in 3D, oppure sul notevole aumento della risoluzione da SD all'HD, Sony e Microsoft per Playstation 5 e Xbox Series X hanno pensato proprio alla velocità.

La velocità della next-gen

Dalla prossima generazione di console ci aspettiamo un netto cambiamento di queste problematiche appena menzionate, che porterà indubbiamente ad un notevole miglioramento nella fruizione dei videogiochi. Avere la possibilità di accendere la console anche per soli venti minuti di gioco, potendo saltare direttamente in un tracciato di Gran Turismo, in una mappa di caccia di Monster Hunter World o in una partita di Call Of Duty: Warzone, senza dover attendere diversi minuti di caricamento, ci invoglierà a giocare più spesso. Molti videogiocatori con l'avanzare dell'età e la sempre maggiore presenza di impegni, non riescono a prendersi il tempo necessario per giocare. Con l'assenza dei caricamenti però ci sembrerà di poter essere più efficienti e rapidi nell'esecuzione e proseguimento di un videogioco. L'attesa spesso ci infastidisce e ci può dare la sensazione di stare fermi a perdere tempo inutilmente. Avere però dei caricamenti pressoché assenti ed essere sempre attivi mentalmente nel progredire con un determinato videogioco, migliorerà indubbiamente l'esperienza offerta dal software.

Img 2226

Senza dubbio cambierà anche il nostro modo di agire all'interno di un determinato videogioco. Ritornando a Bloodborne menzionato già in precedenza, dovevamo sacrificare cinque minuti di tempo solamente per tornare nel "Sogno del Cacciatore" dove poter potenziare le nostre armi. Spesso magari abbiamo evitato di sospendere il fantastico gameplay del titolo From Software a sfavore della nostra forza in combattimento, per evitare di dover attendere diversi minuti nei caricamenti di quest'area di potenziamento. Allo stesso modo in Monster Hunter World, dover tornare in una mappa, perché ci siamo dimenticati di raccogliere un oggetto utile per creare una nuova armatura, alla lunga può essere frustrante per via dei caricamenti piuttosto longevi. Sulle console di prossima generazione probabilmente non ci saranno più questi "intoppi" a livello di gameplay e l'esperienza offerta dai videogiochi sarà più fluida ed immersiva.

Img 2227

Anche passare da un videogioco all'altro su Playstation 5 e Xbox Series X sarà un'operazione percepita in maniera completamente diversa da quella attuale. Se nel bel mezzo di una lunga ed impegnativa partita a Sekiro: Shadows Die Twice ci verrà voglia di un altro videogioco per spezzare un po' il ritmo, ci basterà cambiarlo rapidamente e saltare in un round di Apex Legend, grazie alla velocità dell'SSD. Dopo una rapida partita al famoso battle royale potremo decidere di ritornare al punto dove eravamo rimasti con Sekiro e proseguire la nostra avventura. Spesso potrebbe anche capitare di non avere un particolare videogioco al quale si gioca quotidianamente, ma semplicemente si vuole fare una partita a diversi titoli uno dopo l'altro. Per esempio uno potrebbe voler sbloccare l'auto quotidiana offerta da Gran Turismo Sport, fare una partita veloce a Call Of Duty Warzone con gli amici, controllare il calciomercato ed aggiornare la rosa su FIFA Ultimate Team ed infine raccogliere qualche nuovo oggetto nell'endgame di Monster Hunter World. Poter mantenere in memoria le sessioni di gioco di diversi titoli contemporaneamente per poter passare velocemente da uno all'altro, renderà questo tipo di fruizione molto più immediata e stimolante.

Pensate a tutte quelle volte che avete detto: "ho solo mezz'oretta a disposizione, non ho nemmeno voglia di accendere la console". Oppure tutte quelle volte che vi siete scoraggiati ad avviare un videogioco dove i tempi di caricamento spezzano veramente troppo il ritmo. Oppure ancora quando non avete un particolare videogioco del momento da giocare, ma volete farvi semplicemente una partita rapida su diversi titoli in sequenza. A nessuno piace attendere, quindi la rapidità della macchina da gioco, sopratutto nelle situazioni elencate, è fondamentale. Stando a quanto promesso da Sony e Microsoft, con l'arrivo delle console di nuova generazione, finalmente potremo dire addio a queste problematiche. Anche gli sviluppatori sono ben consapevoli di questo cambiamento e probabilmente vedremo qualche trasformazione anche a lato software, che ci porterà ad un diverso modo di vivere il nostro medium preferito.