Red Dead Redemption 2: A caccia di dettagli nel secondo trailer del gameplay

Al centro del secondo spettacolare trailer del gameplay di Red Dead Redemption 2 ci sono rapine, scorci mozzafiato e sparatorie: analizziamo il gioco Rockstar Games nel dettaglio.

ANTEPRIMA di Mattia Armani   —   02/10/2018
63

Ottobre è il mese di Red Dead Redemption 2 e Rockstar Games lo ha battezzato in grande stile, con un secondo trailer tutto dedicato al gameplay di quello che promette di essere un open world mozzafiato, degno erede di uno dei giochi western più apprezzati di sempre. Ed è una di quelle verità che mette d'accordo quasi tutti, inevitabilmente ammaliati da uno scenario in cui gli accattivanti antieroi Rockstar trovano una collocazione naturale, credibile e dannatamente coinvolgente. Non sorprende quindi l'attesa spasmodica per un prequel che promette di regalarci una frontiera mozzafiato, tanto ricca di vita e di morte quanto spettacolare per i sensi.

Red Dead Redemption 2 14

Obiettivo esplicito: coinvolgere il giocatore

A settembre alcuni fortunati hanno potuto toccare con mano la complessità delle interazioni con gli altri personaggi, l'immensità del mondo di gioco e alcuni aspetti del gameplay di Red Dead Redemption 2. Ed è proprio nel particolareggiato provato di Red Dead 2 del nostro Pierpaolo Greco che troviamo in anticipo due protagonisti di questo secondo trailer dedicato al gameplay del titanico western Rockstar. Il primo è l'evoluzione del sistema Dead Eye che oltre a rallentare il tempo, consentendo in un secondo momento di colpire più bersagli, permette addirittura di identificare la posizione degli organi interni degli avversari. Ed è un tocco di classe che assieme alla kill cam, ai duelli e alla possibilità di diventare un cacciatore di taglie promette di farci sentire più grandi di Billy the Kid, più letali di Doc Holliday e più implacabili di Wyatt Earp. Dovrebbe inoltre essere possibile personalizzare completamente l'HUD, riducendo o addirittura rimuovendo del tutto gli indicatori per aumentare ulteriormente il grado di immersione, il tutto condito dalla possibilità di giocare in prima persona che ci priva della visione dell'ottimo modello del protagonista ma, come evidenziato dal trailer, rende l'esperienza più coinvolgente. Ma la visuale in terza persona non ci impedisce di godere di dettagli come i particellari, il feedback e il sonoro delle armi che, come promesso, sono differenziate in ogni aspetto e rese credibili, tanto da dover essere sottoposte e manutenzione. Ed è una ricerca di realismo, questa, che si estende alle scazzottate, fisicamente verosimili, e al quotidiano di Arthur Morgan, costretto a mangiare, radersi, scegliere gli abiti e persino a lavarsi per poter frequentare la gente civile senza suscitare reazioni di disgusto. Niente di grave, sia chiaro, anche se potrebbe limitare le interazioni al pari del comportamento e della propensione ad aiutare il prossimo, particolarmente importante nelle dinamiche della banda che vengono brevemente mostrate in un trailer lungo ma non abbastanza da contenere un titolo che vuole sorprenderci in ogni ambito, compresi gli extra. Vengono infatti menzionati centinaia di segreti e viene mostrato lo strumento che permette di catturare scorci a dir poco mozzafiato, una modalità cinematica che restituisce spaccati degni di pellicole hollywoodiane tra sbuffi di neve, blocchi di arenaria e tramonti mozzafiato.

Red Dead Redemption 2 22

Un gioco che vuole catturare tutto il selvaggio west

Il secondo trailer del gameplay, non privo di scene di intermezzo ma tutto realizzato con il motore di gioco, segue il copione del precedente, con una voce narrante che sottolinea quanto il pericoloso west di Red Dead Redemption 2 sia pieno zeppo di occasioni, pericoli e incontri. Branchi di lupi, prostitute caciarone e gang rivali promettono di rendere la vita di Arthur Morgan un vero inferno, di quelli che lasciano tracce indelebili ma che forse proprio per questo valgono la pena di essere attraversati. E questo fosse anche solo per godere delle spettacolari visuali di un titolo che mescola un mondo aperto e liberamente esplorabile con una qualità visiva degna delle avventure di stampo cinematografico più spettacolari. Il salto tecnico rispetto alla qualità vista fino ad oggi nei free roaming sembra davvero abissale e non stiamo parlando solo del mero impatto estetico. Stiamo parlando di interazioni sociali complesse, di città popolose, e di dettagli spettacolari come le tracce realistiche lasciate nella neve alta, la nebbia tanto densa da sembrare quasi solida, le fitte foreste e le immense montagne. Da ogni trailer emerge con chiarezza che quanto di buono fatto con Grand Theft Auto V, anche in termini di cura per il particolare e distanza visiva, è stato migliorato e potenziato fino a raggiungere una qualità davvero strabiliante. Qualche texture stonata qua e là si nota, ma il dettaglio delle rocce, le ombre e i particolari del tavolo da gioco evidenziano una cura per il dettaglio rara per un open world che sembra voler catturare l'intero west, inclusi poker, gioco del coltello, pesca, domino, dadi, mandrie da condurre, carrelli ferroviari, spettacoli teatrali, duelli all'ultimo sangue e ovviamente rapine. Queste, altra eredità di Grand Thef Auto V, sono l'inevitabile fulcro della vita di Morgan almeno all'interno della banda di Dutch van der Linde. Ma non è detto che il protagonista debba essere necessariamente accompagnato. Il trailer mette in chiaro, sia per voce che per immagini, che Red Dead Redemption 2 include grandi rapine organizzate, scorribande in solitaria, negozi da ripulire, carovane da assaltare e treni da far deragliare. E anche se le immagini non rilevano nel dettaglio le dinamiche di gioco, né in quanto a possibilità di pianificazione e neppure in merito all'effettiva libertà di esecuzione, il nuovo kolossal Rockstar Games promette di essere incredibilmente ricco anche da questo punto di vista.

Red Dead Redemption 2 Animali 00006

Il nuovo trailer di Red Dead Redemption 2 snocciola a gran velocità una miriade di frammenti, promesse di titolo immenso, complesso e visivamente impressionante. Gli elementi da chiarire, ritmo di gioco incluso, sono ancora molti, ma le premesse non possono che alimentare ulteriormente la nostra voglia di mettere le mani sul titolo Rockstar Games. E per fortuna il fatidico momento è finalmente vicino.

CERTEZZE

  • Un gioco immenso e complesso
  • Visivamente spettacolare
  • Elevata cura per il particolare
DUBBI
  • Le dinamiche delle rapine sono tutte da scoprire
  • Non si sa ancora nulla delle differenze tecniche tra le varie versioni