Apex Legends: lead game designer lascia Respawn, scoperti commenti sessisti del 2007

Il lead game designer di Apex Legends ha lasciato Respawn dopo la scoperta di alcuni commenti sessisti da lui scritti nel 2007. Ecco le sue parole.

NOTIZIA di Nicola Armondi —   12/08/2021
40

Il lead game designer di Apex Legends, Daniel Z Klein, ha lasciato Respawn Entertainment in seguito alla scoperta di alcune sue dichiarazioni sessiste e razziste pubblicate nel 2007. Alcune immagini sono circolare in rete alla fine di luglio 2021.

Il 28 luglio, poco dopo che le immagini hanno iniziato a circolare, Klein ha rilasciato una dichiarazione denunciando il materiale. "Sono stato recentemente messo a confronto con alcune dichiarazioni terribili che ho fatto su un blog dove ho scritto nel 2007", ha scritto su Twitter. "Mi prendo la piena responsabilità per le cose che ho detto, e sono imbarazzato, triste e arrabbiato con il mio io più giovane per aver detto queste cose. Spero sia ovvio che non credo più a queste cose".

Il collega di Klein, Ryan K Rigney, direttore delle comunicazioni di Respawn, ha parlato a sostegno di Klein all'epoca. "Daniel stesso mi ha inviato il video per mettermi al corrente della cosa", ha scritto Rigney, riferendosi a un video di YouTube che raccoglie le parole del collega. "Per quanto riguarda i commenti: non credo che qualcosa del 2007 si rifletta su una persona nel 2021. Le persone crescono. E accusarlo di 'possibile aggressione sessuale' è oltre il limite, non si dovrebbero mai dire cose del genere senza prove".

Due settimane dopo, Klein ha annunciato di non essere più parte di Respawn in una serie di Tweet. "Voglio essere molto aperto e dire che ho il cuore spezzato e sono depresso. Sono stati giorni molto bui. Potreste aver visto le cose terribili e bigotte che ho detto nel 2007. Sono d'accordo con tutto il cuore che quel tipo avrebbe dovuto essere licenziato. Ho riversato così tante energie per diventare una persona migliore da allora, e in questo momento sono solo molto depresso perché sento che non sarò mai in grado di rimediare a quello che ero."

"Ho detto cose razziste e sessiste, non perché ci credessi profondamente, ma perché sapevo di poter ottenere una reazione dalle persone. Questo non giustifica nulla di ciò che ho detto; l'impatto delle mie parole è stato lo stesso indipendentemente da ciò che credevo."

"Ne parlo perché con l'aiuto di molte persone che mi hanno voluto bene, nonostante la testa di cazzo che ero a volte, sono riuscito a fare progressi e diventare una persona migliore. Se la mia storia può aiutare persone là fuori, che sono in una posizione simile alla mia, a capire che c'è un modo per diventare migliore, tutto questo servirebbe almeno a qualcosa".

In una dichiarazione fornita a Fanbyte prima della partenza di Klein, EA ha scritto: "I commenti sono inquietanti, e certamente non condoniamo il punto di vista espresso. Il nostro [dipartimento delle risorse umane] è consapevole e sta indagando".

In una dichiarazione a Kotaku, Klein ha scritto: "Sono pienamente responsabile delle orribili e bigotte dichiarazioni che ho fatto nel 2007 e sono disgustato dal mio giovane io per averle fatte. Ma non c'è anche alcun dubbio che sono venute alla luce perché qualcuno è andato alla ricerca di cose con cui ferirmi. EA era a conoscenza di questa accusa, e ho chiesto loro specificamente di stare in guardia per queste strategie utilizzate contro altri dipendenti in futuro".

Klein nel 2018 era stato licenziato da Riot Games per non aver "violato le linee guida dedicate ai social media". Klein aveva difeso pubblicamente gli eventi del PAX West dedicati a League of Legends che erano esclusivi per donne e persone non binarie. In altre parole, è chiaro che il suo comportamento negli anni recenti era ben lontano dall'essere sessista.

EA non ha rilasciato dichiarazioni in merito al momento della scrittura. Vi segnaliamo invece che Game Director e Lead Level Designer di Diablo 4 lasciano Blizzard tra le accuse di molestie.