Apple, Google, Amazon e Facebook si difendono dalle accuse dell'antitrust americano 12

Apple, Google, Amazon e Facebook sono state accusate di abuso di posizione dominante dall'antitrust americano, e i rispettivi amministratori hanno dovuto difendersi.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   29/07/2020

Apple, Google, Amazon e Facebook sono finite nel mirino dell'antitrust americano, e in questi giorni gli amministratori delle quattro aziende hanno prodotto dichiarazioni in propria difesa rispetto all'accusa di abuso di posizione dominante.

Non è certamente la prima volta che questi colossi hanno a che fare con accuse del genere: Facebook ha vinto una battaglia contro l'Antitrust in Italia, ad esempio, mentre Google ha ricevuto sanzioni per 150 milioni di euro dall'Antitrust francese.

Jeff Bezos di Amazon ha ripercorso nella sua difesa la nascita dell'azienda, in una sorta di concretizzazione del sogno americano. Allo stato attuale la compagnia impiega un milione di persone e Bezos ha sottolineato che molte di queste posizioni negli USA non possono essere affidate esternamente, ma anche che i salari applicati sono il doppio rispetto ai minimi.

Mark Zuckerberg di Facebook ha dichiarato che la sua azienda deve affrontare una forte competizione internazionale, che include piattaforme come TikTok, Twitter e Snapchat, ma anche che Apple, Amazon e Alphabet sono allo stesso modo suoi competitor: un quadro che di per sé dovrebbe smontare l'ipotesi di una posizione dominante.

Tim Cook di Apple ha parlato del grande successo della sua azienda dal lancio dell'App Store, che tuttavia con iPhone deve affrontare una concorrenza piuttosto agguerrita da parte di compagnie come Samsung, LG e altri colossi dell'industria. "Dopo aver cominciato con 500 app, oggi l'App Store ospita oltre 1,7 milioni di applicazioni ma solo 60 sono prodotte da Apple", ha dichiarato.

Infine Sundar Pichai di Google, che come Bezos ha raccontato dei suoi inizi in India ma anche di come l'azienda che amministra supporti ogni giorno anche le piccole attività commerciali con i propri servizi. Dopodiché ha affrontato il discorso della concorrenza, elencando diversi competitor tanto nel campo della ricerca quanto dell'advertising e dei sistemi operativi mobile.

Google Pixel 5 2