Cuphead: perché i boss non hanno la barra della salute? La risposta degli autori

Gli autori di Cuphead hanno risposto a una delle domande che i giocatori si saranno sicuramente fatti: perché i boss non hanno la barra della salute?

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   22/10/2022
31

In un'interessante intervista pubblicata dalla rivista britannica Edge a Studio MDHR, gli autori di Cuphead, otteniamo anche la risposta ufficiale a una domanda che probabilmente tutti si saranno fatti almeno una vota: perché i boss non hanno la barra della salute?

In effetti, chiunque abbia giocato al capolavoro di Studio MDHR si sarà trovato alle prese con la difficile interpretazione del livello in cui ci si trova combattendo contro un boss, visto che non ci sono riferimenti precisi alla loro energia e dunque è difficile capire quanti colpi sono andati a segno e quanti ancora debbano incassare i maledetti villain prima di andare KO.

La risposta del co-director e fondatore del team Chad Moldenhauer a dire il vero è comprensibile, ovvero la scelta è basata semplicemente sulla volontà di rimanere quanto più fedeli possibile all'idea di mettere in scena un vero cartone animato degli anni 30.

Cuphead, uno scontro contro un boss
Cuphead, uno scontro contro un boss

Dal punto di vista pratico, una health bar per i boss avrebbe fatto comodo e gli sviluppatori avevano pensato a implementarla, ma strideva con lo stile generale del gioco.

"Nessuno dei nostri mockup preliminari ci aveva soddisfatto, nell'ottica di quello che cercavamo di ottenere: rendere Cuphead un vero cartone animato giocabile, proveniente dagli anni 30", ha spiegato Moldenhauer. "Ma anche dal punto di vista del design, sentivamo che tale inclusione avrebbe rischiato di portare i giocatori verso una deriva negativa, spingendoli a ottimizzare per un DPS ideale [damage per second, ovvero danni al secondo] e magari portandoli a perdere alcuni elementi visuali indispensabili da cogliere sullo schermo, per guardare piuttosto alla barra".

C'è dunque un'esigenza stilistica ma anche pratica alla base della scelta di non includere tale barra, sostituita peraltro da un'idea molto ingegnosa: la rappresentazione grafica riassuntiva del punto in cui i giocatori sono arrivati nel momento del game over rispetto alla conclusione dello scontro, attraverso la "corsa" dei personaggi che segnala anche le varie trasformazioni attraversate dal boss.

Nel frattempo, Cuphead si è espanso e l'abbiamo valutato di nuovo nella recensione di Cuphead: The Delicious Last Course, mentre è stata presentata anche l'edizione fisica comprensiva anche del grosso DLC.