Days Gone su PS4 da oggi, tra le esclusive Sony è una delle meno incisive? 118

Dopo una lunga attesa Days Gone ha esordito su PS4 con valutazioni abbastanza altalenanti da parte della critica di settore. Lo acquisterete o preferite temporeggiare?

NOTIZIA di Davide Spotti —   26/04/2019

Ne abbiamo parlato a lungo ma adesso l'attesa è finita: Days Gone è disponibile in esclusiva su PS4 a partire dalla giornata di oggi. Il nuovo survival game partorito da Bend Studio sotto la guida di Sony ha ricevuto valutazioni abbastanza altalenanti da parte della critica specializzata internazionale, evidentemente piuttosto divisa riguardo al peso specifico con cui andare a valutare alcune delle problematiche che l'opera si porta appresso.

A partire dalla trama, che prova a sintonizzarsi sulla frequenza delle emozioni pur senza riuscire a esaltare il giocatore alla maniera di un The Last of Us, per quanto si colgano evidenti similitudini sul piano del setting e delle meccaniche ludiche. A bilanciare alcune di queste mancanze c'è il protagonista Deacon St. John, ottimamente caratterizzato anche in virtù di un doppiaggio in italiano di grande qualità che rende il personaggio sfaccettato e credibile per l'intera durata della progressione narrativa.

Days Gone

Pur con una veste grafica che dona un ottimo impatto generale mantenendo i 4K dinamici e i 30 frame al secondo su PlayStation 4 Pro, dinamiche di crafting ben congegnate e accessibili con alcuni semplici passaggi e una longevità nell'ordine delle 40 ore di gioco complessive, Days Gone presta il fianco a critiche tali da non permettergli di sedersi al tavolo delle altre produzioni più blasonate realizzate da Sony in questi anni, da God of War al già citato The Last of Us, passando per Bloodborne e Marvel's Spider-Man.

Una delle problematiche evidenziate nel nostro pezzo riguarda la presenza di carenze legate all'intelligenza artificiale dei nemici, ma anche al ruolo della motocicletta, che dovrebbe costituire un po' il centro nevralgico del gioco e invece in più momenti della partita assume una veste tutto sommato marginale, specie durante le fasi di combattimento. Un altro appunto mosso all'opera di Bend Studio è correlato al tardivo ingresso in scena delle orde di Infetti, a fronte degli scontri ben più frequenti con gruppi più ridotti di Furiosi e alle sparatorie con gli aggressivi sopravvissuti noti come Ripugnanti.

Dg Wt Screens 1 1 1551085937

Per Francesco Serino, che ha curato la recensione di Days Gone pubblicata su queste stesse pagine, Days Gone rappresenta dunque una "occasione in parte sprecata per chi da certe premesse si aspettava un gioco più profondo e impegnativo, Days Gone rimane comunque un prodotto solido, completo, longevo, che non mancherà di fare proseliti. Interessante poi il supporto post lancio che, tra le altre cose, porterà nuove sfide e nuove modalità di gioco, magari anche più in linea con i gusti di chi, inizialmente, deciderà di guardare oltre. Permetteteci poi una menzione speciale al doppiatore italiano di Deacon St.John: di voci così ben modulate, nei videogiochi tradotti nella nostra lingua, se ne sentono raramente."

Voi che idea vi siete fatti di Days Gone? Gli darete una possibilità o preferite dirigervi su altri lidi per poi tornare sul discorso più avanti, magari in concomitanza con il primo taglio di prezzo? Parliamone.