Fallout 76 mostrato nella conferenza Bethesda all'E3 2018, sarà un gioco interamente online

Uno sguardo approfondito all'esperienza di Fallout 76 durante la conferenza Bethesda all'E3 2018

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   11/06/2018
48

Fallout 76 è stato mostrato durante la conferenza Bethesda all'E3 2018, presentato da Todd Howard. Prima è stata la volta del trailer già visto nell'Xbox Media Showcase, poi si è passati a una demo divisa in varie sequenze.

Senza dubbio uno dei giochi più attesi della fiera di Los Angeles, Fallout 76 è stato annunciato ufficialmente il 30 maggio, e poche ore fa lo abbiamo visto alla conferenza Microsoft.

Grande quattro volte Fallout 4, il nuovo episodio della serie è ambientato ai tempi dell'apertura del primo Vault, in uno scenario molto diverso da quello che abbiamo già visto in precedenza nel franchise.

La demo ha mostrato appunto il primo contatto degli uomini rinchiusi nel Vault con il nuovo mondo, nello specifico la zona del West Virginia, agibile per la prima volta dopo il disastro nucleare che ha devastato il mondo.

Fallout 76 sarà un gioco completamente online, ha rivelato Todd Howard. Sarà possibile giocarlo in solitaria, ma anche in multiplayer insieme ad altri utenti. Dozzine, non centinaia: qualcosa di diverso da un MMO. Saranno presenti elementi survival, naturalmente, e ogni personaggio sarà reale, ma al game over non si perderanno progressi e abilità.

Quale modo migliore per illustrare questi concetti se non presentando qualche sequenza di gameplay? E così Bethesda ha mostrato alcune fasi in-game con il gameplay cooperativo di cui si parlava, in cui gruppi di giocatori affrontano insieme lo scenario e le sue tante insidie.

Una parte consistente dell'esperienza di Fallout 76 sarà basata sul crafting, dunque potremo utilizzare degli strumenti per la costruzione di postazioni con la possibilità di gestirle e spostarle. Finché qualcuno magari non deciderà di utilizzare i siti di lancio nucleari ancora attivi per farci una sorpresa...

Nel gioco sarà infatti possibile raggiungere determinati siti, eliminare le orde di creature che li proteggono, procurarsi dei codici e quindi dar vita a veri e propri attacchi nucleari contro le postazioni di qualcuno che ci sta sulle scatole.

L'esperienza di Fallout 76 sarà supportata da un sistema di server dedicati e Bethesda ha intenzione di portarla avanti per anni. Ci sarà una beta e servirà dunque il supporto di tutti gli utenti per rifinire il gioco.